A Genova il primo bilancio. Mancano punti, ma il valore della rosa è questo. Oggi possibili novità a centrocampo

27



Ultima gara del 2018, la Fiorentina sfida il suo ex allenatore. E’ già tempo di bilanci, manca qualche punto in classifica

L’incrocio, per la prima volta, con Cesare Prandelli. Una partita dal sapore speciale, che sul campo la Fiorentina deve provare a vincere ad ogni costo. L’emozione ci sarà, da parte dei tifosi viola che giungeranno al Ferraris e da parte del tecnico di Orzinuovi. Troppo intensa la sua parentesi viola. A tratti anche troppo bella. Le notti di Champions, le imprese compiute e quelle sfiorate. Un legame forte, non scalfito da un’ultima stagione deludente e da un addio fra qualche polemica di troppo. Prandelli sfida la sua Fiorentina da abbonato di Tribuna, sicuramente qualche vantaggio rispetto ai colleghi ce l’ha, perché dall’inizio del campionato ha sempre visto i viola al Franchi. L’emozione, però, ci sarà anche da parte sua. Lui che ha scelto Firenze per vivere. Innamorato della città e del colore viola.

In campo sarà battaglia, anche perché le due squadre devono riscattare il passo falso dell’ultimo turno. Fragorosa la caduta della Fiorentina in casa contro il Parma, brutta anche la sconfitta del Genoa a Cagliari. C’è voglia di rialzarsi subito. In casa gigliata Pioli ha raccontato di aver visto la giusta reazione in allenamento. La speranza è che i giocatori si portino in campo voglia, organizzazione, idee, concretezza e fantasia. Ingredienti che contro il Parma sono mancati (tranne la voglia, quella c’è stata). Non sono da escludere sorprese di formazione. Pioli è stato vago in conferenza stampa, ma spifferi dal Centro Sportivo raccontano di un centrocampo pronto a mutare pelle. In rampa di lancio c’è Norgaard, che se fosse davvero impiegato dal 1’ agirebbe davanti alla difesa. Ieri è stato provato, con Veretout ed Edimilson ai suoi lati. Il francese tornerebbe così in pianta stabile a fare la mezzala sinistra. E Benassi è in odore di turno di riposo.

Anche in difesa, complice la squalifica di Vitor Hugo, potrebbe cambiare qualcosa. Milenkovic è pronto a traslocare al centro, con Ceccherini in ballottaggio con Laurini per un posto a destra. Confermati Pezzella e Biraghi. In attacco i dubbi sembrano non esserci. Mirallas si riprenderà il suo posto nel tridente dopo l’influenza accusata nei giorni scorsi. Insieme a lui Chiesa e Simeone.

Al termine della partita del Ferraris si potrà stilare il primo bilancio stagionale. Lo ha annunciato Pioli e sicuramente non si tirerà indietro, anche se il pensiero del tecnico è fin troppo chiaro: mancano i punti con Frosinone, Bologna e Parma. Sono queste le tre partite incriminate, anche se ad onor del vero la Fiorentina in altre partite ha raccolto più di quanto meritasse, basti pensare alla vittoria di Milano ed alla partita interna contro l’Atalanta. Quindi, tutto sommato, l’attuale posizione in classifica rispecchia il valore della rosa.

Ad oggi la Fiorentina ha un punto in meno rispetto alla scorsa stagione, quando a fine campionato ha chiuso con 57 punti, che sono valsi l’ottavo posto. L’obiettivo dichiarato è sempre stato quello di voler migliorare la scorsa annata. Per farlo c’è da pedalare, ad ora la proiezione punti finale dice altro. Per questo, ad oggi, il bicchiere è sempre mezzo vuoto. Non tanto perché la Fiorentina sia distante da chi la precede in classifica (il gruppone è sempre numeroso per demeriti un po’ di tutti) quanto perché il rischio concreto è che la Fiorentina vada incontro alla terza stagione consecutiva del tutto anonima. L’occasione per dare continuità ed alzarsi un po’ in classifica c’è stata contro il Parma, ma puntualmente la Viola l’ha fallita per salire un gradino nella propria crescita. Sono campionati che va così: quando c’è l’impressione di poter fare bene, arriva puntuale la doccia fredda. Al 2019 non possiamo che chiedere un po’ più di continuità.

27
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
massimo
Ospite
massimo

Lafont Milenkovic Pezzella Hugo Biraghi Veretout Benassi Gerson Simeone Chiesa Pjaca Hancko VLAHOVIC Montiel Sottil, vi sembrano da buttare? E’ il mister che è da buttare che non riesce a dare un gioco alla squadra.

Massimo
Ospite
Massimo

Da buttare sono i DV!

Ruipersempre
Ospite
Ruipersempre

Di quelli se ne salvano 5…

F.R.
Ospite
F.R.

Questi discorsi sono di una faziosità enorme, da tifosi che vedono solo i loro comodi. Quando si dice che ti mancano i punti con Frosinone Bologna e Parma si fa finta di non vedere che: 1) Queste squadre non ti hanno rubato nulla e sul campo hanno dimostrato di non essere tanto inferiori,anzi, tatticamente si sono dimostrate più preparate. 2) Non si fa cenno a partite con Atalanta e Roma dove abbiamo rubato il risultato grazie a rigori inesistenti, e non si fa cenno nemmeno alla vittoria sul Milan che è venuta non si sa bene come. Quella era una… Leggi altro »

Alessandro_Toscana
Tifoso
Alessandro_Toscana

Rosa da salvezza tranquilla, come da prassi del m…ostro di Vernole!
Nessuna illusione, via i DV, meglio a Gubbio che con loro. I leccavalle sono tutti strisciato!

deno
Ospite
deno

…non vedo il motivo per il quale bisogna attendere la partita con il genoa per stilare il bilancio…la Fiorentina è questa indipendentemente dal risultato odierno….

Silver
Ospite
Silver

Ma l’estensore di questo articolo/opinione (sig. Latini) era forse un po’ assonnato (era mezzanotte), perché ha fatto considerazioni sul momento della Viola assolutamente non condivisibili, come del resto lo sono da molto tempo quelle di gran parte dei “media” che commentano le vicende del pianeta Fiorentina. Come facciamo a dire che i punti persi sono solo quelli con Frosinone, Bologna e Parma? Quelli persi in rapporto alle numerose e chiare occasioni/gol con il Torino, a Genova con la Samp. e al Meazza con l’Inter, dove li mettiamo? Anche se ne consideriamo in effetti qualcuno immeritato, abbiamo sempre lasciato per strada… Leggi altro »

I BISCHERO
Ospite
I BISCHERO

Sei Giuliano vero ?

Rocco54
Ospite
Rocco54

Vedremo se interessa LORO, e ho già detto TUTTO perché per “loro” intendo i proprietari, quelli che possono cambiare il DESTINO di questa accozzaglia eterogenea che insistiamo a chiamare “squadra”. Io non li amo e non li odio. L’odio – calcistico intendiamoci – lo riservo ai signori fiorentini ricchi che si definiscono “tifosi” e spesso hanno SOLO da criticare. Questi POTREBBERO togliere le castagne dal fuoco e provare a comprare la Fiorentina. Te li hai visti? Questa “squadra” è troppo fatta male per pretendere da lei una continuità positiva. Io continuo a dire che a “lavorare” costantemente sono sempre i… Leggi altro »

Braccinocorto.com
Ospite
Braccinocorto.com

Non andare in Europa quest’anno, vista la classifica ed il livello delle avversarie, è un delitto.

StefanoRoma
Tifoso
Stefano Roma

E con la Roma no? Ci hanno regalato un rigore quindi siamo in attivo anche perche’ quello che abbiamo perso e’ solo farina del nostro sacco!

Giordano
Ospite
Giordano

certo abbiamo uno staff tecnico che ci capisce tantissimo a fine girone di andata si fanno ancora sperimenti al centro campo

Silvano I vaia
Ospite
Silvano I vaia

Quello che manca a Firenze è una proprietà diversa dai della valle…

Articolo precedenteLa giornata viola: il riassunto
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI