Ancora Rogg: “Obiettivo attirare anche i non tifosi verso la Fiorentina. Diritti tv…”

    0



    Presentazione sponsor Rogg MulasAndrea Rogg ha parlato anche alla trasmissione “Salotto Viola” in onda su Italia 7, le dichiarazioni complete potrete ascoltarle questa sera alle ore 20 su Italia 7. Queste alcune delle sue parole: “Abbiamo trovato un partner solido, un partner serio. Che basa il proprio modo di operare su valori e principi che sono molto vicini ai nostri. Hanno scelto la Fiorentina per un progetto di unione, prendendo tutto il conglomerato “Fiorentina”: società, calcio giocato, stadio, tifosi, città.

    Aumento introiti? Questo è un primo passo, ma mi piace ricordare che questo risultato viene da un lavoro iniziato tanti anni fa. Abbiamo ancora uno spazio sponsor da ‘riempire’, ci sono altre trattative in programma. Dobbiamo lavorare anche sull’area di attivazione digitale, per poter interagire con tutti i fans e non solo: nei prossimi mesi dobbiamo riuscire, anche sfruttando l’appeal di Firenze, a conquistare anche chi non tifa Fiorentina, e farlo diventare simpatizzante.

    Polemica parole Juric? Noi abbiamo fatto di tutto per giocare, mi pare che la partita fosse sullo 0-0, segno di equilibrio. Non ha deciso la Fiorentina di non giocare, ha deciso la regola: non si poteva giocare. Il campo di Marassi, soprattutto nelle due fasce, era impraticabile.

    Campagna abbonamenti? Esiste solo una parola per descrivere ciò che accade anno dopo anno, ed è grazie. Cerchiamo di ricambiare la passione dimostrata.

    Possibile ridistribuzione diritti tv più equa? Ci sono segnali che arrivano anche da altre società di serie A. Obiettivo cercare di modificare questi parametri nella direzione della meritocrazia. Ci sono criteri basati sulla popolazione che risultano ingiusti. E’ ovvio che la meritocrazia e la media delle posizioni in classifica, magari focalizzata agli ultimi 10 anni, siano dei parametri più giusti di basarsi sulla popolazione.

    Stadio? C’è grande voglia di andare avanti, dal punto di vista della società è tutto pronto.

    Save The Children? Abbiamo delle richieste di commercializzazione in Italia per il retromaglia, se dovessimo concludere queste trattative continueremo a collaborare con Save The Children con iniziative al di fuori della maglia. In Europa terremo sempre e comunque il marchio.

    Iniziative con il Milan? Ci saranno varie operazioni legate allo slogan “Pensa Pulito”, tra le quali alcune con i bambini ai quali verrà richiesto di scrivere un pensiero di ciò che ritengono sia il calcio pulito. E’ il punto di partenza di un progetto più ampio”.