Articolo del tifoso: Lettera a Borja

di Emiliano Mariotti

106



Caro Borja,

per un atroce scherzo del destino sono nato e cresciuto nella stessa città in cui ti sei appena trasferito ma il mio cuore, calcisticamente parlando, sarà per sempre prigioniero della squadra da cui ti sei appena “liberato” (per usare parole tue). Il fato, nell’annullare la distanza geografica tra noi ha deciso – beffardo – di separare per sempre le nostre vite. Ecco perché ora che sei qui da qualche parte, a pochi passi da me, spero vivamente di non incontrarti mai.

Tu non hai ovviamente la minima idea di chi sia il pazzo che ti sta scrivendo. Io invece, come tutti gli innamorati, ricordo perfettamente la prima volta che ti vidi. Era una sera di febbraio del 2011 e per puro caso mi trovavo davanti alla tv a guardare distrattamente una gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League. Tu, ignaro della mia presenza, eri impegnato a incantare il Madrigal. Come sempre. Con una di quelle dimostrazioni di pacata ma inattaccabile superiorità a cui il popolo viola si sarebbe presto abituato con un misto di gioia e incredulità. Sì, perché quando fu annunciato il tuo arrivo a Firenze quelli che, come me, avevano già avuto la fortuna di vederti calcare un campo di calcio erano divisi tra due sentimenti contrastanti: da una parte chi era fermamente convinto che si trattasse di un caso di omonimia perché “figurarsi se uno così viene a Firenze”, dall’altra chi – e giuro, Borja: io non ero tra questi – per lo stesso motivo ti considerava un giocatore finito (“figurarsi: se uno così viene a Firenze vorrà dire che ormai farà fatica a camminare”). E invece…

E invece per colpa tua io sono ancora qui. Perché mi ero ripromesso che quel Fiorentina-Udinese, prima di campionato e tuo esordio in Italia, dovesse essere l’ultima sofferenza che mi sarei auto-inflitto: basta delusioni, basta pomeriggi col muso, basta beffe al 95° e basta unghie mangiate. Venivamo dall’ennesima stagione scivolata via in un tragicomico susseguirsi di mediocrità e infamia e sotto sotto speravo che quella potesse essere la goccia in grado di far traboccare il vaso: mi vergogno a dirlo ma quel pomeriggio – prima e unica volta in vent’anni – una parte di me sperò in una fragorosa sconfitta della mia squadra del cuore.

Poi, all’improvviso, ho visto un lampo balenare in mezzo al campo. Una, due, cinque, dieci volte. Ho visto la musa dell’eleganza (una mix tra Euterpe, Tersicore e Calliope) scendere e posarsi sul Franchi tanto da farmi

sobbalzare per un attimo sul posto: “È tornato Rui Costa?”. Ho visto tocchi, tagli, lanci, appoggi e geometrie messi in pratica con una naturalezza e una personalità a cui anni di mediocrità mi avevano ormai disabituato. Ho visto un leader. Nato. Di quei leader che non hanno bisogno di ringhiare, no. Di quei leader silenziosi. Quelli che parlano coi piedi e con lo sguardo. Sì, lo ammetto: quel pomeriggio di fine agosto, nella morsa di un’afa di cui solo Firenze può essere capace, ho perso la testa per te.

Ecco perché, come cinque anni fa sei stato la causa del mio riavvicinamento a uno sport che sa dare tanto ma che forse ancor di più sa togliere, ora non puoi che essere la ragione per cui dico finalmente e una volta per tutte basta. Ho reagito alla cessione di Batistuta e all’inferno della C2, alla farsa di Calciopoli e al furto di Monaco, agli 0-5 in casa con la Juve e ai 6-0 a San Siro col Milan, ai rigori fischiati a Balotelli e alle lacrime di Pepito. Ma stavolta è troppo.

Non è questa la sede adatta per criticare scelte societarie; queste righe devono rimanere quello che sono: una lettera d’amore. Un amore che credevo corrisposto. Del fatto che non lo sia stato (o almeno non fino in fondo), però, non posso farti una colpa: hai significato troppo per me. Per questo non riuscirò mai a serbare rancore nei tuoi confronti. Nemmeno quando ti vedrò con quella maglia simbolo del Male, nemmeno quando ti vedrò sorridere coi tuoi nuovi compagni, nemmeno quando – Dio ce ne scampi – dovessi segnarci un goal. Ci credevo, non lo nego: sarebbe ipocrita farlo. Ci credevo che saresti potuto diventare la nostra bandiera a vita. Ce l’hai fatto sperare tu stesso. Cosa sia successo poi non lo so e non lo voglio sapere: in una lettera d’amore non c’è spazio per recriminazioni e rimpianti.

Calcisticamente non posso augurarti il meglio, non ci riesco: troppo è l’astio che mi lega alla tua nuova squadra. Spero però che, se mai leggerai queste righe, possa farti piacere sapere che – al contrario di molti – non ti auguro nemmeno il peggio: diciamo che sospenderò il giudizio. Umanamente, ti auguro semplicemente di restare la persona meravigliosa che sono sicuro tu sia.

Nella mia mente, comunque, finché sarò vivo resterai sempre sotto la Fiesole a fare l’inchino.

Adiós Borja,

Un tifoso distrutto

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Emidio Cinosi
Ospite
Member

Alcuni mi hanno accusato di aver citato Sarti nel mio commento ,come non potevo non nominarlo se è stato il nostro portiere del primo scudetto ,pertanto rimarra per sempre nel cuore dei veri tifosi.Inoltre lui non ando’ via per guadagnare di piu’ bensi’ per vincere di piu’.E’ stato sempre un esempio di correttezza e di onesta’.Fino alla morte è rimasto tifoso VIOLA.Comincio a dubitare che siete veri tifosi della Viola perchè confondete il grano ( Sarti ) con la gramigna ( Borja ) Toglietevi il biberon dalla bocca ,lattanti!!!!!!!!!!!

gian
Ospite
Member
Scusate, a me non importa un’emerita cippa di quanto guadagnino questo o quel giocatore, mi piace il calcio e basta, solo che oggi, il calcio, e show, quindi denaro, denaro e denaro. 211.000.000 spesi dal milan, dai cinesi, soldi di cui, scusate se rompo le scatole, non si sa la provenienza, sono puliti? si? no? chi se ne frega! l’importante é vincere, a qualunque costo per “lenire” le nostre frustrazioni tifando per una squadra che “Vince”…a qualunque costo. Ma, a me non mi da nulla di concreto, né Borja, Né Bernardeschi. Il continuo susseguirsi di immagini tipo Bonucci che arriva a Milano e fuori ad aspettarlo centinaia di tifosi ad acclamarlo…ma chi é? il messia? Porterá benessere a tutti i disoccupati o precari di milano? Ma via, basta, io, voglio solo vedere le partite, festeggiare un gol della mia squadra viola e poi, basta, abbracciare mia moglie e pensare a… Leggi altro »
Luca
Ospite
Member

Porca vacca che sberla ……..mi associo ovviamente se posso.

Marcello
Ospite
Member

rui costa .. tu sei pazzo

Stefano
Ospite
Member

BeelllissimA!!!!!!!

olicchio
Ospite
Member

Purtroppo una cosa e’ evidente a tutti-a parte gli stipendiati dai DV che affollano questo sito. La societa’ ACF FIORENTINA si e’ fatta terra bruciata intorno…e questo non e’ certo colpa dei tifosi.

gullo
Ospite
Member

borja va solo odiato..chi lo loda merita la c2..aveva ancora due anni di contratto e se veramente volevi restare a 33 anni potevi restare..avrai avuto corvino contro (?bah?) ma avevi una città con te..ora sei solo un nemico vigliacco..sparisci da Firenze e non nominarci più.

Roberto
Ospite
Member

Bellissima lettera scritta davvero con il cuore.

Ernesto
Ospite
Member

Perché tutti i giocatori buoni della Fiorentina vogliono andarsene? Perché sanno che da parte della dirigenza non c e la prospettiva di creare una squadra competitiva ma di fare una squadra da metà classifica se va bene con giocatori mediocri dallo stipendio mediocre. E evidente che così stando le cose l entusiasmo e di Sousa e dei giocatori migliori e infine dei tifosi e scomparso. Adesso aspetteranno il prossimo anno per vendere Chiesa e la colpa sarà diChiesa come oggi è di Borja.

Pastasciutta
Ospite
Member

Stipendio mediocre è un’offesa a tutti quelli che si alzano alle 7 di mattina per andare a lavorare e che sono fortunati visto che tanti giovani anche laureati non hanno la fortuna di alzarsi sempre alle 7 perchè un lavoro non ce l’hanno.

danielbertoni
Ospite
Member
3 osservazioni per il “tifoso distrutto”: 1) tristezza infinita sì, ma per il tono totalmente fuori luogo e patetico di un articolo (?!?) del tutto disarticolato dal mondo reale, sia quello di tutti i giorni che quello sportivo; 2) disaccordo completo sulla figura del calciatore Borja Valero, raramente decisivo per limiti fisici, tiro in porta inesistente e lentezza di gioco esasperante, che ne hanno fatto un buon giocatore, ma niente di più. Per carità di patria mi astengo dal commentare il paragone blasfemo con Rui Costa; 3) sensazione di incredulità nel leggere che esiste ancora chi sostiene di credere che oggi possano ancora esistere le bandiere nel calcio. In un mondo iper professionistico, popolato da lupi affamati con il simbolo dell’euro perennemente stampato sulle pupille, credere all’esistenza delle bandiere è come credere a Babbo Natale. Già, ma i bambini (fortunatamente) ancora credono a quell’omone con la barba bianca vestito di… Leggi altro »
Stefano
Ospite
Member

Lo. Dico a mAlincuore ma spero. Che scoppi. Il sistema. Calcio Fiorenza x sempre

claude
Ospite
Member

le bandiere ormai non esistono. l’ultima e’ stata antogno.il capitano. noi siamo 4 gatti e per di piu’ rompiballe ed ingrati e contrapporci alle corazzate gialle sara’ improbabile. ma non impossibile. restiamo a vedere. semper forza viola

Gelagnaviolaexnobagno32
Ospite
Member
Borja = Rui Costa???? Ti voglio bene caro tifoso non fosse altro che sei di milano come me, quindi saprai benissimo cosa vuol dire, però…però vero eran altri tempi c’erano ancora le lire ma a parte l’affacciarsi alla finestra come una Giulietta qualsiasi adorato dai 1926 e un ridicolo tatuaggio ORA ai più incomprensibile, non ricordo lacrime o sciarpe al collo sotto la Fiesole (non ha avuto il tempo di farlo dirai). Ricordo solo parole, minacce di verità vere le sue, richiesta di contratti allungati ed aumenti…in base a che cosa? Agli ultimi 18 mesi di pianto sul campo, la porta centrata 1 volta ogni 10 e sono magnanimo, la sceneggiata con gonzalo col Pescara con tanto di fascia, lamentele varie con sousa ecc, un pò poco in 6 anni non pensi? Certo ognuno è libero di vederla come gli pare però ti auguro che, come me, tu rimanga innamorato… Leggi altro »
Pastasciutta
Tifoso
Member

Nel calcio oggi gli attori sono , i clienti i mercenari, gli imprenditori . Se gli imprenditori induviduano un bacino di utenza ed un locale adeguato, ci investono su e possono venire anche dalla cina. I piccoli vanno a morire o si adeguano ad un ruolo di comprimari a meno che non riescano ad inventare un prodotto nuovo che a volte li risolleva dalla mediocritá. Vedi l’Atalanta di quest’anno. I clienti o si adeguano o cambiano negozio. Le bandiere sono per il calcio in costume.

giuseppe guastella
Ospite
Member

Un po’ patetico. Questo tifoso ricorda quando arrivò ma non il Borja che l’anno scorso ha fatto pena. E’ andato via per l’attrazione dei soldi. A 33 anni solo un pazzo potrebbe dargli tutti quei soldi. E lui Borja Valero non si è lasciata sfuggire l’occasione. Non vorrei che finisse come tra Spalletti e Totti. Il mister sa che ha fatto una grande scommessa. Sabatini lo ha detto apertamente ieri: “Abbiamo preso Borja Valero per soddisfare un desiderio di Spalletti!”. Mi spiacerebbe se Spalletti, deluso dalle prestazioni dell’uomo da lui tanto voluto, decidesse di mandarlo in tribuna. O,. come ha fatto con Totti, di fargli giocare gli ultimi due minuti della partita. In fondo in fondo siamo legati al Borja Valero e il suo successo come calciatore per noi fiorentini conta più della cocente delusione che ci ha dato per una manciata di euro.

Kozak
Ospite
Member

Una manciata d’euro proprio non direi. Stiamo parlando di milioni di euro.
Borja ha preso al volo l’ultimo treno per rimpinguare il suo già ricco conto in banca. Credo che pochi avrebbero potuto dire di no.
Gli rimprovero di aver rilasciato dichiarazioni di fedeltà e di amore che, alla luce dei fatti si sono rivelate delle stupidaggini a cui in tanti forse tutti abbiamo creduto. Ecco perché siam rimasti male. Testa di calciatore buona solo per portare cappello (Vujadin Boskov)

bielle
Ospite
Member
Probabilmente io non sono uno come voi ” un tecnico„ sono solo un tifoso della Viola. Vorrei fare che il calcio oggi è il gioco del DENARO i giocato dei portafogli sempre aperti e falsi come i banchieri. Chiusa questa parentesi, sottolineo queste piccole cose:- Neto è andato a Juve sembrava fosse andato in paradiso, ha giocato qualche spicciolo e ora lo hanno sganciato, Badelj che a sentire il suo procuratore, non rinnoviamo, è un giocatore da grande Club, mi sembra cercato da nessuno, Ecc – ecc — potrei allungare la lista lo farò un’altra volta per oggi solo una idea di ciò che sono i giocatori, le cosiddette bandiere, io non difendo nessuna società solo perché anni addietro o provato con altri in una società dilettantistica e già lì ho capito il caos di gestire i giocatori e i procuratori che oggi hanno in mano i ragazzini di 12… Leggi altro »
Único viola
Ospite
Member

Me fatela finita di osannare questo, spagnolo. Un omino piccolo piccolo,

nino miceli
Ospite
Member

chi ama troppo viene spesso tradito.Per il goal eventuale di Valero al Franchi direi che puoi dormire tranquillo .Se ti piace il calcetto alla Valero puoi andare a vederlo nei tornei amatoriali!Forza viola [email protected]!!!

mario
Ospite
Member

nn riesco a concepire nn il fatto che uno si possa innamorare di un giocatore! ma il fatto di sopravvalutare tale giocatore! paragonare borja a batistuta è follia! uno ha veramente dato tt in campo senza mai tirare indietro le gambe!(ROVINANDOSI CAVIGLIE E GINOCCHI) l’altro con tt il rispetto in alcune partite sembrava che nn toccasse nemmeno a lui! ma aldila di tt nn credo che ci dobbiamo strappare i capelli x certi giocatori! tra l’altro gia avanti con l ‘età! pretendendo ingaggi faraonici quasi a fine carriera! un saluto a tt e forza viola! che tt capiscano questo grido forza viola!!!!

Archibar
Ospite
Member

Borja per me e’ e resterà un grande uomo e un grande giocatore. Ha dato tanto a Firenze, e sarebbe restato volentieri a vita. Per il gioco di Pioli lui non andava bene e la società lo snobbava. Ha fatto la scelta migliore, e’ andato in una squadra che ha un allenatore che stravede da sempre x lui, in piu’ prende anche un sacco di soldi. Adesso tutti criticano, ma in tutta onestà, alzi la mano chi non lo avrebbe fatto, in modo che possa gradargli: Ipocrita! Dobbiamo avere fiducia, x me faremo una partenza lampo esprimendo bel gioco. Fidatevi.

nino miceli
Ospite
Member

gli amanti più accesi sono spesso Traditi!! stai tranquillo perché Valero non segnerà . Panta rei
Forza viola sempre

n.1-78
Ospite
Member

Che palle!

Davide
Ospite
Member

Ma dai nemmeno Liala scriverebbe sta roba. Dai basta con questi aspiranti al premio Pulitzer

stefanop
Ospite
Member

di borja valEURO rimpiangeremo i tanti gol e tutti i suoi trofei vinti.

Oranje
Ospite
Member

Come si fa a perdere tanto tempo per un giocatore che viene pagato 3 milioni all’anno e che ha scelto di andare via. Non di restare. Restare a Firenze. Non a Timbuctu’.

Tubini
Ospite
Member

Rispetto alla Firenze di oggidì, Timbuctù è una signora piazza.

Romeo
Ospite
Member

A conti fatti vince sempre il Dio soldo tutto il resto è noia , gli amori esistono solo nel cuore dei tifosi che pensano a Firenze ai colori della maglia e al pallone quando entra nella rete , i giocatori non esistono più

picchio
Ospite
Member

Rispetto il pensiero di questo tifoso, e dei commenti degli altri, ma non ne faccio una grande tragedia….siamo realisti, abbiamo perso un buon giocatore ma nulla più, vorrei non sentir più parlare di uomini, bandiere, attaccamento alla maglia, ma anche bilanci, plusvalenze e altre cazzate di questo tipo….alla prima di campionato, quando scenderanno in campo 11 giocatori con la maglia viola, io farò il tifo per loro, chiunque essi siano, e mi sarò scordato di tutti questi discorsi e tutte queste parole spesso abusate…torniamo a fare i tifosi, nessuno di noi è d.s., a.d., mr, tanto meno poeta. FV

Stefano
Ospite
Member

Sei un saggio!!!

Andrea
Ospite
Member

grande giocatore e un simbolo vero,gli auguro ogni bene e alla prima al Franchi da avversario da me avra’ solo applausi

alessandro
Ospite
Member

CAPISCO CHE QUANDO SI E’ INNAMORATI LA REALTA’ SI DILATA FINO AL PUNTO DI AUTOCONVINCERSI DI TUTTO… CARO TIFOSO, CAPISCO LA TUA AMAREZZA E IL TUO DOLORE, MA PURTROPPO LE LEGGI DEL CALCIO DI OGGI NON SONO LEGATE A QUESTE EMOZIONI D’AMORE…. IL CALCIO E TUTTI I SUOI COMPONENETI SONO LEGATI A REGOLE DI MERCATO E AL DENARO CHE NE CONSEGUE… UN TEMPO FU BERLUSCONI AD UCCIDERE L’ AMORE E LA PASSIONE, OGGI E’ LA VOLTA DEI CINESI…. IO AMO LO SPORT E SPERO SOLO CHE ACCADA QUALCOSA CHE POSSA RIPORTARE IL CALCIO A 30 ANNI FA…NON SARA’ DI CERTO L’ANTICICLONE DELLA AZZORRE A FARE TUTTO CIO’, MA QUALUNQUE COSA SIA, SPERO FACCIA PRESTO PERCHE’ PIU’ OSSERVO IL MONDO DEL CALCIO PIU’ MI RENDO CONTO DELLA MISERIA UMANA CHE ORMAI DILAGA OVUNQUE….PECCATO…

Violanellevene
Ospite
Member

Tifoso distrutto è successa una cosa molto semplice: Borja a 32 anni ha preferito guadagnare di più ed è voluto andar via da Firenze. Tutto qui. Spero per te che resterai tifoso viola e continuerai a mangiarti le unghie anche senza di lui.

Andrea
Ospite
Member

“Tifoso distrutto”?? Per borja valero?? Tu stai male sul serio, al pari di quelli che son andati sotto casa sua!! Ma questo è un giocatore che stava andando a fondo, noi l’abbiamo preso e riportato più in alto possibile per quanto potevamo. Ci ha probabilmente preso in giro esagerando davvero troppo il suo attaccamento a Firenze e alla maglia con il fine , che ora appare abbastanza chiaro, di fare pressioni sulla società…qualcuno, come te ci è cascato. Ma ora basta , eh? Facciamola finita, falla finita per favore..
borca valero?
borca CHI??

[ giusto
Ospite
Member

noi presi in giro da Borja? che dire di te che ti fai prendere per il c…o da panzaleo……….

Davide
Ospite
Member

Ma nemmeno Liala avrebbe scritto una roba del genere…. dai, basta con questi aspiranti al premio Pulitzer.

MICHELE
Ospite
Member
Secondo me è una lettera inutile ed eccessiva, borjavalero CI e quindi TI ha scaricato, e quando qualcuno ci scarica, la cosa che dobbiamo avere e che ci fa forti è la dignità. Andare sotto casa di Borja, di uno che bene o male ci ha scaricati (i motivi? irrilevanti) è stato un gesto poco dignitoso, non da tifosi della Fiorentina. Se scrivi una lettera come questa e la rendi pubblica ti poni bene o male a portavoce del tifo viola, e lo svilisci tutto, lo rendi POCO DIGNITOSO. Nel privato la puoi scrivere ed è un’altra faccenda, ma così… Non abbiamo debiti di riconoscenza con borja valero, è stato un giocatore della Fiorentina e adesso non lo è più.. pochi altri hanno dimostrato VERO attaccamento alla maglia, riserviamo le parole e i gesti di cuore a queste persone, le altre sono niente, polvere, per me non hanno diritto neanche… Leggi altro »
soffici
Ospite
Member

Tifoso viola, concordo pienamente con Tiziano che scive qua sotto che le tragedie sono altre, ma fra i realisti che accettano facilmente questo calcio fatto e costruito perchè sia consumato e comprato con sempre meno bandiere e sentimenti e quelli come te preferisco mille volte quelli come te. La misura esatta di quanto sia la “colpa” del giocatore o sia di Corvino o sia della società forse non so se ha nemmeno più di tanto senso andarla a cercare. Personalmente credo che questo trasferimento sia stato indirizzato da direttive societarie. Quanto Borja si voleva opporre o si poteva opporre onestamente non lo so.
Non credo che sia un discorso solo del calcio. Credo sia chiaro che oltre ai DV si vive in un mondo che compra e vende volenteri qualsiasi cosa anche le nostre risa e le nostre lacrime.

Scudetto_nel_2011
Ospite
Member
LA LETTERA DI SCUDETTO Quello che i leccavalle non capiscono è molto semplice. Borja Valerio, Neto, Montolivo e c. , non scappano da Firenze e dai fiorentini. Scappano da una società che ha una mentalità opposta alla nostra , senza ambizione di gloria, senza progettualità, senza interesse, se non quello di far quadrare il bilancio. Sai cosa gli frega a un calciatore del bilancio. . Una volta forse si poteva anche parlare di tradimento, quando il calcio a Firenze era passione, società e città erano un unica realtà e lo spirito fiorentino si respirava anche in sede, mica come ora che sembra un un ufficio di commercialisti marchigiano. I presidenti allora s integravano nel tessuto cittadino e la passione li portava anche in trasferta. Non scordiamoci che i Cecchi Gori andavano anche a Cremona a Lecce, ovunque. Questi vanno solo quando possono farsi un po di pubblicità, Milano Roma ,… Leggi altro »
stefanop
Ospite
Member

certo …capisco perfettamente che per chi prima dei Della Valle è stato abituato ad anni di gloriosi successi con i Pontello (1 secondo posto per caso) e 2 retrocessioni e 1 fallimento uniti ad anni di salvezze a 3 giornate dalla fine, fa fatica a digerire un settore giovanile che finalmente funziona e produce ragazzi per la serie A, 10 anni di coppe europee e piazzamenti oltre alle aspettative. Quelli come te si meritano zamparini presidente e cavasin in panchina.

Massimo
Ospite
Member

No, non si vinceva nulla nemmeno prima. Ma avevamo in squadra giocatori famosi nel mondo, di cui andare fieri. Ed eravamo tutti compatti nel tifare la squadra, avevamo una IDENTITÀ! Tutta roba che i tuoi amati dv si sono impegnati a disintegrare, questa è la loro grande indubbia responsabilità.

poerannoi
Ospite
Member

1/100? 1/1000? 1/10000? quale sarà il rapporto tra il tifoso intelligente e realista come te e il babbeo irrazionale?

Andrea
Ospite
Member

Magari mettiamoci anche qualche trofeo e giocatori tipi Flachi e Zanetti e qualche intercettazione mista a calciopoli e 0 tituli,senza contare un tifo diviso come non mai,guusto per dare un quadro completo

anti cricca
Ospite
Member

La tua voglia di apparire ti annebbia il cervello, ammesso tu abbia abbastanza materia grigia per definirlo tale.
.
Vai furi tema per sostenere le tue assurdità.
.
Sei un omuncolo!
Probabilmente sarai tra coloro che lucrano sulle polemiche…e i tuoi proseliti gonzi son peggio di te.
.
Ma vedrai, prima o poi, la vita ti renderà pan per focaccia.
.
Bye bye, abominevole ungulato!

anti cricca
Ospite
Member

È sicuro.
Almeno 7 babbei gonzi ci sono!!
Poveri piccoli servi!

Dunga
Ospite
Member

A me importa meno di niente dei DV… sono dell’idea che morto un Papà si fa un Papà e un Cardinale… Ma parlare di Fiorentina ai Fiorentini…. Fa sbudellare dal ridere di chi andare fieri?? Di Cecco grullo ??? Dei Pontello??? Sei giovane mi sa …altrimenti dovresti sapere che dopo il secondo scudetto nn si vinto niente tranne una o due coppette del nonno.

MICHELE
Ospite
Member

Mamma mia che pena, certo non riesco a leggere tutto il tuo commento tutte ste ca**ate, tutte insieme! Tremendo, davvero tremendo.
Una cosa che hai scritto l’ho letta, però, questa:
“.. e in società non si trova un fiorentino o un ex viola nemmeno per scherzo.”
E dopo questa grandissima scempiaggine , che denota perfettamente quanto in basso puoi scavare pur di blaterare il tuo odio (spero per te che ti paghino) , non c’è altro da dire.

simmi
Ospite
Member

Ex viola Antognoni arrivato dopo 15 anni , quando ormai era tardi e i danni irreparabili, quindi coerente con il discorso di scudetto 2011, nessuno ha “insegnato” ai giocatori la Fiorentina e i fiorentini. Se poi intendi Mencucci che è stato sempre nella società dei DV, anche lui commercialista rilevato dal gruppo che ha gestito il fallimento della ACF Fiorentina e quindi piaciuto subito ai DV, era meglio se non c’era visto i guai che ha combinato, se ne sono resi conti anche i DV che l’hanno dirottato dalle donne. Ecco ti ho spiegato meglio la “scempiaggine”, ora spiega meglio le tue di ca…te, ma forse è meglio che tu mantenga la promessa che hai scritto nell’ultimo rigo “non c’è altro da dire”!

Carlo
Ospite
Member

Semplicemente immenso

Viola68
Ospite
Member

Ma che casso stai a dì….

Sciabolino
Ospite
Member
Lettera ricca di significato e con tanto sentimento, ma purtroppo caro tifoso trovi un’altro tifoso a cui Borja Valero non e’ quasi mai piaciuto, parlo solo di calciatore, fino a poco tempo fa credevo che fosse un calciatore mediocre e sopravvalutato , ma come uomo fosse una persona veramente speciale, ma mi sbagliavo. Giurare amore eterno a una moglie e poi tradirla 4 volte la settimana non e’ amore e cosi il signor Borja, si e’ rivolto verso Corvino anche se non l’ha mai nominato, accusandolo di essere l’unico responsabile della sua partenza. E allora? L’amore dov’e’ finito verso Firenze e la Fiorentina? Se diceva di essere innamorato di Firenze il discorso denaro e poca fiducia passavano in secondo piano, ti accontentavi dello stipendio (misero) che prendevi e rimanevi qui dove saresti stato forse una bandiera insieme a l’unica vera bandiera( Antognoni), ma non l’hai fatto e quindi non venire… Leggi altro »
elena
Ospite
Member

Grande grande grande. Grazie.

Vaiavenvia
Ospite
Member

sigh….sigh…. sigh,,, commovente… sigh…..

Marco 1471
Ospite
Member

Sono un altro milanese tifoso Viola. Un abbraccio grande passione: quello che non capisco e’ come si possa rinunciare ad essere una bandiera a fine carriera.
Bello vedere commenti anche da persone che sanno scrivere e sentire! Sta diventando un sito per tutti i tifosi

Tiziano
Ospite
Member

Bella lettera densa ed emozionante.
Per i criticoni, ovvio che le tragedie sono altre ma quanto è bello sognare e distruggersi per un gioco: bambini a 65 anni ( la mia di età)
Per chi spara cattiverie su BV, o siete innamorati delusi incapaci di discernere dentro un rapporto mentre è più comodo infamante l’amato che vi ha lasciato, o vi fermate al dito senza vedere la luna.
BV avrebbe potuto e non lo ha fatto, arruffianarsi gli interisti.
BV ha detto a chiare lettere che è stato accompagnato….. alla porta di uscita.
Che volete di più per comprendere?!?!

gibi
Ospite
Member

Se ho un contratto di affitto per due anni, il padrone può accompagnarmi alla porta quanto vuole, non mi faccio buttare fuori. In questo caso però invece il padrone mi aveva offerto di prolungare a tre anni il contratto, ma ad un affitto più oneroso per me. Scelgo allora un altro appartamento economicamente più conveniente, anche se è nello smog di Milano…… Ma grazie a Dio ho messo da parte abbastanza soldi a Firenze per permettermi sicuramente una villa un po’ fuori città, nella campagna padana. Contento io… che volete?

BorjaValero20
Ospite
Member

Il contratto non glielo volevano rinnovare

marta72
Ospite
Member

Bella lettera, non discuto…
e non discuto nemmeno (forse) l’attaccamento ai colori viola…
però, però… intanto se ne va… alla faccia di noi tifosi
e se davvero avesse voluto rimanere….
mi dispiace, resto sempre perplessa davanti a certe scelte…
e tutto per andare in un’altra squadra italiana… mah! vile denaro…
come se, per altro, a Firenze guadagnasse poco…
FORZA VIOLA… sempre

Canterbury
Ospite
Member

Conta solo la maglia; sentirsi disperati per un professionista del pallone è a dir poco ridicolo ….

wpDiscuz
Articolo precedentePresentazione in piazza a Moena: il FOTOALBUM di FI.IT
Articolo successivoSimeone-Zapata: Fiorentina e Torino si pestano i piedi
CONDIVIDI