2 vittorie al San Paolo, dopo 2 eliminazioni in Coppa… 

    0



    Montella e BenitezVincere al San Paolo, nonostante la crisi o pseudo tale del Napoli, non sarà facile. Non lo sarà mai per nessuno, perché è uno stadio caldo. Perché la città si stringe intorno alla propria squadra del cuore (almeno durante i 90 minuti). Perché il tifo è assordante. E questo la squadra viola lo sa bene. Infatti, nell’era Della Valle, tanto per limitare il paragone agli ultimi anni, la Fiorentina ha espugnato il San Paolo solamente due volte. Solamente due vittorie (al cospetto di 3 sconfitte e 3 pareggi, tra serie A e serie B).

    La cosa curiosa, però, è che le due volte che è successo di vedere la Fiorentina imporsi a Napoli, è stato dopo un’eliminazione da una Coppa. La prima vittoria viola al San Paolo della storia recente, risale al 14 marzo del 2010. La squadra di Prandelli vinse contro gli azzurri per 3-1, dopo essere passata in svantaggio (Lavezzi, Gilardino, Gilardino e Jovetic). E solamente pochi giorni prima, il 9 marzo, i gigliati furono eliminati dalla Champions League, dai tedeschi del Bayern Monaco.

    La seconda vittoria della Fiorentina a Napoli risale alla scorsa stagione. Gli uomini di Montella batterono quelli di Benitez grazie ad un gol dello spagnolo Joaquin, segnato a due minuti dal termine del match (all’88’). Era il 23 marzo 2014 e, solamente tre giorni prima, il 20 marzo, i viola furono battuti ed eliminati dall’Europa League, per mano della Juventus.

    Dunque, se è vero che ‘non c’è due senza tre’, è anche vero che la Fiorentina (purtroppo) è stata eliminata, appena due giorni fa dalla Coppa Italia. E sempre da ‘Lei’… Quindi, visti i precedenti, sarebbe fin troppo facile pensare e sperare di andare ad imporsi al San Paolo. Ma siccome non c’è cosa migliore che rimanere coi piedi per terra, senza sognare o aggrapparsi a teorie sterili e campate per aria che non portano né gol, né risultati, né punti, meglio far finta di niente. Meglio pensare che a Napoli è dura vincere, a prescindere. Far finta che il Napoli, in questo momento, sia la squadra più in forma della stagione. Ed entrare in campo con quella grinta che non c’è stata martedì sera, quando sarebbe servita. Eccome se sarebbe servita!

    La cosa che conterà al San Paolo, è non sbagliare partita. Perché, ora che un obiettivo è sfumato, ne restano solamente due. Uno è il campionato. E guadagnare ulteriore terreno sul Napoli sarebbe già un bel passo in avanti. Nella speranza, poi, di non perderne altro sulla Lazio, in modo da giocarsi il tutto per tutto nelle ultime cinque giornate di campionato quando, la squadra di Montella affronterà Cesena, Empoli, Parma, Palermo e Chievo, mentre quella di Pioli se la vedrà con Atalanta, Inter, Sampdoria, Roma e Napoli… Il calendario potrebbe dare una mano. Ma la prima a doversi aiutare, è proprio la Fiorentina…