150 giorni dopo la fine dei giochi (con brivido finale). Riecco l’Atalanta, per ripartire

6



Domenica la Fiorentina ritroverà l’Atalanta esattamente 150 giorni dopo quell’eliminazione dalla Coppa che sancì lo sprofondo viola, e portò al rischio retrocessione. Oggi l’obiettivo è ripartire

LADDOVE TUTTO FINI’ Domenica, quando nerazzurri e viola scenderanno in campo, a Parma, saranno trascorsi esattamente 150 giorni da quell’Atalanta-Fiorentina che il 25 aprile scorso spazzò via i sogni di gloria gigliati e pose di fatto fine alla stagione della Fiorentina. La coda con brivido finale ed il rischio retrocessione non furono altro che una conseguenza di quel ko a Bergamo. A dire il vero era già partita nel ko di campionato proprio a Bergamo quando si narra di uni screzio acceso negli spogliatoi tra Pioli e il ds di allora Pantaleo Corvino. Ma questo è il passato. Laddove tutto finì con quella papera di Lafont, per Montella, c’è la volontà e la possibilità di ripartire. Perché oggi come 150 giorni fa, in campionato, all’aeroplanino cerca e cercava il primo successo dal ritorno sulla panchina della Fiorentina. Averlo centrato allora avrebbe voluto dire finale di Coppa. Ma anche questo, come detto, è il passato.

OBIETTIVO RIPARTIRE Domenica sarà invece l’occasione di poter ripartire. Finalmente. Perché se è vero che la squadra è stata praticamente rifondata ex novo, o quasi, e che contro Napoli e Juventus avrebbe meritato se non 4 almeno 2 punti, è altrettanto vero che la classifica dice 1 punto ottenuto dopo tre giornate. Ok le prestazioni contro chi si contenderà lo scudetto, con un velo pietoso già calato sulla prestazione di Marassi, ma adesso c’è da iniziare a vincere.

CHAMPIONS ARMA A DOPPIO TAGLIO La scoppola rimediata dall’Atalanta a Zagabria può essere un’arma a doppio taglio per la Fiorentina. Da un lato ci saranno sicuramente scorie fisiche e mentali dall’altra parte. Così come un morale sotto i tacchi dopo la figuraccia all’esordio in Champions League. Ma anche un ferito arrabbiato che ha voglia di reagire. 150 giorni dopo, di nuovo l’Atalanta sulla strada della Fiorentina. Con uno spirito e premesse diametralmente opposti a quello dell’ultima volta. E un epilogo auspicabilmente differente.

6
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
StaheHarmi
Tifoso
Noble Member
StaheHarmi

basta con quest’Atalanta manco fosse il Barcellona…asfaltiamoli e facciamoli tornare nella loro dimensione …cari bergamaschi a breve tornerete dove il calcio,nella storia, vi ha sempre collocato—fra A e B

Milan51
Tifoso
Il braccino americano: i soldi non mancano però

Sbruffoncelli non possiamo diventarlo dopo anni che ci stanno davanti. Forse potremmo diventare un po’ più maschi ma con Pulcinella possiamo fare solo le brave signorine, che ballano il tiki taka . A Milano hanno dovuto aspettare Ringhio per vedere se i giocatori avevano le palle o meno.

ClaudiodaSasso
Tifoso
claudiodasasso

Anni quanti? A leggerti sembrerebbe che sono vent’anni che ci stanno davanti. E se negli ultimi due o tre anni ci sono stati davanti, è perché loro hanno una programmazione finalizzata alla crescita, noi veniamo invece da una programmazione opposta da parte della vecchia proprietà. E il risultato delle diverse filosofie è la classifica dello scorso anno. La proprietà é cambiata, C’è uno che ha speso 160 milioni per comprare la società (il braccino corto, come lo chiami tu) e che ora ha dato vita a una programmazione con finalità di crescita di una rosa composta da giovani da far… Leggi altro »

Cristina Viola
Ospite
Cristina Viola

Ma taci Montella a Milano ha vinyo dupercoppa e li ha riportati in Europa dopo anni che non ci andavano.

Pierone
Tifoso
pierone

azzoppiamo Ilicic.

Scudetto nel 2021
Ospite
Scudetto nel 2021

Cretino

Articolo precedenteFortunato: “Ieri non c’era in campo l’Atalanta. Ma si rialzeranno come sempre”
Articolo successivoSgrò: “Chiesa non si discute. Fiorentina attenta alla reazione dell’Atalanta”
CONDIVIDI