Altri 11 km a referto per Simeone. Ma zero tiri. Nelle ultime due gare solo un tiro a Milano

67



L’argentino non ha fatto bene contro l’Atalanta. Altra gara di sacrificio, ma senza incidere non tirando mai in porta

I dati parlano chiaro. Anche contro l’Atalanta Gio’ Simeone è stato tra quelli che ha percorso più chilometri di tutti in campo. Anzi, quello che ne ha coperti di più con oltre 11 km messi a referto.

E non è la prima volta. Anzi. Dopo Biraghi, che di mestiere fa l’esterno di lunga percorrenza, l’attaccante viola è quello che in media ne fa di più. Sacrificio, garra, verissimo. Ma resta il solito dubbio: è questo che un centravanti deve fare? Nel calcio di qualche anno fa le risposte sarebbero state sicuramente tutte negative. Anche perché il compito principale di un attaccante, teoricamente, sarebbe quello di tirare in porta e finalizzare. Ed invece, lo stesso referto che premia la generosità di Simeone, contro l’Atalanta recita alla categoria conclusioni un sonoro e triste 0 alla casella del Cholito. E se si fa la somma con quello che si è visto a San Siro martedì, per quanto almeno lì fosse stato un po’ più al centro del gioco offensivo della Fiorentina, i tiri totali sono solamente 1. Sì, 1 soltanto. Quello parato da Handanovic sul quale Simeone poteva e doveva fare sicuramente meglio.

Non sta vivendo un grandissimo momento di forma l’argentino. E lo si è percepito chiaramente contro la Dea. Stanco, stanchissimo, e a volte poco lucido come quando nel secondo tempo ha preferito involarsi da solo piuttosto che servire Chiesa solo dall’altra parte. Generosità non premiata. Perché in fondo Simeone è questo. E lo ha ribadito più volte anche lo stesso Pioli. Fa ciò che ha nelle caratteristiche. Aiuta la squadra in fase difensiva pressando alto, sbattendosi sempre come un dannato, non tirandosi mai indietro quando c’è da fare la guerra. Ma in una gara come quella di ieri in cui la Fiorentina davanti non riesce quasi mai a farsi vedere, anche lui scompare fino a toccare pochissimi palloni. Fin qui, in 7 presenze, ha messo a segno due reti. Tirando, però, solamente 12 volte in tutto. Una media, dunque, di 1,7 tiri a partita. Troppo pochi, per un centravanti.

In attesa di tempi migliori, dunque, il Cholito. Con la possibilità di ricaricare le pile in vista della Lazio domenica, per poi volare oltreoceano dove lo aspetta una nuova chance con la sua Argentina.

67
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
LaFleur
Tifoso
Noble Member

È il centravanti con più km della serie A

marcomugello
Ospite
marcomugello

si fa per parlare, ma qualcosa andrebbe fatto… magari un 4231 con Vlahovic dietro Simeone… Vlahovic ha un possesso di palla funambolico, dribbling, tiro preciso e forte , passaggio splendido, e pesa quanto un vitello…non gli tolgono palla… in Primavera gli saltano subito addosso in 2 o 3, e segna e fa segnare lo stesso… Ai miei tempi si girava in moto col fil di ferro, e in auto con una calza da donne, ( per la frizione, dal finestrino..) e ci si cavava sempre per tornare a casa… oggi se per sostituire Ronaldo non hai Messi, non sai come… Leggi altro »

marcomugello
Ospite
marcomugello

Probabilmente Simeone è bravo e segnerebbe, ma la Viola usa un centravanti che viene lasciato solissimo, probabilmente non si può permettere di aiutarlo in attacco durante le varie fasi della battaglia senza sguarnire il centrocampo… Praticamente servirebbe un Toni, che cattura di forza il pallone, poi protegge e fa salire la squadra, o se è vicino all’area sbarba lo stopper e va al tiro da solo… quando era col Genoa Simeone era un folletto cattivo e veloce che era sempre solo sull’ultimo passaggio… magari il Genoa perdeva, ma Simeone sembrava un dio del calcio…ora sembra un corridore sui 10.000 metri… Leggi altro »

Pepito forever
Ospite
Pepito forever

è solo e sembra sempre solo perchè non sa difendere il pallone e quindi non riesce a far salire la squadra. Non è che l’allenatore lo lasci solo, è lui che non riesce a fare avvicinare i compagni. Pepito aveva la stessa stazza di Simeone ma faceva la prima punta come lui e la faceva in modo sublime. I compagni gli giravano tutti intorno e lui dispensava pennellate per tutti oltre a scaraventarla dentro.

Ugoh
Ospite
Ugoh

Il giorno che Simeone troverá un allenatore che gli affiancherá una vera prima punta, un vero bomber sará la sua fortuna!
Lui non é adatto per quel ruolo lui é una seconda punta!

scarpetta
Ospite
scarpetta

una seconda punta in genere ha importanti doti tecniche abbinate a velocità e agilità. Non mi sembra si tratti del caso in questione.

Puntero vero cercasi
Ospite
Puntero vero cercasi

Simeone resta quello dello scorso anno, un modesto attaccante con scarsa tecnica, scarsissimo tiro e grande rabbia agonistica. L’anno scorso è arrivato a 13 goal ma a che servono se concentrati in un ridotto numero di partite? Se avesse fatto tutti quelli sbagliati da pochi metri di fronte al portiere forse parleremmo di un attaccante diverso ma invece non segna mai e si mangia goal inimmaginabili per una centravanti. A noi serve un attaccante almeno da un goal (vero) ogni due partite. Niente di nuovo sotto al sole, anche quest’anno giochiamo senza prima punta.

GianniB
Ospite
GianniB

La conclusione, stanti i fatti, lascia aperte due ipotesi: o Simeone è stato sopravvalutato fin dall’inizio e in realtà è solo un ragazzo volenteroso e nulla più, oppure il pur bravo Pioli non ha ancora capito come e dove lo deve far giocare. Terza e ultima: c’è un po’ di tutte e due le cose.

Alebg
Ospite
Alebg

Quarta:
Non ci capisci nulla di pallone.

marcomugello
Ospite
marcomugello

Spiega perché…. il tuo enunciato lo abbiamo capito, dimostralo… altrimenti è un’opinione come dire che la pioggia di notte bagna le scarpe.

Sempreviola93
Tifoso
Sempreviola93

Secondo me ha sbagliato ruolo, doveva fare il mediano come il babbo.

Federico
Ospite
Federico

E sarebbe diventato un top

Ciocio
Ospite
Ciocio

È difficile giudicarlo,ieri ero allo stadio
e sinceramente ha fatto molto poco…
Però la cosa più preoccupante è che non gli arriva un pallone giocabile da un
centrocampo purtroppo sprovvisto di idee….non è cero il Bati che i gol li creava da solo…

bocchins
Ospite
bocchins

Ieri ,ierlaltro e 4 quinrti dellaltranno!!!

Riccardo Viola
Ospite
Riccardo Viola

E’ pronto per la prossima maratona di Firenze….
Secondo me dovrebbe correre meno in modo da essere più lucido vedi occasione a san siro con l’inter per fare un esempio ma potrebbero essere tantissimi…
Io non ho ricordo di tanti centravanti corridori nella storia del calcio… E’ giovane non è un fenomeno ma un discreto giocatore con tanta voglia di fare…magari bisogna lavorarci su e frenare anche i suoi entusiasmi che lo portano a correre inutilmente a fare dei pressing inutili.

Tano
Ospite
Tano

basta mettergli una punta a fianco, simeone è una mezza

Aristarco Scannabue
Ospite
Aristarco Scannabue

Una mezza s..a? Sicuro.

LUIGI M.
Ospite
LUIGI M.

Corre molto, si danna l’anima, ma quando parte in contropiede spesso non ha un compagno accanto. Comunque io ritengo sempre che a questa squadra manca un regista che lanci le punte.

Articolo precedenteDomenica la Lazio. Radu dovrebbe tornare disponibile per la gara contro i viola
Articolo successivoEtà media: Fiorentina la più giovane. Non solo d’Italia, ma anche d’Europa
CONDIVIDI