Barone: “Ribery-CR7 sfida mondiale. Rinnovo Chiesa? La stagione è lunga…”

21



Il consigliere delegato viola (a fine anno nell’organigramma ufficiale sarà ratificata anche la sua carica) parla nella settimana più importante per il tifo viola

Lunga intervista di Joe Barone a Tuttosport, nella settimana che porta alla sfida contro la Juventus, si parte proprio da qui: «La società bianconera dimostra che, se non hai certe strutture, è difficile competere, primeggiare, queste sono fondamentali per aumentare i ricavi: tra gli attuali 100 milioni della Fiorentina e gli oltre 400 della Juventus c’è una bella differenza».

Come Fiorentina siete pronti a battagliare sulla ripartizione dei diritti tv? 
«Non siamo venuti per dare battaglia, ma per collaborare e aiutare a far crescere sempre più il calcio italiano. L’esperienza e la competenza di Commisso possono dare un formidabile contributo. Se puntiamo ad essere rappresentati in Lega? Sì. Ho già incontrato i dirigenti di tutti i club, per adesso andiamo lì ad ascoltare ma poi decidiamo noi, vogliamo portare avanti le nostre idee per il bene della nostra società».

L’aspetto finora più negativo con cui si è scontrato? 
«Purtroppo in Italia è tutto vincolato, c’è tanta burocrazia. Invece le decisioni vanno prese velocemente. Per lo stadio abbiamo tante opzioni, non solo il restyling del Franchi, e nel frattempo abbiamo già individuato una zona per il centro sportivo per tutte le nostre squadre maschili e femminili. Una vera “Casa Fiorentina” con campi, uffici, foresteria, palestre. Ma bisogna fare in fretta. Entro un anno? Ripeto, in fretta».

Intanto alla Fiorentina servono punti: è ancora a 0 in classifica e in campionato non vince al Franchi dal dicembre 2018. 
«Riuscirci sabato non sarebbe male (ride). Ci abbiamo provato col Napoli, ma diciamo che non siamo stati fortunati… Però crediamo nel sistema, non abbiamo fatto polemiche e andiamo avanti. Quanto alla sfida con i campioni d’Italia forse arriva un po’ presto. Non cerchiamo scuse, la squadra proverà a giocarsela, ma i cambiamenti sono stati tanti e solo da venerdì potrà allenarsi al completo».

La vittoria più entusiasmante sulla Juve in tempi recenti è datata 20 ottobre 2013 con Montella in panchina: da 0-2 a 4-2 con un italo-americano protagonista, Giuseppe Rossi. Può essere di buon auspicio? 
«Speriamo. Darei tutto per rivivere quell’emozione…».

La sfida di sabato sarà arricchita dal duello fra numeri 7 Cristiano Ronaldo-Franck Ribery.  
«Per quanto hanno vinto in carriera e per ciò che rappresentano per il calcio mondiale è il massimo per la Serie A. Dico di più: non c’è un campionato in Europa che proponga oggi un duello così. C’è di che essere orgogliosi».

A chi sostiene che l’acquisto di Ribery sia stata solo un’operazione mediatica cosa risponde?
«Assolutamente no. Se l’obiettivo fosse stato questo, oltre a Ribery avremmo magari preso altri giocatori importanti e famosi. Franck, invece, fin da giugno era in cima alla nostra lista e questo perché lui è un giocatore che ha ancora tanto da dare, per la classe, l’esperienza, la mentalità vincente. Per far crescere un progetto servono giocatori che hanno vinto tanto. Svelo un aneddoto: dopo la sconfitta col Genoa, Ribery per scaricare la rabbia è rimasto fino a notte fonda al centro sportivo ad allenarsi».

Lei e Commisso fate il giro di campo prima delle gare. Sa che anche Andrea Agnelli usa fare altrettanto? 
«Davvero? Allora, se vuole, sabato potremo farlo assieme».

Che voto dà al mercato viola? 
«Niente voti, con Pradè abbiamo cercato di agire esclusivamente per il bene della Fiorentina e non abbiamo rimpianti. Piuttosto abbiamo voluto proteggere i nostri giovani, mantenere il “made in Florence”, difendere la base. E stiamo già lavorando per prolungare i contratti di Castrovilli, Sottil e gli altri. Crediamo molto in questi ragazzi». 

Anche Montella può contare sulla stessa fiducia? 
«Montella è qui per dirigere la squadra e fare il bene della società, è una scelta in cui crediamo, lui può contare su tutto il nostro supporto. Io sto al centro sportivo 24 ore al giorno. Specie nei momenti difficili bisogna sempre stare accanto ai propri figli».

Vale pure per Chiesa, finito nel mirino dopo la deludente prova in azzurro con l’Armenia? 
«Federico non merita tante critiche, sta facendo bene e personalmente non mi pare stia vivendo un momento critico, semmai di crescita. Vuole troppo bene alla Fiorentina e vuol fare sempre il massimo per i compagni, si vede la passione che ci mette ogni volta. Sono certo che appena farà gol tutto il mondo tornerà a parlare di lui». 

Si rimprovera qualcosa nella gestione della vicenda-Chiesa? Magari il pugno duro usato durante la tournée americana? 
«Nulla. E, come detto più volte, l’argomento è chiuso». 

Nessun incontro con Federico e suo padre per proporre un nuovo contratto? 
«Ad ora non c’è alcun appuntamento. Comunque la stagione è lunga». 

Si è parlato molto dell’interesse della Juve per Chiesa…
«A noi non è arrivata alcuna richiesta ufficiale». 

Commisso non ha mai nascosto le sue simpatie bianconere prima di tuffarsi nell’avventura viola. Lei ha avuto una squadra del cuore? 
«Sono sempre stato tifoso del calcio, l’ho pure praticato all’Università. Una passione che condivido con mia moglie Camilla e i miei figli. Ne ho quattro, i due più piccoli giocano a pallone». 

Un giocatore che finora l’ha emozionata in modo particolare? 
«Roberto Baggio e Falcao. Ammiro i campioni baciati dalla classe».  

Sono passati 100 giorni da quando lei fu visto la prima volta al Franchi, per Fiorentina-Genoa, in “missione” per Commisso. Cosa l’ha colpita di più?
«I nostri tifosi, la loro passione, il loro amore profondo. Amo stare a contatto con la gente e me ne sono accorto subito. Sono tifosi che creano energia e questa per noi è fondamentale, credo sia così in poche altre città, forse Napoli, Roma. Ma sia chiaro che da parte di Commisso e mia non saranno accettate manifestazioni offensive e razziste, la Fiorentina è contro questo genere di tifo. Al tempo stesso non accetteremo che venga danneggiata la nostra tifoseria. Siamo qui per restare a lungo ma chiediamo rispetto per i nostri sostenitori, la città e la nuova proprietà».  

Un’ultima cosa: la parola Europa per adesso è bandita? 
«Adesso concentriamoci sulla Juve».

21
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Arcibaldo
Ospite
Arcibaldo

Blindare i vari giovani bravi che abbiamo e parlare chiaro con chiesa.
Io sono sempre stato del parere di venderlo già da luglio..con quei soldi si vompravs de paul e un altro bravo giocatore ed eravamo a posto

LEMAC
Ospite
LEMAC

Non ci siamo cari miei, continuo a pensarla a modo mio e anche l’anno scorso di questi tempi ero uno dei pochissimi a parlare di lotta salvezza (come è stato) mentre la maggioranza dei tifosi, amplificata a dismisura dalle dichiarazioni della dirigenza (Cognigni-Corvino- Freitas) parlava di zona Europa. Che i successori siano arrivati da poco è un dato oggettivo e inconfutabile ma che potesse essere fatto un mercato migliore è altrettanto vero. Dichiarazioni di prime scelte per poi convergere e concludere per le quinte e seste scelte sono dati alla mano che inevitabilmente si ripercuotono sull’andamento e sui risultati. Coinvolgendo… Leggi altro »

Viola17
Ospite
Viola17

Castrovilli è Sottil devono essere blindati senza aspettare. Per quanto riguarda Chiesa idem altrimenti viene ceduto ad un prezzo inferiore stile Berna che non ha voluto rinnovare a 3,5

Gaetano
Member
Gaetano

Indubbiamente a chiacchiere ed empatia è migliore di Cognigni, ma a contenuti siamo lì. Vendere Chiesa non sarebbe stato un dramma, e non lo sarà, se il ricavato fosse stato investito. Il Napoli ha venduto giocatori (Cavani, Lavezzi, Higuain, Jorginho, Hamsik) e sono anni che sta ai vertici del campionato, vincendo poco però (due coppe Italia, una supercoppa) perché non è facile in Italia da 7 anni a questa parte, all’estero è difficile persino per la Juve…

Mirko
Ospite
Mirko

Joe Barone persona di grande spessore e intelligenza, mi colpiscono alcune cose di quello che ha detto,
1-siamo qui per restare a lungo
2-mai arrivate richieste per Chiesa
3-Chiesa vuole molto bene alla Fiorentina
4-Sto al centro sportivo 24 ore al giorno(!)
5)-Adeguamento contratti Castrovilli e Sottil
6-Dopo Genova, Ribery al centro sportivo ad allenarsi fino a notte fonda (!!!)
7-Casa Fiorentina nuova.

È facile fare una trasmissione sulla fiorentina con tutti questi spunti.
JOE BARONE SEI FANTASTICO!

Maurizio milano
Ospite
Maurizio milano

Su Chiesa giusto la stagione è lunga
Ha un contratto
Dimostri di essere quel fenomeno che tutti gli hanno fatto credere di essere .
Il calcio e in gioco di squadra ,testa,alta e visone di gioco .
Tra poco i vari giornalai ci avranno già venduto Castrovilli……scommettuamo ????
Sempre forza viola

nicola
Ospite
nicola

FORZA JOE !!!!!!

Ale rifredi
Ospite
Ale rifredi

Grande Joe, avanti così

2z2t
Ospite
2z2t

Ribery si è allenato dopo il Genoa per velocizzare un suo ritorno in piena forma perchè ha capito che o gioca lui e dirige la scena davanti, oppure per segnare saranno volatili per diabetici

Dubbioso
Ospite
Dubbioso

Io senza sollevare nessuna polemica sono molto dubbioso, senza nulla togliere ma questi slogan lasciano il tempo che trovano. Ronaldo ieri sera ha fatto 4 reti , e Ribery sul divano.
Capitolo Chiesa: separati in casa , si vede su, ma perché si vuole dire il contrario? Ma vi piace essere presi in giro? Chiesa vuole andare alla juve e ci andrà, e domenica si perde, purtroppo

Mirko
Ospite
Mirko

Insomma dai, senza sollevare polemiche

Viola vero
Ospite
Viola vero

Più che dubbioso te sei un gobbaccio
Vai a Torino a commentare vai vai

el pirata
Ospite
el pirata

logico e perfettamente d‘accordo! nulla da obiettare!

Tano
Ospite
Tano

Chiesa è reduce dalla nazionale, è fuori condizione, non ha il broncio, ha le gambe di piombo

Totò
Ospite
Totò

Certe dichiarazioni non dovresti farle nel covo degli allucinati tifosi viola, qui non hanno paraocchi, bensì occhiali con lenti opache nere

Articolo precedenteMontella: “Juve fortissima, ma vogliamo svoltare. Saremo coraggiosi e belli”
Articolo successivoBoateng: “Con la Juve può succedere di tutto. Chiesa? Ci penso io a lui. Sottil e Ribery…”
CONDIVIDI