Ancora Commisso: “Basta cori sull’Heysel, Castrovilli presto in Nazionale. Chiesa…”

56



Appello accorato del Presidente della Fiorentina: no ai cori sull’Heysel e contro i meridionali. Castrovilli presto in Nazionale, su Chiesa tante fake news

Seconda parte dell’intervista a Rocco Commisso al Corriere dello Sport. Si parla subito di Juventus: «Sarà dura, molto dura, ma sono convinto che vedremo una grande Fiorentina. Mi aspetto uno stadio pieno e bellissimo, pieno e civile».

Lei non usa il termine civile a caso. Che cosa pensa dei cori sull’Heysel? 
«Non voglio più sentirli né sull’Heysel né su Scirea. Si va contro i miei principi. E non voglio più neanche quelli contro il sud. Io sono calabrese, Joe Barone è siciliano, Montella è napoletano, attaccare i meridionali è attaccare noi. Non so chi abbia fatto quei cori, non li conosco, ma non voglio più sentirli. Ai leader della Fiesole dico: controllate i pochi che lanciano quelle urla. La Fiorentina è di tutti, mia, dei tifosi e della Fiesole. Quei cori e la violenza no».

Anche per lei questa con la Juve è una partita speciale, sotto molti punti di vista. 
«Per il mio tifo da bambino…».

Non solo. Ma ci arriviamo. 
«Ho cominciato a giocare a 6-7 anni, per me l’unico sport era il calcio. Cominciai a tifare Juve perché lì c’erano i migliori giocatori, Sivori, Boniperti, Charles, Nicolè, e perché dal mio paese emigravano a Torino per lavorare, non a Roma o a Milano. Non sono mai andato allo stadio. Ricordo il blocco juventino ai Mondiali ’82, ma lì c’erano anche Antognoni e Graziani. Prima di arrivare alla Fiorentina avrò visto due partite, una della Nazionale, a Udine, e una dell’Inter, a San Siro, non ricordo neanche contro chi».

Giocherete alle 3 di pomeriggio, si dice su richiesta della Juve perché così verrà vista anche in Cina.  
«Mi può andare bene, non mi lamento. Ma mi chiedo se la decisione nasca sul momento o ci sia qualcosa di pianificato, non lo so. I diritti tv all’estero sono importanti, ho molti contatti qui in Usa, ma adesso non posso occuparmene, non ho tempo. Alle riunioni di Lega andrà Barone, poi vedremo».

La sfida con la Juve è anche contro il club del caso dell’estate: Chiesa.
«Non abbiamo mai ricevuto una telefonata dalla Juventus o da qualsiasi altro club. La nostra posizione è sempre stata chiara. Però qualcuno continua a tirare fuori sempre la stessa storia, facendo del male al ragazzo. Leggo che Diego Della Valle mi avrebbe fatto lo sconto a patto di non vendere Chiesa: ma quando mai? Le pare che tolgano settanta milioni da una trattativa? Prima di scrivere fake news i giornalisti dovrebbero verificare le notizie, bastava farmi una telefonata».

Ha visto Chiesa in Nazionale? 
«Ha giocato bene, servito un assist. Quando lo vedo in azzurro mi emoziono. Gli manca solo il gol. Deve sbloccarsi, spero lo faccia già sabato».

Secondo lei chi sarà il prossimo giocatore della Fiorentina che verrà convocato da Mancini?
«Castrovilli. Gioca veramente bene, ho letto che faceva il ballerino. E poi abbiamo Sottil e Ranieri in Under 21. Tanti giovani e di talento. Vlahovic è forte. Montiel è bravo. Non mi prendo meriti, perché c’erano già prima. Mi chiedo solo perché Castrovilli non giocasse già a Firenze l’anno scorso».

C’è entusiasmo tra la gente, ma alla fine conteranno i risultati. Non dovessero arrivare, molti metterebbero in discussione Montella.
«I tifosi metteranno in discussione anche me, lo so, fa parte della vita».

Lei cosa ne pensa del tecnico? 
«E’ diverso da me. Lui è sempre calmo, pacifico, io sono più portato a urlare. Ci sono allenatori che stimolano in modo diverso, ma non dico meglio o peggio. Montella è diverso. Il suo lavoro è un cantiere aperto perché ci sono tanti giocatori nuovi, che neanche si conoscono tra loro. Abbiamo bisogno di tempo. Con il Napoli la squadra mi era piaciuta, con il Genoa no. Vediamo con la Juve».

Lo stadio la emozionerà.
«Lo penso anch’io. Ma prima c’è la partita delle ragazze».
 
Domani, con l’Arsenal. 
«L’ingresso è gratuito, mi aspetto che vada molta gente a tifare per loro. Ci conto. La Fiorentina è una grande comunità».

CLICCA QUI PER LEGGERE LA PRIMA PARTE DELL’INTERVISTA

56
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Lucumone
Ospite
Lucumone

Penso che un’incessante ed elegantissimo iuve iuve vaff…….sia sufficiente. i cori beceri e cafoni sui morti lasciamoli alle città becere e cafone. Firenze è altro.

Robe
Ospite
Robe

Grande Rocco

Gilbert
Ospite
Gilbert

Ma quanto parla

Marco77
Ospite
Marco77

Lo intervistano e lui risponde: che roba assurda, vero?

Pacco dono
Ospite
Pacco dono

Molto onesto nel sottolineare che per Castrovilli, Montiel, Sottil, Ranieri e Vlahovic bisogna ringraziare chi c’era prima di lui.

GiancarloMiami
Tifoso
GIANCARLO

Quello che non ha detto e che gli prenderebbe a calci in c…o per therau, eyseriche, simeone, dabo, cristoforo,,,etc etc, un DS non può sbagliare il 50 % degli acquisti ed essere essaltato per quelli buoni…

Ricky
Ospite
Ricky

Occhio!!! Che prima di tutto Rocco è un uomo d’affari. Quindi se ha sentore che l’affare non si fa in tempi ragionevoli, ci mette un lampo a mandare tutto e tutti a quel paese, dopo ovviamente e aggiungo giustamente essersi ripreso, con gli interessi, quanto a versato. E sapete bene a cosa alludo.

Alicanteviola1
Tifoso
tifoso dal 1950

Pane al pane e vino al vino. senza tergiversare o ciurlare nel manico. Mipiace!!!!!!!!

Luca
Ospite
Luca

Volere e’ potere. Se il sistema calcio volesse potrebbe sicuramente individuare i 500 cretini di ogni tifoseria e metterli un po’ al fresco, l’80% di questi cretini frignerebbero subito e non metterebbero più piede dentro uno stadio, l’altro 20% cambierebbe sport.

Ceccaref
Tifoso
ceccaref

Si tifa per la propria squadra e non contro l’altra, come avviene in Premier League dove non esistono manco i cori razzisti o gli ululati contro chi è di colore.

La differenza è solo questa.
Andrebbe spiegato a quelli che si pavoneggiano facendosi chiamare “Ultras” che il tempo è finito e che devono cambiare marcia e non restare fermi al medioevo.

TheNightFlyer
Ospite
TheNightFlyer

Questi cori li sento da sempre. Ho anche assistito a scene tipo allegro pestaggio collettivo nel muso a chi tentava di riprendere col telefono chi li lanciava. Al momento non c’è nulla da fare, se non chiudere gli stadi. Ma, TRANQUILLI, quello non lo faranno mai (e invece un annetto o due senza arene calcistiche a questi imbecilli leoni del coro farebbe proprio bene).

Bugiardo
Ospite
Bugiardo

Pestaggi collettivi? Ma quante cazzate spari!

Coppa Italia 2014 Roma
Ospite
Coppa Italia 2014 Roma

Ah!
Perchè , quei tifosi viola che a Roma nel 2014 volevano tifare per la propria squadra non sono stati minacciati, spintonati, malmenati da alcuni ultrà (a me risulta del 1926 ma non posso giurarci e qui mi fermo) , dicevo quei tifosi si sono inventati tutto eh?
Non era arrivato l’ordine da Genny la Carogna di non tifare e quindi non si doveva tifare, no, vero?, tutto falso eh?
.

Peravvf
Member
peravvf

Sicuramente va condannato i cori sull’Hajsel ma bisogna far presente che anche gli altri non sono da meno. Ci danno degli “alluvionati”, durante l’alluvione sono morte 34 persone. Come sempre ci sono due pesi e due misure. Noi su tutti i giornali e loro no. Noi i cattivi e loro i buoni, ora basta- Protestate nelle giuste sedi, altrimenti ci metteranno sempre piedi in capo.

Articolo precedenteCommisso: “Stadio? Sono deluso, vedo percorso ad ostacoli. Sul mercato ho scoperto il potere degli agenti”
Articolo successivoMontella: “Juve fortissima, ma vogliamo svoltare. Saremo coraggiosi e belli”
CONDIVIDI