Astori, blitz a Medicina Sportiva di Careggi: sequestrati i pc, la verità sta lì dentro

Stefano Brogioni - La Nazione

4



Proseguono le indagini sulla morte del Capitano della Fiorentina. Ancora diversi i punti oscuri nella vicenda

Cosa cercava la procura in una perquisizione che nelle scorse settimane ha messo sotto sopra gli uffici della medicina sportiva di Careggi? Forse, le nuove, recenti acquisizioni (sono stati sequestrati anche computer) servivano a verificare se davvero lo «strain», accertamento cardiologico mirato a studiare il muscolo cardiaco, fosse stato effettuato il 10 luglio del 2017, cioè quando il capitano della Fiorentina, Davide Astori (morto a Udine il 4 marzo 2018, la notte prima della partita), si recò dal professor Giorgio Galanti per la sua ultima visita per l’idoneità agonistica, o se invece, come ipotizza il pm Antonino Nastasi, fosse stato «prodotto» in epoca successiva.

E’ questo il cuore del fascicolo Astori-bis, aperto con l’accusa di falso materiale in atto pubblico, commesso da pubblico ufficiale, contestata a Galanti (oggi in pensione) e alla sua ex collaboratrice Loira Toncelli. Lunedì prossimo, ci sono le convocazioni in procura. Gli indagati hanno il diritto di non rispondere. La procura colloca la «produzione» del certificato falso sullo «strain» in data anteriore o prossima al 10 aprile 2019. Già, ma cosa è successo quel giorno? Probabilmente, nelle mani del pm Nastasi è arrivato proprio quel resoconto dell’esame, mai spuntato fuori prima nell’attività della sezione di pg dei carabinieri della procura. Circa un mese prima, il pubblico ministero titolare del fascicolo per omicidio colposo (che oltre a Galanti, vede indagato il medico di Cagliari, Francesco Stagno) aveva notificato la conclusione delle indagini, un passaggio che dà diritto ai destinatari dell’avviso di richiedere interrogatorio o produrre materiale a difesa.

Tornando al 10 luglio 2017, quando Astori ottenne l’ok sanitario all’attività agonistica, secondo Galanti oltre alla prova da sforzo, il capitano viola è stato sottoposto allo «strain», con lo scopo «scientifico» di utilizzare i dati per comparare i cuori di calciatori e ciclisti. Però lo «strain» non è un accertamento previsto dal protocollo Cocis. Protocollo che all’epoca (luglio 2017) , davanti ai risultati acquisiti, avrebbe suggerito di approfondire la situazione con un holter (esame di secondo livello) e poi una risonanza cardiaca (terzo livello). Nel settembre successivo, il protocollo Cocis venne addirittura adeguata, facendo diventare queste regole più stringenti.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
par
Ospite
par

Queste notiie mi spezzano il cuore e mi preoccupano molto…..ma allora davvero c’ era qualcosa che non andava e non hanno fatto tutti i controlli????? Non posso e non voglio credere a questa ipotesi ma nello stesso tempo non mi meraviglio più di niente! A dire il vero il sospetto che ci sia sotto qualcosa l’ ho avuto proprio perchè c’ è stat e c’ è tuttora un’ indagine in corso cosa che mi pare non ci sia stata in occasione della morte di altri calciatori!!!!! se fosse così sarebbe veramente una vergogna e anche la Fiorentina indirettamente ne uscirebbe… Leggi altro »

claudio
Ospite
claudio

ma vedremo. Spero davvero che non ci sia imperizia o peggio dolo.

Marco
Ospite
Marco

ma mi domando io, dopo 16 mesi fai il sequestro?
che paese di merda

Maremma viola
Ospite
Maremma viola

Povero capitano

Articolo precedenteMoena, Biraghi: “Faccio parte del nuovo corso, mi basta un progetto serio. Chiesa? Spero rimanga…” (VIDEO)
Articolo successivoStaff mercato, Ducci su quello internazionale. Vicino il ritorno di Angeloni
CONDIVIDI