Ancora orfani di Borja Valero: martedì prima vittoria senza il numero 20 viola

    0



    Borja ValeroLa settimana viola era partita con la gara contro l’Udinese nel mirino. Obiettivo centrato, ostacolo superato: ora sotto con l’Inter. Partita importantissima, per il campionato, per blindare il quarto posto e continuare la rincorsa alla terza posizione. Ma anche per dare continuità alle due vittorie tra Atalanta e Udinese che sono arrivate dopo un periodo non troppo facile. Contro i nerazzurri, però, ancora problemi per Vincenzo Montella, anche se dall’infermeria piano piano stanno recuperando quasi tutte le pedine (a parte Giuseppe Rossi). Mancherà ancora, in ogni caso, Borja Valero: lo spagnolo, così come in Coppa Italia, dovrà scontare un turno di squalifica anche in Serie A. Assenza importante, per un giocatore diventato passo passo fondamentale nel gioco di Montella. Un todocampista vero e proprio, capace di prendersi sulle spalle la squadra, far girare il gioco in difesa, a centrocampo e soprattutto dietro le punte. Non è un caso che lo spagnolo sia secondo in campionato per numero di occasioni create (addirittura 44 in 22 partite). Un vero banco di prova, dunque, per i viola, orfani ancora della propria anima.

    Martedì con l’Udinese, intanto, è arrivata la prima vittoria senza Borja Valero in campo. Risultato importante, perché nelle tre partite saltate in precedenza dallo spagnolo la squadra di Montella non era mai riuscita a vincere: sconfitta 2-1 a Cagliari lo scorso campionato, pareggi quest’anno con Paços de Ferreira (scialbo 0-0 in Europa League) e 3-3 in campionato contro il Genoa. In più, anche a Cagliari lo scorso 1 febbraio, Borja entrò solo nei 40′ finali: fino ad allora la Viola ha fatto una fatica incredibile a creare gioco, mentre con l’ingresso dello spagnolo sono arrivate le uniche azioni dalle parti dell’area sarda. Risultato, comunque, 1-0 per la compagine di Lopez. Conferma, se mai ce ne fosse bisogno, di quanto il numero 20 viola sia fondamentale per lo stile di gioco Montella, tanto che si è arrivati quasi a parlare di una squadra Borja-dipendente.

    Tant’è, domani l’ex Villareal sarà ancora assente, ed allora via alle ‘alternative‘ in mezzo al campo. Perché Montella, dal centrocampo a tre, non prescinde. Martedì hanno giocato Pizarro, Aquilani e Mati Fernandez. Contro l’Inter probabile l’inserimento di Anderson (che pian piano sta acquistando la condizione giusta) al posto di uno dei tre. Ancora un banco di prova, in una gara importantissima per il cammino dei viola. Da giocare, però, senza il giocatore simbolo lì nel mezzo, Borja Valero.