Ancora Astori: “Mi spaventa non giocare l’Europa, ma è la cosa giusta”

10



Queste le ulteriori parole di Davide Astori in esclusiva ai microfoni di Radio Bruno: “Non giocare l’Europa? Sinceramente un po’ mi spaventa: negli ultimi tre anni ero abituato ad avere la settimana scandita da tre partite. Avere la settimana lunga permette di concentrarsi di più sul campionato. Probabilmente con questo nuovo ciclo è anche un fattore positivo. I tifosi vorrebbero vedere giocare l’Europa, ma in questo momento è il passo più giusto da fare”.

Europa più difficile? Ancora è difficile porci obiettivi perché non abbiamo una squadra definita, per cui non possiamo capire dove possiamo arrivare. Sicuramente non sarà una risposta che daremo a breve. Però, abbiamo gli stimoli per voler far bene e arrivare più in alto possibile. Certo, è difficile, quasi utopico, pensare di combattere con squadre che stanno spendendo così tanto e che spenderanno ancor più ad agosto”.

Ho avuto incertezze sul risposare il viola? Non ho ricevuto offerte concrete, per cui non mi sono trovato in una decisione drastica. So di aver fatto due anni importanti qui e voglio continuare così, e credo che la società lo voglia altrettanto. L’anno del Mondiale? Questo per me è un anno fondamentale, è una delle mie ultime occasioni per poter andare in una competizione importante come i Mondiali e magari agli Europei successivi. La Fiorentina sarà il tramite importante per questo passo. Spero comunque di poter vivere una bella annata personale ma anche di squadra”.