Antognoni: “Astori resterà per sempre nella storia del calcio, come Scirea: capitani veri”

4



Antognoni ricorda Astori nel giorno in cui verrà celebrata una funzione a Firenze in memoria del capitano

Giancarlo Antognoni, club manager della Fiorentina, ricorda così il capitano viola alla Gazzetta Dello Sport: “Ci sono due campioni di vita e di pallone che resteranno per sempre nella storia del calcio italiano. Due uomini speciali che ho avuto l’onore di conoscere: Gaetano Scirea e Davide Astori. Giocavano più o meno nello stesso ruolo e non avevano bisogno di tante parole per essere dei veri “capitani”. Erano dei fuoriclasse nel loro vivere quotidiano. Quella mattina sono stato uno degli ultimi ad arrivare in sala colazioni. C’erano ambulanze fuori dall’albergo. E’ stato uno dei fisioterapisti a raccontarmi di Davide. Piangevano tutti. La camera era già sigillata. Sono rimasto a guardare la porta. Paralizzato. Ricordo nella camera ardente gli sguardi pieni di dolore dei genitori, della compagna. Davide sembrava dormisse. Il volto sereno. Diego Della Valle? Era molto provato quel giornoLa sera siamo tornati insieme a Firenze. Ricordo che ci siamo detti: “Davide era un ragazzo splendido, un padre meraviglioso, aveva tutta una vita davanti, sembrava avere il mondo in mano. E ora non c’è più. E’ tutto così ingiusto”. Fin dal primo momento ha detto che il patrimonio di belle cose che ci aveva regalato doveva essere protetto. E ricordato. Dentro la squadra Davide è presente. Il suo primo insegnamento era: “Non dobbiamo mollare mai”. Bene, la Fiorentina ha compiuto tante rimonte in lottando fino all’ultimo. Davide era un leader. Rispettato. Col tuo sorriso ti accarezzava la pelle”.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
MAU 46
Ospite
MAU 46

Ma dell’attuale situazione della Fiorentina non dice niente? Solo dichiarazioni di facciata?
Se questo è il suo ruolo e lui lo esegue alla lettera è una bella delusione anche lui!
Cosa non si fa per un tozzo di pane! Quando faceva l’accompagnatore della nazionale Under 20 per la FIGC non rimetteva insieme il pranzo con la cena e le bocche da sfamare erano e sono tante!
La dignità e il coraggio delle proprie azioni che rappresentano la realtà è la verità non c’è l’ha più nessuno???

Guido D'Ascenzo
Ospite
Guido D'Ascenzo

Nel giorno del ricordo di Davide a Firenze, con la messa a San Lorenzo, Antognoni ricorda Astori. Perché dovrebbe parlare dell’attuale situazione della squadra? E che rivelazioni dovrebbe fare? Mancano 11 giornate, semifinale di ritorno, cosa dovrebbe dire oltre a spronare i ragazzi a dare il massimo? Criticare l’allenatore? Prendersela col DS per destabilizzare l’ambiente?

maurizio
Ospite
maurizio

Almeno stia zitto ………..fà più bella figura…….

doc rob
Ospite
doc rob

se quel 46 sta ad indicare la data di nascita penso che ormai non c’è più speranza che tu possa raggiungere un briciolo di maturità, se il 46 indica l’età, bè, sei sulla buona strada per raggiungere la condizione prima descritta. Se è il numero di casa o qualsiasi altra cosa, sei solo un povero di intelletto.

Articolo precedenteProgramma di oggi: viola al lavoro in vista di Cagliari. Viareggio al via per la Primavera
Articolo successivoSospiro di sollievo Chiesa, a Cagliari può esserci. Il fastidio muscolare sta già rientrando
CONDIVIDI