Borja Valero, leader in flessione in cerca di gloria. Col Borussia fa 200 in maglia viola

28



E’ uno dei leader storici dello spogliatoio, quattro anni e mezzo in viola e una fiorentinità entrata nell’anima. Eppure, in questa stagione di alti e bassi, sul banco degli ‘imputati’ (e degli spesso criticati) ci è finito pure lui, Borja Valero. Prestazioni in effetti non sempre incisive, una condizione fisica e una brillantezza che magari non sarà quella dei bei tempi, ed un ruolo tattico che non esalta le sue (grandi) qualità palleggio evidenziando anzi qualche limite. Quelli che lo stesso spagnolo ha sempre ammesso: assenza di un gran tiro, di corsa da sprinter, di colpo di testa da gigante. Fattori che sono venuti fuori in una squadra che fatica a trovare continuità, di gioco e di risultati.

Per Borja Valero l’arrivo di Sousa aveva significato una rinascita, nella passata stagione. Poi la decisione di legarsi ‘a vita’ a Firenze, le proposte rifiutate dalla Roma e non solo (a gennaio anche il no deciso alla Cina). Ma anche le difficoltà del campo, per uno che comunque sia, al di là delle (ridotte) doti muscolari e di interditore, la grinta e la voglia ce l’ha sempre messa.

Uno spagnolo sempre più fiorentino, un legame viscerale anche con la famiglia che lo lega a Firenze. In tanti lo chiamano ‘il sindaco’. Ed è uno di quelli che, sarà anche per l’età e per gli anni di permanenza in viola, sente particolarmente la voglia di vincere un trofeo. Ed anche di ‘regalare’ un trofeo alla città, una grande gioia che manca da anni. “Io dò sempre il massimo, ma vorrei vincere qualcosa in viola. Per Firenze e per i tifosi”, ha ripetuto spesso Borja, in questi anni. Sentimento che è aumentato, col passare degli anni e specie quando la Fiorentina è andata vicina a grandi obiettivi. Le semifinali e finale di coppa Italia ed Europa League, il primato a metà anno la scorsa stagione.

Adesso i viola vivono un’altra situazione particolare: fuori dalla coppa Italia, zona Europa lontanissima in campionato. E il percorso in Europa League che diventa vera ancora di salvataggio. Vero obiettivo, tana di speranze e sogni di gloria. Specie per chi sente in maniera viscerale questa voglia di vincere qualcosa.
Borja Valero domani con il Borussia Monchengladbach toccherà quota 200 partite con la maglia viola (16 gol e 37 assist fin qui). Mica roba da poco, vuol dire entrare nella top 40 della storia della Fiorentina di tutti i tempi. Lo spagnolo aggancerà Claudio Desolati, Anselmo Robbiati e Gianfranco Petris: tre che con le loro 200 presenze hanno vinto in viola coppe Italia e Coppa delle Coppe. Nel mirino ci saranno poi Chiarugi (202), Pizziolo (203), Cois (208), Di Livio-Carobbi (210) e magari Magli (212) e Gratton (215). Gente che ha vinto scudetti, coppe Italia, supercoppe e trofei europei.
Borja toccherà quota 200: simbolo di una squadra che vive di alti e bassi, ma che ripone nell’Europa i residui (quanto complicatissimi) sogni di gloria.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
S.Schwarz
Ospite
Member
Per me Borja Valero non è affatto bollito, anzi in campo dimostra il contrario. A me sembra che sia l’unico che corre e che si danna l’anima per la squadra. Se il resto dei compagni lo aiutasse maggiormente il centrocampista spagnolo potrebbe solamente beneficiarne. Poi è chiaro che con l’età che avanza un calo di forma e una perdita di lucidità ci possono stare, ma se: 1- Non sono stati presi sostituti all’altezza 2- Non abbiamo un interditore che possa affrancare Borja da compiti difensivi. 3- Non si è mai visto nessun centrocampista sobbarcarsi il pressing come Borja. 4- Il resto della squadra passeggia E’ chiaro che l’allenatore è costretto a schierare lo spagnolo sempre e comunque, con risultati a volte deleteri. Per quanto riguarda l’accusa a Sousa di farlo giocare trequartista non sono d’accordo. Borja aveva già giocato varie volte trequartista anche prima di Sousa, con risultati soddisfacenti, a… Leggi altro »
SATANELLO VIOLA
Ospite
Member

SI ………….PERO’ GRANDE PERSONA OTTIMO GIOCATORE MA DOMENICA SERA SEMBRAVA … DORMOLIVO………… ANCHE SE L’INTELIGENTE IMBIANCATO NON LO FA’ GIOCARE NEL SUO RUOLO PERO’ DA LUI MI ASPETTO PARTITE MIGLIORI…………..

Hatuey
Ospite
Member

Giocatore perfetto per il centrocampo a 3 che purtroppo soffre in fase difensiva giocando a due con Vecino o Badelj e che non ha il tiro per fare il trequartista.
La Fiorentina avrebbe gli uomini perfetti per il 4-3-3 anche a costo di giocare con due terzini scarsi.
Tata, – Tomo/Salcedo, Gonzalo, Astori, Olivera – Vecino, Badelj, Borja – Chiesa, Kalinic, Berna.
Il calcio può essere una cosa semplice, ma se uno deve fare a tutti i costi il fenomeno senza guardare alle caratteristiche dei giocatori che ha…

MauroilGrigio
Ospite
Member

B. VALERO NON SI TOCCA !!!
Ha dimostrato grande attaccamento alla squadra e alla città, serietà professionale e doti umane, simpatia, comportamento sempre irreprensibile sia in campo che fuori.
E poi chiediamo sempre ai giocatori che dimostrino attaccamento ai colori e all’ ambiente viola ed appena uno di loro mostra un po’ di scadimento di forma usciamo con questi articoli . Ripeto: Firenze ama Borja Valero almeno quanto lui ama Firenze. E infine piano a darlo per finito; o si diceva anche 2 campionati fa e poi l’anno scorso è stato uno dei migliori tanto da essere corteggiato da parecchie big nell’ultima campagna acquisti estiva.

Zeman
Ospite
Member

Farlo riposare lo trovo giusto,visto che ultimamente è fuori forma,ma criticare il giocatore lo trovo assurdo

AuroVN85
Ospite
Member

Articolo fuori ruolo… vi siete già risposti da soli. Sta giocando trequartista e non in mezzo al campo dove gli compete …. per favore evitare questi articoli redazione. Grazie! Sembrano fatti tanto per parlare di qualcosa e fare sterile polemica

i\'giannelli
Ospite
Member

Povero borja Valero attaccato cosi’ non se lo merita…il problema e’ di questi spilorci che in tutti questi anni non hanno piu’ comprato un centrocampista e a Valero gli tocca tirare sempre la carretta ed avere tutta la responsabilita’ del gioco, ma gli anni passano…per godere di borja Valero andava mantenuta la squadra a certi livelli affiancandogli centrocampisti del suo livello piu’ giovani sani magari con caratteristiche diverse, borja cosi’ lo potevi dosare ed ecco che avrebbe dato meglio il suo contributo…

Filippo
Ospite
Member

Sfido chiunque a rincorrere avversari in giro per il campo e poi essere lucidi in fase di impostazione. La verita’ e’ che Borja, da quando sono andati via Pizarro e Aquilani,cioe’ il centrocampo a 3 perfetto, ha dovuto cantare e portare la croce (soprattutto portare la croce).

nicola
Ospite
Member

se ci s’era preso 20 milioni s’era fatto un affare!!!…determinante 8 partite in una stagione, zero gol!!!

Gerry
Ospite
Member

Volete il mio modesto parere? se domani sera non gioca è meglio: Se pretende di addormentare il gioco finisce che si addormenta pure lui e farsi fregare la palla dai teutonici significa perdere la partita.

Zeman
Ospite
Member

Sembrano i commenti che facevano i milanisti su Pirlo dopo un’annata scialba.non segna,é lento…ecc..poi per la felicità dei milanisti é stato venduto ai gobbi.

Rocco54
Ospite
Member

il “sindaco” con la MIA maglia ha fatto più km di Villenueve e solo perché ora e solo ora ripiglia fiato sbuca fuori il solito stormo di uccelli del malaugurio che lo vede già giocatore finito.
SINDACO, non ragioniam di lor ma guarda e passa.
Adelante e forza viola!!!

Germano
Ospite
Member

Grande uomo e grande calciatore. Con un allenatore “normale” riavremo il vecchio Borja.

Mario07
Ospite
Member

Purtroppo il calcio non è riconoscente. Siamo in una situazione come quella di Totti. Deve avere meno incarichi difensivi perchè tende a trattenere la palla in una zona pericolosa con conseguenze devastanti. Deve essere impiegato più avanti con compiti di assist illuminanti per gli attaccanti, Avere un Borja Valero che passa sempre al compagno vicino o dietro non serve ne a lui ne alla Fiorentina . Se è stanco è giusto che riposi per qualche turno in moda da averlo in forma per alcune partite. Purtroppo la condanna dei calciatori è quella di essere : sempre sotto esame, sempre in forma , sempre decisivi e di fornire il massimo impegno nelle partite. Quando vengono a mancare una o più di queste cose la stima e l’affetto dei tifosi diminuisce. E’ il mondo che va così. Non è colpa di nessuno.

fra diavolo
Ospite
Member

SICURAMENTE UNA STAGIONE IN CALO,CERTAMENTE NON AIUTATO DA UN ALLENATORE CHE GLI IMPONE DI CORRERE COME UN FORSENNATO IN FASE DI PRESSING ALTO,LUI COMUNQUE L’IMPEGNO C’E’ LO METTE SEMPRE,CERTO NON E’ PIU’ QUELLO CHE GIOCAVA AFFIANCO AL PEC E JOVETIC OGGI E’ MENO LUCIDO E POCO PROPENSO AD ENTRARE IN AREA AVVERSARIA, MA GLI ANNI NEL CALCIO PESANO SOPRATTUTTO QUANDO FAI MOLTI CHILOMETRI.

emiliofirenze
Ospite
Member

Borja Valero, giocatore elegante, generoso, dotato di tecnica sopraffina (non a caso si trovava bene con Jovetic), non è mai stato molto efficace nel contrastare l’avversario e ha sempre ecceduto nel portare il pallone: due difetti che spiegano la sua esclusione dalla nazionale spagnola.
Un centrocampista insomma bravo nel costruire, molto meno nel difendere, dove spesso provoca guai come quello di domenica scorsa in occasione del secondo gol del Milan.
Ora viene impiegato più proficuamente come tre quartista, un ruolo però dove è adattato e può svolgere bene grazie alla sua indiscutibile classe, ma che esige un dinamismo ed una rapidità che, con l’invecchiare, sempre meno può’ garantire.
E ora non mi accusate di lesa maestà……

Pantuffle
Ospite
Member

Se rimane a 199 è meglio

Altai
Ospite
Member

Sicuro…diamo finalmente spazio a tutti i “campioni” che abbiamo in rosa costretti in panchina perché gioca lui…

The count of tuscany
Ospite
Member

Grande bufala di mercato che lo volesse la Roma in estate . Non ha rifiutato proprio niente , semplicemente la Roma non ha mai fatto l’offerta per acquistarlo , forse anche per l’accesso mancato in champions .

VIA I DV
Ospite
Member

GRANDE BORJA, VIA I DV

alessio 68
Ospite
Member

La scorsa estate voleva andare a Roma. E’ stata la moglie a convincerlo a rimanere qui. Vediamo com’è attaccato a Firenze quando smette, vediamo se resta qui o torna in Spagna. Il giocatore mediocre più furbo della storia con tutti quei selfie fra Ponte Vecchio e Santa Croce. Diabolico.

Slocum
Ospite
Member

Non toccate Borja! Si è fatto sempre un mazzo per la squadra è per la maglia! Chi critica Borja è un buffone. Provate a fare un campionato senza mai tirare il fiato. Anche domenica scorsa ha tirato la carretta e ha macinato decine di chilometri. Guarda caso su un suo errore sono andati in gol. C’erano 5 (cinque) giocatori viola accanto a Deloufeu e nessuno ha contrastato. E poi si da colpa al sindaco Valero per aver perso una palla a centrocampo.
Ripeto: Buffoni!

GiacomoRoma
Ospite
Member

Un altro ottimo giocatore che il mago portoghese fa spesso giocare fuori ruolo, e i risultati si vedono, evidentemente ci ha preso gusto.

Cuoreviola
Tifoso
Member

Ce ne fossero attaccati alla maglia come lui.!
Certo, ha sbagliato qualche partita, pure a lui spesso il “Mister” lo fa giocare fuori ruolo e non sfrutta le sue caratteristiche, ma sicuramente non ha fatto mai mancare il suo impegno.
Io mi sento di ringraziarlo per quanto ha fatto fino ad ora, per la sua dedizione ed il suo “sentirsi fiorentino”.
FORZA VIOLA!!!!

Marco77
Ospite
Member

Una volta gente che magari non era un fenomeno ma dava tutto per la maglia la si inneggiava, adesso si infama uno come Valero: c’è solo da vergognarsi, va bene la critica ma infamarlo è da buffoni

Sinapsilondon
Ospite
Member

Il Sindaco, grande e grazie Borja, presto vinceremo lo Scudetto e spero ci sarai anche tu, intanto adesso prendiamoci la EL FORZA VIOLA FORZA RAGAZZI OPERAZIONE STOCCOLMA

giovanni roberto
Ospite
Member

Lasciare perdere scudetti e coppe. Con questa proprieta’ e’ gia’ tanto partecipare in quanto della Fiorentina non frega un bel niente. E’ solo un veicolo pubblicitario per le loro aziende. La sera ti consiglio di mangiare meno pesante e di osannare meno i fratellini foulardati.

Marione
Ospite
Member

Tu mi fai schiantare dal ridere

wpDiscuz
Articolo precedenteItalia U.21: azzurrini in campo contro Polonia e Spagna
Articolo successivoWendt e Hoffman: “Non è finita, dovremo giocare senza frenesia”
CONDIVIDI