Ass. Perra: “Nuovo stadio, passi avanti. Mercafir, mercato e variante urbanistica…”

    0



    Bozza area MercafirCHE FINALMENTE Comune e Fiorentina abbiano preso lo stesso passo? L’assessore all’urbanistica Lorenzo Perra legge le parole del presidente della società viola Mario Cognigni, intervistato ieri a margine della partita di Coppa contro il Paok, e tira un sospiro di sollievo.
    Assessore, le sembra si possa parlare di un passo in avanti?
    «Direi proprio di sì. Se davvero la società viola è in grado di presentare il progetto definitivo prima del 31 dicembre, che è il termine ultimo stabilito, credo sia un buon segno».
    Beh, ma poi siete voi, come Comune, a dover rispettare i tempi. Ed è quello di cui la Fiorentina ha timore…
    «Ci sono due procedure diverse da portare avanti. La prima riguarda la variante urbanistica, indispensabile per rendere l’area di Novoli conforme al progetto di un impianto sportivo. Ma per fortuna possiamo utilizzare la clausola sugli stadi che sveltisce il meccanismo. Dopodiché ci sarà da fare la gara pubblica per l’assegnazione dell’opera, così come prevede la legge sui project financing. In qualità di promotore, la Fiorentina avrà il diritto di prelazione, ma comunque il progetto va appaltato sia per la gestione sia per la costruzione».
    Già, ma il nodo Mercafir non è risolto. E per fare lo stadio va spostato il mercato…
    «La discussione è aperta con gli operatori. Sul tavolo c’è la proposta Osmannoro e non è esclusa l’ipotesi Castello. Sono certo che alla fine un’intesa si troverà».
    I segnali per adesso non sono così incoraggianti.
    «Quello di Novoli è un mercato con tanti operatori, con caratteristiche diverse, quelli che servono tutta la Toscana, altri concentrati prevalentemente su Firenze…Al di là del luogo, molti chiedono che si vada principalmente a realizzare un mercato moderno ed efficiente».
    Per quanto riguarda il progetto dello stadio, si torna a parlare di una struttura tutta in superficie. Per voi va bene?
    «E’ una valutazione più tecnica che politica e quindi spetta a loro. Gran parte della città ha il problema della falda poco profonda e quindi le soluzioni sono quelle: o casse di espansioni o struttura in superficie».
    Il presidente Cognigni ha ribadito che la società viola è disposta a spendere molto, ma che in cambio vi chiede tempi certi.
    «Nel 2017 faremo quello che abbiamo promesso, portando avanti le procedure fissate. Mercafir, aeroporto, stadio: dobbiamo tener presente che finalmente in quella zona della città stanno andando a posto tasselli che da decenni erano in sospeso».