Baroni Jr: “Ritiro particolare, tanti giocatori con obiettivi diversi. Il mio futuro…”

dagli inviati a Moena, Marco Pecorini e Marco Zanini

0



Il giovane difensore della Fiorentina sulla sfida di ieri col Bari, il rapporto con la Prima Squadra e il suo futuro

Riccardo Baroni, difensore della Fiorentina che era presente nella prima settimana del ritiro di Moena con la Prima Squadra e ha proseguito il ritiro con Bigica, ha parlato oggi in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni: Ritiro? È un ritiro un po’ particolare, ci sono ragazzi con obiettivi diversi per la stagione che verrà. Ci sono ragazzi che faranno parte della prossima Primavera, altri che proveranno a rimanere con la Prima Squadra. L’obiettivo comune però è lavorare bene e farsi trovare pronti. Mio futuro? Sono stato felicissimo di aver fatto parte del primo ritiro con la Prima Squadra, per me era la prima volta a Moena. Ora con la società vedrò qual è il mio futuro”.

“La partita di ieri col Bari e la fascia da capitano? Mi sono trovato bene. Già in passato in Primavera ero il capitano, è sempre un orgoglio e una grande responsabilità indossare la fascia della Fiorentina. Papà Marco in tribuna? Quando viene mi fa piacere, con lui ho sempre modo di parlare della partita, di quello che potevo far meglio e di ciò che ho fatto bene. Antenucci? Un grande attaccante, è stato bello e impegnativo marcarlo”.

Tornare all’Entella? A Chiavari ho vissuto un anno bellissimo culminato con la vittoria del campionato. Non so quali siano le intenzioni dell’Entella, ma penso che il mio percorso a Chiavari si sia concluso. Gruppo della Prima Squadra? L’ambiente era bello carico, c’è stato questo cambio di società che ha dato un po’ di freschezza a tutto l’ambiente. Mi sono trovato bene con il gruppo, sono tutti bravi ragazzi che fanno sentir bene anche i più giovani”.

“Io leader per i compagni di reparto? Ci sono tanti giovani bravi che stanno crescendo e si stanno affacciando adesso alla Primavera. Più che i miei consigli, sono le partite come quella di ieri che aiutano a capire com’è il calcio professionistico e come lavorare per avvicinarsi a quel livello”.

Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Articolo precedenteDa Weah a Will Trapp e Sargent, fino a Miazga. Tutti i ‘made in Usa’ cercati dai viola
Articolo successivoBabacar verso la Liga: ma il Sassuolo vuole 9-10 milioni. Bonifazi, la Spal insiste
CONDIVIDI