Alla Fiera dell’Est… da Gulan-Ljajic a Milenkovic-Vlahovic, gli ‘affari’ tra Corvino e Pradè

17



Nikola Milenkovic e Dusan Vlahovic, difensore 19enne il primo, attaccante 17enne il secondo. Sono loro i (molto) probabili prossimi acquisti di Corvino in area balcanica. Due talenti dell’Est Europa, due giovani sui quali gli occhi degli osservatori si sono mossi da tempo. Un rapporto speciale, tra il Dg viola (e la Fiorentina) e la zona dell’ex Jugoslavia. Tanto che per anni si è parlato di Fiorentinavic. Da Jovetic-Ljajic-Nastasic a Gulan-Hable, pro e contro degli affari con i club dell’Est Europa.

Nel 2006/2007 arrivarono due serbi, ma da club europei: il portiere Vlada Avramov dal Vicenza, e il 20enne Zdravko Kuzmanovic (serbo-svizzero) dal Basilea per 5 milioni (rivenduto poi a 8). L’anno dopo si aprì la ‘tratta’ con il Partizan. Arrivò per 2,5 milioni Nikola Gulan, che andò via a parametro zero dopo cinque anni e 9 presenze totali in maglia viola. Una meteora (onerosa), insomma. Lo stesso anno approdarono in viola anche i cechi Ondrej Mazuch e Jan Hable. Il primo, difensore, arrivò per 2,8 milioni dal Brno, giocando appena due gare di coppa Italia; il secondo, centrocampista, per poco meno di un milione di euro dallo Hradec Králové, non giocando mai in prima squadra viola.

Nell’estate 2008 arrivava invece il montenegrino Stevan Jovetic, per 8 milioni dal Partizan. Un 19enne tutto riccioli, allora capitano del club serbo: cinque stagioni in viola (134 gare e 40 gol), prima di essere ceduto al Manchester City per 26 milioni di euro. A gennaio 2010 era il turno del serbo Adem Ljajic, per quasi 7 milioni sempre dal Partizan: 3 anni e mezzo in viola, 88 gare e 16 gol. Venduto alla Roma per circa 11 milioni di euro. Negli stessi giorni approdava in viola Haris Seferovic, svizzero di origini bosniache, dal Grasshoppers per più di un milione di euro: 12 presenze con 1 gol in prima squadra viola, prima di essere ceduto alla Real Sociedad nel 2013 per 3 milioni di euro. Nell’estate 2011 arrivava poi il serbo Matija Nastasic, per 2,5 milioni dal Partizan: in viola appena una stagione, per poi passare al Manchester City per 15 milioni più Stefan Savic (montenegrino).

Con Pradè il feeling tra la Fiorentina e l’Est Europa non si placa. Nel 2012/2013 arriva anche il polacco Rafal Wolski dal Legia Varsavia per 2,7 milioni, oltre al serbo Nenad Tomovic dal Genoa. L’anno successivo è il turno del croato Ante Rebic dall’RNK Spalato, per 4,5 milioni, oltre al montenegrino Marko Bakic dal Torino per circa 2 milioni totali. Inoltre arrivano anche lo sloveno Josip Ilicic dal Palermo per 9 milioni, oltre all’ucraino Oleksandr Yakovenko dall’Anderlecht a parametro zero. Nel 2014/2015 il croato Milan Badelj dall’Amburgo per 4,5 milioni, oltre allo sloveno Jasmin Kurtic in prestito dal Sassuolo e al giovane croato Ricardo Bagadur dal Rijeka per 500 mila euro. A parametro zero arriva anche il portiere rumeno Ciprian Tatarusanu, dalla Steaua Bucarest. A gennaio 2015 arriva dall’NK Domzale Jan Mlakar, attaccante ’98 sloveno oggi bomber della Primavera. L’anno successivo arriva il croato Nikola Kalinic dal Dnipro, oltre al centrocampista sloveno classe ’99 Vitja Valencic dall’Olimpia Lubiana.

Nel 2016/2017 il ritorno di Corvino come direttore generale viola: arriva il giovane portiere polacco Bartlomiej Dragowski dallo Jagiellonia per oltre 3 milioni, il rumeno Ianis Hagi dal Viitorul (con opzione viola già presente da un anno) e il croato Hrvoje Milic dall’Hajduk Spalato per poco meno di un milione, oltre ai giovani ’99 Adam Chzanowski (centrale polacco dal Lechia Gdansk) e Josip Maganjc (attaccante croato dall’Hajduk Spalato).

17
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Gati7777
Tifoso
gaetano

si tra tutti mi ricordo mazuch e hable ke nn giocarono mai!!!! nn capisco xke’ tanti li prende senza mai farli giocare e senza provarli!!!!

Luigi M
Ospite
Luigi M

Mi sembra che nel complesso gli acquisti risultati un bidone siano stati la maggioranza.

RAGIONIERE 56
Ospite
RAGIONIERE 56

Da 20 giorni Milenkovic e Vlahovic sono probabili acquisti. ora vuol restare anche Badely e non s’incassa nemmeno quei due spiccioli. Tra una settimana arriva uno squadra di seocnda fascia, paga e porta via i due IC.

fabietto
Ospite
fabietto

insomma fra nastasic jovetic ljiaic savic abbiamo speso 15 milioni e ne abbiamo fatti 90 di plusvalenza!
mica pochi!
………. aspettando la cessione di kalinic a giugno!
speriamo che Milenkovic-Vlahovic frutti altrettanto!

paolo, orgoglio viola
Ospite
paolo, orgoglio viola

“molto probabili” e “prossimi” acquisti?
Ma non erano già stati presi e strombazzati ai quattro venti…
Ho capito, alla fine firmano per la Lazio

Cuoreviola
Tifoso
Noble Member
cuoreviola

Senza pensare ai quattrini investiti e guadagnati direi comunque più dolori che gioie dai giocatori dell’est per come giocano e l’impegno che mettono al servizio della squadra. Tutti comunque discontinui e su cui non si può fare affidamento. Un giorno da leoni e 100 da pecore. Vedi Jovetic, Ljajic, Badelj e Ilicic. L’unico affidabile sembra essere proprio Kalinic e sicuramente se ne andrà. Le persone serie non rimangono in questo circo di acrobati dell’euro e delle plusvalenze. Adesso speriamo nei nuovi acquisti ed in quelli che abbiamo nella Primavera, ma caratterialmente mi sembra che quelli dell’est siano più o meno… Leggi altro »

Francesco
Ospite
Francesco

Se si fa la somma di quanto speso per tutti gli Slavi che sono stati comprati e la somma di quanto ricavato dalla loro vendita, si vede che c’è un ricavo positivo, ma non di molto. Questa è la dimostrazione che si compra tanto a poco, ma ci si ritrova fra le mani poco o nulla. L’esempio deve essere l’Atalanta che evidentemente ha una ottima squadra di osservatori che valutano bene e spendono a ragion veduta. Noi abbiamo corteggiato il Gomez quando era a Catania, ma non abbiamo voluto spendere i 7 milioni che volevano. Oggi vale, per la squadra,… Leggi altro »

Mike71
Ospite
Mike71

In attesa dello stadio è giunta l’ora di fare autofinanziamento vero e non per finta come fanno i DV. Dare in mano il settore giovanile a gente esperta e non a Corvino, solo così si può fare come l’atalanta quest’anno. Ritrovarsi con 4 o 5 giocatori che ti pagherebbero 25 milioni l’uno sarebbe tanta roba e noi essendo la Fiorentina non avremmo manco la necessità di venderli tutti, ma al massimo due per poi reinvestire (veramente) in giocatori più maturi e forti. Poi si sa ci vuole anche fortuna, ma di giovani forti prima di Berna e Chiesa ne ho… Leggi altro »

Grulloparlante
Tifoso
Grulloparlante

Nastasic-savic è un operazione che ha fatto pradé-macia, così come Hagi…. non corvino, lui semmai lasciò El hamdaui, come acquisti fatti a gennaio per giugno…

deodato
Ospite
deodato

nastasic lo prese corvino e lo ha rivenduto pradè

www.casaccaviola.com
Ospite
www.casaccaviola.com

Dall’est quando abbiamo speso sono sempre arrivati ottimo giocatori … jovetic, ljacic , nastsic , kuzmanovic … quelli da poco erano poco boni …AAAACERCO VECCHIE VECCHISSSIME MAGLIE DI FIORENTINA, contattami ad [email protected]

deno
Ospite
deno

La Fiorentina prende Milenkovic in sostituzione di Rodriguez. La Juventus prende Caldara, lo lascia all’Atalanta per un altro campionato a farsi le ossa per poi metterlo in sostiuzione di Bonucci o Chiellini. Da una parte si gioca sul fato sperando in un rapido ambientamento, altrimenti sono dolori, dall’altra si programma per il futuro.

L\'Omino di Ferro
Ospite
L\'Omino di Ferro

Da una parte arrivano 400 milioni di fatturato … dall’altra nemmeno 100 … chi prende quello più forte ? Altro esempio: te Deno guadagni 1000 euro al mese, il tuo vicino di casa 4000 euro al mese ? Chi è che rimorchia le meglio fihe ? E’ inutile che tu dica che sei bello, lo sai benissimo come funziona …

Mike71
Ospite
Mike71

Premesso che la storia del fatturato è vera, l’esempio però non calza punto. Diciamo che se uno guadagna 1000 e l’altro 4000, la mercedes classe E oppure il BMW serie 5 lo compra quello che guadagna 4000. Le meglio fihe se hanno un minimo di intelligenza vanno con la persona più affidabile e più seria e non con la più ricca, perché voglio ricordarti che i soldi li fa chi spende poco e non chi guadagna parecchio. Conosco gente con il conto in rosso anche se guadagna un botto e gente con uno scatafascio di soldi con uno stipendio normale.

gore
Ospite
gore

ho capito i paragoni, ma scusate, si parla di calcio e di fiche? altrimenti subentra anche il discorso del “manico” più grosso ma credo che col calcio ci incasti poco.

MoNrOo
Ospite
MoNrOo

Dare 15 mln non è programmare il futuro, è buttare soldi (se non va bene).
Programmare sarebbe stato prenderlo in estate e pagarlo il giusto o meglio ancora tirarlo fuori dalla primavera. Diciamo le cose come stanno.

UbriacoDiViolone
Ospite
UbriacoDiViolone

Spendendo corca 25ml per l’operazione Caldara…

Articolo precedenteNuovo Stadio: Mercafir a Castello, ecco perché ora si può
Articolo successivoBernardeschi, Chiesa e Saponara: il futuro è già cominciato nel segno dei giovani talenti
CONDIVIDI