Articolo del Tifoso: Chissà se un giorno riusciremo ad alzare un trofeo…

    0



    Coppa ItaliaChissà se un giorno riusciremo ad alzare un trofeo come raramente, ma talvolta ci è capitato fare, in passato è accaduto… Questa e’ una riflessione della quale non potrò’ certo rivendicare la paternità, sono convinto che in migliaia di persone della stessa mia corrente di pensiero (VIOLA) avranno certamente più’ e più’ volte maturato, ma alla stessa nessuno, naturalmente, può’ dare una risposta..

    “Babbo, mamma, ma quando si farà una festa come quella della coppa che ogni tanto vi ricordate e mi raccontate aver fatto con gli amici??”
    Mi domanda a volte il bambino, perché a volte mi è successo di parlare in famiglia della festa per la coppa Italia del 1996, di quell’attesa per il ritorno dei nostri “eroi” in uno stadio gremito all’inverosimile di persone esultanti con la piccola particolarità che non sta parlando delle quattro del pomeriggio ma di quelle della notte !!! Eravamo già pronti a partire, lo scorso maggio, per raggiungere il centro ed il piazzale per la conquista di una “semplice” qualificazione champion’s da festeggiare, ma poi tutti sappiamo com’e’ andata a finire con la qualificazione assegnata ai più bravi, più belli e più simpatici mailandesi, ed allora un assaggio, giusto un assaggio, di festa ce lo siamo concesso con la presentazione di Marione Gomez (il centrinnanzi teutonico, ve lo ricordate?) Non ce ne vogliano i nostri AMICI strisciati, quelli abituati a festeggiare un anno sì e quello dopo anche, scudetti, coppe campioni e coppe intercontinentali.. Non ce ne vogliano gli AMICI strisciati con il loro accento prevalentemente nordico o nordicoadottato che magari ci guarderanno con gli occhi di chi molto presuntuosamente si sente a noi superiore, come ci avranno guardato con l’aria snob di chi ha “fatto il callo” alle vittorie quella notte del maggio 1996. Non ce ne vogliano se hanno cosi poca fierezza e ignorano cosa sia il senso d’appartenenza, il perfetto connubio fra le nostre anime e le nostre piazze e campanili, ignorano che noi siamo un popolo!!!
    Noi siamo un popolo che non si schiera mai dalla parte del vincitore, non è per noi lo spot “ti piace vincere facile”, noi siamo un popolo che all’accademia od in copia in piazza signoria e al piazzale non abbiamo statue di Golia, noi siamo da una vita dalla parte di David, e quando questo popolo, raramente, vince non c’e’ festa paragonabile alla nostra. AI EV E DRIM NI’ CASSETTO..
    ..CHE LO VEDRO’ I’ TERZO SCUDETTO ???  …ma basterebbe anche la coppa Italia..
    Firmato: Ugolone