Ancora Cognigni: Stiamo adottando politiche rivolte ai tifosi, alla loro fidelizzazione

    0



    Mario CognigniNell’intervista a La Nazione il presidente della Fiorentina Mario Cognigni ha parlato anche della questione sulla legge sugli stadi e la necessità di fidelizzazione dei tifosi…

    Presidente Cognigni, il sistema calcio manifesta lacune e da molte parti accusano la Fiorentina di non avere peso all’interno della Lega.
    «Il sistema calcio italiano è obsoleto in molte sue componenti e anche per questo il nostro campionato è diventato meno appetibile di altri, le nostre squadre difficilmente riusciranno ad imporsi al confronto con le grandi europee».
    Quindi?
    «Questo non significa che dobbiamo rimanere immobili in attesa che qualcuno, non meglio identificato, trovi una soluzione. Il sistema calcio nel suo complesso va considerato un grande contribuente, una risorsa. La mancanza di una legge chiara sulla realizzazione di stadi, il cui iter procedurale prevedrebbe comunque anni per completare l’impianto, non deve costituire un alibi per l’immobilismo societario».
    Qual è la priorità?
    «La fuga dagli stadi va arrestata. La Fiorentina, in controtendenza, sta adottando politiche rivolte al coinvolgimento dei tifosi, alla loro fidelizzazione. L’utilizzo dei social network ha senso come porta d’accesso ai contenuti, ed ai negozi del club. La scommessa è trasformare il follower in affiliato. Anche il governo societario rappresentato in Lega manifesta i segni del tempo. Spesso si assumono decisioni conformi al volere di soggetti con interessi più o meno evidenti o bisognosi di ossigeno per sopravvivere; uscire da questa logica potrebbe essere impegnativo per la Lega, ma si avrebbe maggior trasparenza e probabilmente un piano di crescita di mercato per tutto l’organismo societario».