Batistuta, ricordi e rimpianti: “Fuori dalla società, peccato. Totti alla Roma…”

7



Il bomber argentino è tornato a Firenze, ma per lui non c’è spazio per un ruolo in società nella Fiorentina.

«Ancora oggi mi battete le mani quando cammino per strada, ma non capisco perché. L’amore di questa città è unico. Valeva la pena rompersi le caviglie per tutto questo». Così dice Gabriel Batistuta, tornato a Firenze.

Come scrive La Repubblica, non c’è stato tempo per Batistuta nella Fiorentina dei Della Valle. «Mi sarebbe piaciuto lavorare per la Fiorentina, avere lo stesso ruolo che ha Totti adesso alla Roma, ma ormai il tempo è passato. Prima lo vedevo più possibile, poi ogni giorno più lontano e alla fine mi sono messo l’anima in pace. Ma voglio chiarire che questo è stato solo un mio desiderio, non ho niente contro la gente che c’è adesso alla Fiorentina. Capisco che hanno i loro interessi e io posso stare dentro o fuori i loro piani. Purtroppo sono fuori, ma non vuol dire che loro siano cattivi». Già.

7
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
MaurizioBG
Member
MaurizioBG

Totti alla Roma non conta più di un magazziniere stagista…va bene tutto ma i dirigenti devono essere capaci prima di tutto.

Detto questo, sempre e per sempre grande Batigol

VIOLISSIMO
Ospite
VIOLISSIMO

Io credo invece che c’è sempre tempo affinchè i DV capiscano cosa sia stato e ancora sia il BATI per noi tutti tifosi viola e che, anche se in ritardo, gli affidino un ruolo in Società proprio come quello di Totti alla Roma. Sarebbe magnifico. E chissà quanto ci guadagnerebbe anche SIMEONE con tanti consigli che riceverebbe. Ma soprattutto ci guadagnerebbero tutti i tifosi viola che si sentirebbero inorgogliti.

rob68
Ospite
rob68

allora s’è veramente scoperto perchè vien spesso a firenze? perchè piano piano vorrebbe lavorare “in fiorentina” ma quelli della mia generazione non dimenticano non solo quello che ha fatto di buono (moltissimo) ha donato le caviglie alla causa e c’ha fatto vincere molte partite a volte quasi da solo ma non dimentichiamo neanche quando non sopportava e non capiva che i tifosi che gli lasciassero regali sotto casa (troppo amore) lo disse anche a un’intervista alla tv argentina poco dopo aveva smesso siccome lui in argentina non lo considera nessuno col suo ego vien qui,per cercare di alimentarlo facendosi venerare……………… Leggi altro »

DANTE ALIGHIERI
Ospite
DANTE ALIGHIERI

se aspetti che un altro come il Bati giocherà a Firenze su questa terra penso non ci sarà più nessuno..e tu te ne vieni che non pagava ai ristoranti…mah

Gretchen
Ospite
Gretchen

So you say he’s the man who didn’t accept gifts from fans but at the same time didn’t want to pay for food? That’s very insulting. The only reason he usually didn’t pay was because owners of those restaurants/shops didn’t want him to pay. I remember his wife Irina talking about that in an interview. Batistuta wanted to leave because the club was disorganized and Cecchi Gori was (to be frank) a looney. Also, the money he got from Cecchi Gori: don’t you think he would have made same money AND much more in Barcelona or Manchester, where he could… Leggi altro »

Patcom
Tifoso
patcom

Ma fammi il piacere! Se ti sta antipatico è un problema tuo, uno dei più grandi attaccanti del mondo e di sempre, ci ha fatto vivere, in 9 anni, emozioni straordinarie, segnava sempre, segnava comunque nella Fiorentina e in nazionale, ha ammutolito il Camp Nou, i tifosi dell’Arsenal e via avanti. Bati era una punta fortissima di una squadra forte ed, insieme, hanno portato a Firenze due trofei e se non si fosse fatto male, nell’anno del Trap, avremmo vinto anche lo scudetto! Ce lo invidiavano tutti e la Fiorentina conquistò tanti nuovi tifosi e tanta visibilità internazionale grazie a… Leggi altro »

Matteo bg
Ospite
Matteo bg

Immenso Re leone , perdonali perché non sanno quello che fanno……
Cattivi no
Ma un pochino incompetenti SI

Articolo precedenteLa conferma: Fiorentina ad un passo da Ackermann, 17enne talentino svedese
Articolo successivoJuve, mirino su Milenkovic per la difesa del futuro. Ma per meno di 40 milioni non si muove
CONDIVIDI