Attesa per le parole di Corvino e per la risposta di Rui Costa, poi il via al mercato viola

0



Ipotesi, indiscrezioni, probabilità: queste alcune parole che circondano il mondo Fiorentina in questo periodo. Eppure ci sarebbe bisogno di più certezze e di operatività. Se non altro, lunedì prossimo ci sarà la conferenza di presentazione di Pantaleo Corvino. Occasione buona per cercare di capire, per bocca di un dirigente, in quale direzione intende muoversi la società. Almeno anche i tifosi sapranno cosa aspettarsi e cosa no. L’abbiamo già scritto e ripetuto più volte, il lavoro che aspetta il ‘mago di Vernole’ non è di quelli semplici. C’è da tenere in ordine i conti e, di pari passo, dare in mano a Paulo Sousa una squadra in grado di restare ai piani medio-alti della serie A. Questo a prescindere dalla risposta definitiva da parte di Rui Costa che dovrebbe arrivare non più tardi di domani. Le possibilità che il dirigente del Benfica ed ex giocatore viola accetti Firenze sono in ribasso. I contatti, come scritto su Fi.It, ci sono stati, le parti si sono parlate e il lusitano ci ha pensato e ci sta pensando ma difficilmente lascerà il Portogallo e Lisbona. Se la risposta dovesse essere negativa, si virerà su un altro nome. Tornando al mercato, i primi movimenti saranno in uscita. Questo deve essere chiaro. Prima incassare e poi spendere. Sono tanti i giocatori viola richiesti. Si parte dai vari Vecino, Babacar e Ilicic fino Tomovic, Alonso e Mati Fernandez passando per Rossi e Gomez. Gli ultimi due, tra l’altro, sono casi alquanto spinosi che Corvino dovrà risolvere nel migliore dei modi. Per il bene di tutti. In tutto questo si inserisce il nuovo regolamento, CLICCA QUI, che prevede che in una rosa di massimo 25 giocatori, quattro siano cresciuti nel vivaio del club e quattro nel vivaio di un club italiano (o nel proprio vivaio). Anche di questo Corvino dovrà tenerne conto. Il lavoro di incastri si preannuncia difficile e laborioso. Qualche giorno di attesa e poi la Fiorentina si metterà a lavoro. Il tempo è poco e da fare ce ne è molto. Toccherà ai dirigenti dimostrare di voler allestire una rosa di livello.