Alla scoperta dei LOREN, la band che ha dedicato una canzone a Batistuta e Antognoni

5



Due chiacchere in esclusiva con la band che nell’ultimo singolo celebra, tra gli altri, due miti della storia della Fiorentina

Solo qualche giorno fa è uscita una canzone che sembra destinata a entrare dritta nel cuore e nelle orecchie dei tifosi viola. Perché? Basta citare una parte del ritornello: “Non sai cosa darei per rivedere Batistuta che zittisce Barcellona, che ci spara con il mitra. Non sai cosa darei per sfiorarci la pelle mentre il ragazzo che guardava le stelle illuminava Firenze“.

Il pezzo in questione (di cui trovate il video in fondo alla pagina) si chiama ‘Giganti‘ e a suonarlo sono i LOREN, una band tutta fiorentina formata da cinque ragazzi. A produrli c’è una casa discografica di tutto rispetto del panorama indipendente italiano come la Garrincha Dischi, la stessa de Lo Stato Sociale. La band del neo giudice di XFactor Lodo Guenzi, per intendersi.

Fiorentina.it ha fatto due chiacchiere in esclusiva con la band, per capire meglio cosa c’è dietro al loro progetto.

Il ritornello della vostra canzone ‘Giganti‘ cita eroi dello sport italiano, come Simoncelli e Pantani, ma soprattutto di quello fiorentino, come Batistuta e Antognoni. Come mai?
Da buoni fiorentini noi siamo tifosi viola. Per noi è stato naturale citare le cose che più ci hanno emozionato. Questa è una canzone dedicata ai nostri miti e noi, nati negli anni Novanta, ci ricordiamo bene le esperienze in Curva Fiesole per vedere Batistuta e ancora di più la partita contro il Barcellona. Io in particolare (dice Francesco il cantante, ndr) ho impressa perfettamente la faccia di mio padre che esulta ed è uno di quei ricordi che ti si piantano nella memoria e non se ne vanno più. Momenti di gioia che ti porti dietro per tutta la vita.

Di Antognoni ci siamo innamorati attraverso i racconti. Ed è bello come una città come Firenze riesca a conservare il mito dei suoi campioni che hanno fatto la storia del calcio non solo fiorentino ma anche italiano e mondiale. La Fiorentina e il suo pubblico tramandano di generazione in generazione la storia delle proprie ‘leggende’. Non è una cosa che capita dovunque. Basti pensare alla Juventus e al modo in cui i bianconeri hanno ‘abbandonato’ gente come Del Piero e Marchisio, solo per i citare gli ultimi esempi in ordine di tempo.

A Firenze ci dividiamo su tutto, ma poi quando c’è da compattarsi intorno a chi ha dato tutto per questi colori lo facciamo come nessun altro. E non ce lo dimentichiamo più. Questa canzone ne è una piccola testimonianza.

Al di là delle citazioni sportive, qual è il messaggio della vostra canzone?
È il contrasto tra la modernità con la sua velocità e le cose che rimangono per sempre. Parla di momenti che si perdono per stare al cellulare e di momenti che invece restano in eterno come il gol di Batistuta al Camp Nou, le vittorie di Marco Simoncelli, la scalata di Marco Pantani sul Mont Ventoux e l’eleganza di Giancarlo Antognoni. Figure e ricordi che ti rimangono impressi per sempre nella memoria. Momenti che passano in una frazione di secondo e momenti che invece non se ne vanno più“.

Una band unita non solo dalla provenienza geografica ma anche dalla passione per la Fiorentina quindi…
A Firenze chi non è mai stato allo stadio o non ha la Fiorentina come parte della propria cultura? È molto totalizzante nella nostra città”.

E della Fiorentina di oggi che cosa ne pensate?
Da nati negli anni Novanta, il calcio che ci piace è un po’ quello che cantiamo anche nella nostra canzone. Un calcio fatto di sentimenti se vuoi superiori, con giocatori come Batistuta o Antognoni che si legavano alle città in un modo molto più forte.

Il calcio di oggi lo seguiamo ovviamente, da tifosi come siamo, però ci piace molto meno. L’unico giocatore in cui rivediamo un po’ quel sentimento è Chiesa, forse anche per via del padre, e quindi la speranza è che lui ripercorra un po’ la strada dei campioni del passato“.

Il nome della band da dove viene?
Ovviamente se dici Loren ti viene in mente Sophia Loren. In realtà ha altri significati. Innanzitutto è la parte centrale della parola Florence. E poi deriva dalla famiglia Lorena, la prima ad abolire la pena di morte, proprio in Toscana e a Firenze. Inoltre donarono il patrimonio della città ai fiorentini“.

Tutto nelle vostre influenze riporta molto alla città di Firenze…
È una scelta. Troppe volte gli artisti scappano dalle proprie città per andare a Milano piuttosto che a Roma. Però per noi è un po’ una scelta del c…. È bello affermarsi in casa propria. Crediamo nelle cose che crescono dove sono nate, e che poi possono essere esportate anche altrove. Cercare di fingersi diversi o fare l’accento milanese per rientrare in certe categorie di artisti a noi è una cosa che proprio non piace”.

Quindi se chiudete gli occhi e pensate al posto dove in assoluto vorreste suonare in futuro la riposta è scontata…
Vabbè, il Franchi ovviamente“.

Due singoli sono già usciti. Preso fuori il disco?
Sì sì, il disco è già pronto e uscirà a dicembre. E poi ci sarà un tour che partirà, neanche a dirlo, da Firenze“.

Viste le citazioni, sapete se alla Fiorentina hanno già sentito la vostra canzone?
Sì, ci siamo già sentiti con la società viola e quindi è possibile e probabile che ci sarà un riscontro“. 

Questo il video di Giganti, uscito martedì:

5
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
fra,scandicci
Ospite
fra,scandicci

LA casa discografica è “Garrincha Dischi” e non Garricha come avete scritto… Fra l’altro, un altro rimando ad una delle ali brasiliane più forti di tutti i tempi che inventò il doppio passo ed ubriacava tutti con le sue finte… forse anche per una gamba più corta di un’altra si dice…

Francesco
Ospite
Francesco

Mi piacciono

Nickskywalker, Naboo
Ospite
Nickskywalker, Naboo

Ma non sono gli AMARCORD loro?

Redazione Fiorentina.it
Admin
Active Member

Giucas
Ospite
Giucas

Loren sì, ma Sofia!!!!!!

Articolo precedenteFrosinone-Fiorentina, VOTA la FORMAZIONE dei TIFOSI
Articolo successivoDirige Pasqua, l’arbitro di Fio-Benevento che si meritò gli applausi nel giorno di DA13
CONDIVIDI