Andrea Della Valle: “Basta, non capisco questa situazione, non capisco le critiche. Faccio un passo indietro, mi allontano”

565



Andrea Della Valle, a margine del Conferimento della Laurea Magistrale Honoris Causa al fratello Diego Andrea Della Valle, ha parlato anche di Fiorentina ai microfoni di Radio Bruno Toscana. Parole che sicuramente faranno molto discutere: “Questa è stata una bella giornata per mio fratello, sono sempre belle cose. Se lo merita l’azienda, mio nonno, mio padre, che purtroppo non c’è più.

“Alla Fiorentina domenica si chiude un ciclo. Sono tornato dal viaggio in Asia, dopo quanto dissi a Reggio Emilia, e il distacco temporaneo mi ha fatto riflettere su delle situazioni che non riesco ad accettare. Ormai sono quindici anni che siamo a Firenze, il contradditorio ci può stare, errori ne ho fatti ma pochi, forse grandi ma pochi. Arrivare, però, a questo contradditorio che non è sano non lo accetto. Non accetto le offese. Una situazione che mi fa riflettere. Sono cose a cui sto pensando. E’ arrivato il momento che faccia un passo indietro, è arrivato il momento che mi faccia da parte. La Fiorentina è ben gestita in tutti i suoi reparti. Da Cognigni, Antognoni, Salica. Ho messo soldi, ho fatto tanto per la Fiorentina ma in città non c’è più quel giusto equilibrio. La Fiorentina sarà gestita bene anche in futuro, sarà opportuno farmi da parte. La cessione della società? Di più non voglio dire. Adesso voglio stare distaccato, questa situazione non fa bene a me. Aver perso una Coppa Uefa, aver regalato il sesto posto al Milan, certo, mi assumo le mie responsabilità. Ci sono molte squadre che come fatturato e investimenti sono molto sotto di noi. Invece c’è chi non capisce. Si pensa sempre a Juve, Milan, Inter. Il mercato? Lo gestiranno al meglio come sempre Corvino e Freitas. Domenica sarà a Firenze per l’ultima di campionato? No”.