Batistuta: “Tifoso della Fiorentina ma non voglio il male della Roma. Mi sarebbe piaciuto fare dirigente Fiorentina. Chiesa e Simeone…” (VIDEO FI.IT)

Dagli inviati Gianni Ceccarelli e Mattia Zupo

28



Il Re Leone a 360°: “Abbastanza distante dal calcio. Fiorentina e Roma nel mio destino. Mi sarebbe piaciuto fare alla Fiorentina quello che fa oggi Totti alla Roma”

Gabriel Omar Bastistuta ha parlato a Palazzo Vecchio in conferenza stampa, in occasione della presentazione del docufilm sulla sua vita. Queste le sue parole riguardanti i temi sportivi:Che emozioni mi provoca il calcio? Il calcio oggi mi provoca ogni tanto emozioni, soprattutto nelle finali per festeggiare una vittoria. Vedere i giocatori che festeggiano il raggiungimento di qualcosa mi provoca emozione. Ma sono abbastanza distante, ogni tanto mi domando come ho fatto a giocare in quell’ambiente. Quando vedo i miei gol a volte mi pare di essere un’altra persona (ride, ndr)”.

“Fiorentina e Roma? Sono state nel mio destino da un bel po’. La prima volta che sono arrivato in Italia dovevo venire a giocare a Viareggio e sono atterrato a Roma e appena uscito dall’aeroporto ho fatto una foto con un cartellone della Roma. In occasione del torneo di Viareggio sono stato al Franchi per vedere proprio Fiorentina-Roma. Dopo quell’esperienza a Viareggio sono arrivato qui a giocare per la Fiorentina, ho dedicato la mia carriera ai gigliati. Alla fine sono tornato a Roma, al principio del mio viaggio in Italia. Io non credo nei numeri ma a volte ci sono”.

Chi voglio che vinca sabato? Non lo so, a me fa piacere che vinca la Fiorentina e mi fa piacere vinca la Roma. Io sono al di sopra. Sono tifoso della Fiorentina ma non voglio il male della Roma. In quei due anni sono stato molto bene, mi hanno accolto bene. I romani sanno quanto amo Firenze e quindi ho un ottimo rapporto con entrambe le città. Se sarò allo stadio per Fiorentina-Roma? Non lo so, il regista vuole che venga, vedremo”.

Io nella Fiorentina oggi? Mi sarebbe piaciuto, ma ormai il tempo è passato. Prima lo vedevo più possibile, ogni giorno più lontano e ad un certo punto ti metti l’anima in pace. Ma voglio chiarire che questo è stato un mio desiderio, non ho niente contro la gente che è adesso alla Fiorentina, capisco che hanno i loro interessi e io posso stare dentro o fuori i loro piani. Purtroppo sono fuori, ma non vuol dire che loro son cattivi”.

Chiesa? Il calciatore, come ogni professionista, vuol fare carriera. A volte metti sulla bilancia tante cose, non sono nella sua testa. Per me la cosa migliore era stare a Firenze perché avevo tanti stimoli e stavo bene. Mi piaceva rappresentare questa squadra nel mondo, anche se non andavo da altre parti a vincere mi sentivo vivo. Se Chiesa avesse la mia stessa testa gli direi di restare a Firenze, ma ovviamente Federico è un’altra persona, ed è normale perché ognuno ha i suoi sogni”. 

Simeone? Non l’ho ancora visto, io sto lavorando qua (ride, ndr). Vediamo se lo incontro prima di sabato sera. Lui sa che gli voglio bene, sono molto amico con il padre e ho giocato tante battaglie con il Cholo. So che persona è Giovanni, gli auguro il meglio. Astori? Vivrà per sempre, il sentimento che c’è nei suoi confronti è incredibile, non penso si spenga mai. Pezzella? È un altro argentino che porta la fascia da capitano della Fiorentina, mi fa molto piacere perché vuol dire che il calcio nel mondo crede nelle nostre possibilità. E’ piacevole vedere gli argentini che vanno fuori e trionfano, ancor più piacevole vedere argentini che rappresentano Firenze, come me e Passarella”.

Dzeko? Grandissimo giocatore. La Roma può fare qualsiasi cosa: andar fuori subito o vincere la Champions. Non ha avuto continuità finora, ma se passa la fase a gironi può dar fastidio a qualsiasi squadra. Dzeko-Simeone? Simeone si sta affermando adesso nella sua carriera, Dzeko è un giocatore molto più maturo. Icardi-Higuain? Se la giocano in Argentina, Icardi gioca di più perché è più giovane. A me Mauro piace tanto perché non si vede molto nella partita e poi viene fuori al momento giusto e segna”.

“Maradona compie gli anni oggi e cosa ha rappresentato? Mi dispiace di aver giocato poco con lui. Non so se sono arrivato tardi io o lui è arrivato presto. Ma le poche partite che ho fatto con lui me le sono godute. Ho avuto belle esperienze e una bruttissima, quella del mondiale del 1994. Ma ringrazio di aver condiviso la maglia della nazionale con lui. Diego per gli argentini è il calcio. Molti non condividiamo tante cose che lui fa o suoi pensieri, ma queste sono cose personali: io lo apprezzo come calciatore e come persona in certi versi, perché so da dove viene e cosa ha vissuto. La sua vita non è stata facile: è nato famoso, a 6 anni andavano 15000 persone a vederlo giocare, è nato con molte pressioni addosso. Cristiano Ronaldo o Messi? Se devo scegliere prendo tutti e due, altrimenti prendo Messi anche solo perché è argentino. Cristiano è davvero forte, però sono diversi. Messi partecipa molto di più al gioco, faccio fatica a metterli a confronto. Cristiano ha una fame incredibile e cercherà di fare gol finché le gambe glie lo consentiranno”.

Io allenatore? No, ho fatto il corso per capire come pensano e cosa vedono. Ho imparato qualcosa, si sono fatti vivi in tanti, dal Sudamerica e dalla Francia, però per ora non vedo questa strada. Mi devo sentire pronto e per ora non è successo. Se giocavo in una certa maniera non è detto che faccia l’allenatore nella stessa maniera. Champions? La Juve ha una bella squadra ed è quella che ha fatto vedere più continuità. Le cose possono ancora cambiare, però quest’anno è una squadra che può vincere la Champions”.

28
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
fra,scandicci
Ospite
fra,scandicci

Io invece sono contento che non sia uno “stipendiato” dei Della Valle come invece è successo all’unico 10… Da voce fuori coro ha apportato sempre uno stimolo adesso è diventato connivente con una proprietà regolare, asettica e priva di qualsiasi ambizione sportiva. Aspetta Bati ancora un po’ di tempo e speriamo, forse, che in futuro arriverà quel momento con un’altra dirigenza. Mitico Bomber!

LUK66
Ospite
LUK66

GIOCARE A CALCIO E UNA COSA, FARE IL DIRIGENTE E UN ALTRA.
SICURAMENTE DOPO AVER PASSATO ANNI NELL AMBIENTE BATISTUTA IL CALCIO LO CAPISCE MOLTO BENE.
MAGARI INIZIANDO A PICCOLI PASSI E DA RUOLI SECONDARI COME E NORMALE CHE SIA.
SALUTI

Lara
Ospite
Lara

Sei e sarai sempre l’UNICO 9!!!!💜💜

Riccardo, Roma
Ospite
Riccardo, Roma

Caro Bati, non fare l’errore che ha fatto Giancarlo, lasciali stare gli scarpari, tanto con loro siamo destinati a non vincere mai niente e tu ti sputtaneresti. Questa è la proprietà meno vincente della Storia della Fiorentina, 17 anni e manco un trofeino, che ne so……na coppa italia. NIENTE ,,manco quella.

Lucignolo
Ospite
Lucignolo

Bati for president!

Franciaviola
Tifoso
franciaviola

Impareggiabile Bati, anima di Firenze. A te sempre devoto.

VIA I ciabattini !!!!!!!
Ospite
VIA I ciabattini !!!!!!!

QUESTI CIABATTINI INFAMI CI PRIVANO ANCHE DI GABRIEL NEI QUADRI DELLA DIRIGENZA DELLA NOSTRA FIORENTINA .. E SAREBBE SOLO UN BENE AVERE GABRIEL.. UNO CHE INSIEME AD ANTONI CAPISCE DI CALCIO E CALCIATORI .. NON COME QUELL’INUTILE PANZONE …. FIRENZE RIVOLTATI E CACCIALI … QUESTI BUFFONI !!! O CI ROVINERANNO PER SEMPRE .. A VITA ..
PS. E PUBBLICATELO E’ LA PURA VERITA’ !!!!

Gianluca puɐןɐǝz ʍǝu
Ospite
Gianluca puɐןɐǝz ʍǝu

Purtroppo Corvino non è inutile, porta fior di quattrini al comparto aziendale

paolo carlesi
Ospite
paolo carlesi

Incredibile che a Batistuta in tutti questi anni non sia stato offerto un ruolo di dirigente alla Fiorentina. Del resto basta vedere quanti anni sono passati perche’ la proprieta’ facesse entrare nella dirigenza Antognoni. Pero’ si sono guardati bene da inserirlo in un ruolo operativo. Meglio tenersi Corvino, Cognini e company ….

braccinocorto.com
Ospite
braccinocorto.com

“Io nella Fiorentina oggi? … questo è stato un mio desiderio, non ho niente contro la gente che è adesso alla Fiorentina, capisco che hanno i loro interessi e io posso stare dentro o fuori i loro piani. Purtroppo sono fuori, ma non vuol dire che loro son cattivi”…. questo commento del Bati mi fa venire una tristezza … 9 anni di battaglie senza mai risparmiarsi, i suoi gol le sue mitragliate non possono finire nel dimenticatoio. Non avere il Bati come dirigente vuole dire non aver capito niente della Fiorentina, Avere Antognoni come dirigente e usarlo come uno burattino… Leggi altro »

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

Parole sante BRACCINOCORTO, parole sante.

Franciaviola
Tifoso
franciaviola

Al netto delle contestazioni che non condivido, su Bati sono d’accordo. Non averlo voluto in società mi fa male. Tanto più che Bati lo rivende Totti come cervello.

DANTE ALIGHIERI
Ospite
DANTE ALIGHIERI

Bati non sarebbe mai venuto…lui non gioca per vivacchiare..lui gioca per vincere.

Franciaviola
Tifoso
franciaviola

Eh certo la Fiorentina di Lazaroni lottava per lo scudetto. Ripigliatevi.

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

“Io nella Fiorentina oggi? Mi sarebbe piaciuto, ma ormai il tempo è passato. Prima lo vedevo più possibile, ogni giorno più lontano e ad un certo punto ti metti l’anima in pace. Ma voglio chiarire che questo è stato un mio desiderio, non ho niente contro la gente che è adesso alla Fiorentina, capisco che hanno i loro interessi e io posso stare dentro o fuori i loro piani. Purtroppo sono fuori, ma non vuol dire che loro son cattivi”. GRAZIE PRESIDENTE PER TUTTO QUELLO CHE FAI PER NOI TIFOSI E PER ONORARE SEMPRE LA STORIA VIOLA

Santa Proprietà
Ospite
Santa Proprietà

Via Bati, dillo: i’ livello di questa Fiorentina, (e della Serie A italiana tutta, forse a parte la Juve, forse…), fa ridere. Confessa, non ci saresti venuto, (“in” Fiorentina e manco “in” Serie A), nemmeno sotto tortura…

kubik
Ospite
kubik

LUI sarebbe stato perfetto per rappresentare la Fiorentina, ma non con questa proprietà, cioè mi correggo non con una proprietà che legittimamente da qualche anno ha smesso d investire nella squadra. Antognoni rimarrà sempre nel nostro cuore e non si discute ma Batistuta per me è un altra storia anche a livello dirigenziale. Se Bati scende negli spogliatoi e parla ha un suo peso specifico, lo “parifico” come temperamento e personalità a un Nedved che se batte i pugni tutti stanno ad ascoltarlo in silenzio.Ruoli si di rappresentanza, ma capaci ,quando serve di dare la scossa, di dare consigli. Il… Leggi altro »

Sempreviola93
Tifoso
Sempreviola93

Almeno Il cotonato ce l’ha fatto godere 9 anni…. con i ciabattini sarebbe durato meno della metà.

Santa Proprietà
Ospite
Santa Proprietà

Subito plusvalenzato e non degnamente sostituito…

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

Diciamo che con i venditori di infradito sarebbe rimasto meno della metà della metà della metà dei 9 anni che è rimasto con VCG.

Rincoglionito dai DV
Ospite
Rincoglionito dai DV

Coi due cippalippa, Bati un faceva nemmeno in tempo a fare il tragitto Peretola-Franchi.
Alla rotonda lo rinfilavano sull’A1 direzione Torino o Milano…..

Luciano968
Ospite
Luciano968

Diciamo che i tempi sono profondamente cambiati così come il mondo del calcio.
Adesso nei contratti è diverso il peso dei giocatori ed i procuratori ci vanno a nozze… E soprattutto ci sono i diritti televisivi che sbilanciano enormemente ed in maniera irreparabile la forza economica delle squadre.

gibi
Ospite
gibi

Ad uno come Bati andava affidata la crescita del settore giovanile. La grinta e la serietà, professionale di quest’uomo, calciatore non tecnicamente eccelso ma capace di diventare un fuoriclasse grazie a doti caratteriali immense, sarebbero da trasfondere via flebo in tutti i nostri giovani

Tifoso
Ospite
Tifoso

Di Bati possiamo dire che veramente si è fatto il mazzo per migliorare. Come tanti altri campioni non è nato baciato dalla fortuna di avere delle doti naturali come poteva essere Ronaldo (il fenomeno non Cr7) ma con il sudore e l’ impegno negli anni è diventato devastante,

Domenico, Roma
Ospite
Domenico, Roma

Mah. Con tutto il rispetto per la persona e la grande passione e l’attaccamento che nutro verso Bati, quest’intervista mi sembra una serie di frasi fatte, scontate e anche un po’ finte’. Niente che emozioni e sorprenda. Tutte considerazioni prevedibili nell’ambito di un tono ‘politically correct’ piuttosto stucchevole.

PecosBill
Tifoso
Pecos Bill

Domenico, ma cosa volevi che dicesse? Con noi è stato 9 anni, con la Roma 2 (ma ha vinto – soprattutto grazie a lui – uno scudetto irripetibile). E’ ovvio che non poteva che dire quello che ha detto.
Un po’ come De Sisti (romano de Roma) che ama, in ugual misura, noi e i giallorossi.

Franciaviola
Tifoso
franciaviola

Per la verità, non ha detto che ama in ugual misura noi e la Roma. Ha detto che non vuole il male della Roma ma che è tifoso della Fiorentina.

Franciaviola
Tifoso
franciaviola

Ma quale politically correct. Un’intervista coerente con quello che ha sempre detto, da uomo intelligente quale è e si è sempre dimostrato. Un calciatore di un altro livello, mentalmente prima di tutto.

Articolo precedenteLazio-caso Anna Frank: promessa mantenuta. Domenica delegazione ad Auschwitz
Articolo successivoSerie B in campo. Tanti viola impegnati nell’infrasettimanale. Le gare in programma
CONDIVIDI