Ancora Gonzalo Rodriguez: “Vogliamo vincere un trofeo. L’affetto dei tifosi…”

    0



    gonzalo veronaEcco la seconda parte dell’intervista realizzata da Radio Blu a Gonzalo Rodriguez: “Siamo un po’ pochi, si, se viene qualcuno per dare una mano alla squadra va bene, siamo cinque o sei difensori tutti forti, stiamo bene anche con quelli che abbiamo. Nuovi arrivi? Matri è un giocatore importante, in quel ruolo, con due infortunati come Rossi e Gomez ha il suo spazio e serviva lì davanti uno come lui. Anderson si è allenato poco con noi, ma sappiamo che viene da una squadra molto forte, giocare per molti anni al Manchester non è da tutti, ha portato qualità alla squadra. Scudetto? Pensiamo a questo campionato, già la prossima gara sarà importante per il nostro sogno, che è la Champions. Gomez? Non ci alleniamo sempre insieme, lui si allena in altri momenti, ma vedendolo allenare lo vedo un po’ meglio. Deve avere pazienza, noi lo aspettiamo, sappiamo che è un giocatore importante. Crescita della Fiorentina? Prima del mio arrivo c’erano stati un paio di anni difficili, quando abbiamo iniziato questa avventura non pensavo saremmo arrivati così in alto, e subito, eravamo tanti nuovi, ora siamo tutti contenti. Affetto dei tifosi, ha inciso anche sul rinnovo? E’ un orgoglio per me, sicuramente ha inciso, sento l’affetto della gente, io devo lavorare in campo per la Fiorentina. Fuori dal campo? Non esco molto di casa, mi piace la musica, mi piace fare il turista, ma non vado molto fuori. La Coppa Italia? Sappiamo che siamo vicini, non è facile, vincere una coppa è importante per ogni giocatore, per la squadra, per la società, noi abbiamo un sogno, di vincere qualcosa, e possiamo farlo. Campionato italiano? Mi ha sorpreso un po’. Ci sono tante squadre che lottano per vincere lo scudetto, 6-7 squadre che lottano per arrivare in Champions, in Spagna, ci sono due tre squadre e poi il vuoto. L’attaccante più pericoloso? Gervinho contro di noi ha fatto una gran partita… Rinaudo e il fallo su Rossi? Ha sbagliato a non chiedere scusa a Rossi, non è stato un fallo fatto per fare male. Noi staremo tranquilli, non faremo nulla contro di lui al ritorno, ci sono tanti bambini che guardano le partite… però ha sbagliato a non chiedere scusa. Quindi, rinnovo fino al 2017? Speriamo..”.