Bellinazzo: “Questo tipo di gestione non permette di alzare l’asticella”

13



Ha parato sulle frequenze di Radio Bruno, l’esperto di calcio ed economia del Sole 24 Ore, Marco Bellinazzo, in merito alla situazione del club gigliato, legata alle parole di Corvino: “Il mercato sta diventando un asset vero e proprio per alcune società, in particolare per le società come la Fiorentina che non raggiungono neanche i 100 milioni di fatturato. I bilanci degli ultimi 5-6 anni ci dicono che quando la Fiorentina ha fatto plusvalenze importanti, ha tenuto i conti in pari o in positivo, quando ciò non è accaduto la famiglia Della Valle ha dovuto invece rimettere i conti in pari. La strada obbligata è quella di valorizzare calciatori e rivenderli, se i soldi non supereranno la soglia a cui la società viola è legata da troppo tempo. Cessione della società? Non è campata in aria evidentemente, il discorso dello stadio ha raggiunto uno step importante ma ci è voluto tanto tempo e non so in quanto tempo possano essere realizzati quelli successivi. Poi va considerato che quando si vuole alzare il fatturato, si dovrebbe prima ragionare sul fatto che le aziende calcistiche per funzionare hanno bisogno di un propellente per funzionare: sono le vittorie, la presenza in Europa, calciatori importanti in rosa che possano attirare sponsor e interesse. Questo senza investimenti a priori è difficile da ottenere. Non sono aziende normali insomma, la via più breve per alzare il fatturato resta quella del calciomercato e mi sembra che la Fiorentina abbia sfruttato questa strada. Margini per una crescita? A meno che la Fiorentina non distribuisca dividendi ai proprietari, mi risulta che i soldi restino all’interno del club, non è che la società si mette in tasca i soldi della plusvalenza di Bernardeschi. Questo tipo di gestione non permette di spostare troppo in alto l’asticella del fatturato comunque, soprattutto se vengono utilizzati per comprare altri calciatori. Diverso sarebbe il discorso se invece si andasse ad investire sulle strutture, dallo stadio al centro sportivo. Condizioni per la cessione? Firenze ne ha di condizioni, è conosciuta in tutto il mondo perché è un marchio a livello mondiale; avere l’ok del Comune per la costruzione dello stadio è un presupposto importante, poi una rosa giovane e di prospettiva”.

 

 

13
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Potrillomadridde
Ospite
Potrillomadridde

Non sono d’accordo … diritti tv fanno la differenza … siamo settimi nella ripartizione dei diritti tv e non credo che anche comprando ronaldo si possa raggiungere inlivelli delle strisciate che prendono piu del doppi della viola. Avere giocatori importanti potrebbe migliorare i ricavi commerciali ma attenzione i giocatori importanti guadagnano molto … Lo stadio nuovo garantirebbe forse qualche spocciolo in piu aumentando il costo dei biglietti o vendendo qualche pizza. Ricordo che nelle grandi squadre l’80% del fatturato viene da diritti tv e merchandising… nella fiorentina queste voci rappresentano il 50% circa è ovvio che si debba giocare sulle… Leggi altro »

ALESSANDRO1973
Tifoso
alessandro1973

era quello che aveva detto prandelli guardacaso prima che saltasse fuori la falsa cena con i dirigenti rubentini,per la quale qualcuno ancora lo infama…

Lorenzo
Ospite
Lorenzo

Se non investiamo tanto allora meglio un’altra proprietà meno permalosa e vicino alla squadra.

lolletti
Ospite
lolletti

X esempio? Credete ci sia la fila che vuol comprare la Fiorentina? Per ora c’e’ solo Sundas

Il bagnino
Ospite
Il bagnino

BELLINAZZO, non ce rompere il ….ZZO!

Viola 1951
Ospite
Viola 1951

Prima di dare consigli agli altri, farebbe bene a dare un’occhiata ai conti del suo giornale……

Viola 1951
Ospite
Viola 1951

Prima guardi i conti del suo giornale, poi dia dei consigli agli altri…….

viola forever
Ospite
viola forever

La colpa è del sindaco che non è stato capace di trovare la soluzione per liberare il terreno della mercafir facendo false promesse all’infinito ai della valle e illudendo i tifosi sulla fattibilità. E loro si sono incavolati a bestia e hanno deciso di fare altrimenti. Cioè una autogestione all’ennesima potenza e la minaccia però seria anzi veritiera della vendita della società defilandosi anche dal presienziare di persona a Firenze. Se invece si faceva lo stadio ………. chissà!!! Ora Nardella chiamato in causa, risponde dando la colpa al fatto che fino a che i della valle non presenteranno il progetto… Leggi altro »

jack
Ospite
jack

ripassati l’argomento , perchè sei molto
lontano dalla realtà dei fatti…tanto per cominiciare
non esiste uno straccio di finanziatore per
la fantomatica cittadella…non ci stanno i soldi …
ma questa è solo una delle tante….l’area è sbagliata ,
sembra quasi scelta apposta , per poi fingere
di scandalizzarsi dei vari ostacoli che ci sono
da superare…direi ostacoli insormontabili…quindi
qualcuno fa il furbo , probababilmente tutte le
parti in causa

Stefano
Ospite
Stefano

L’area Mercafir é stata scelta dalla Giunta del Sindaco di Firenze. É ben noto che i DV volevano un’altra zona, grande quasi il doppio di quella della Mercafir. Il problema é che per l’area Mercafir (e il sindaco lo sapeva bene) c’erano le problematiche inerenti lo spostamento del mercato e la vicinanza con la pista dell’aeroporto e tutto é diventato difficile. L’impressione é che di sicuro nessuno (né il sindaco né le varie proprietà dei terreni interessati) ha cercato di agevolare la Fiorentina in questo investimento, anzi….

chotto
Ospite
chotto

BELLINAZZO HA DETTO UN’ALTRA COSA . Spero che la Fiorentina fallisca e sparisca così cercherete un altro lavoro

Gino_P
Ospite
Gino_P

Ora, doveva arrivare BELINAZZO ….. con tutto il rispetto eh…

violadasempre
Ospite
violadasempre

Mah, francamente spero che quell’asticella non l’alzino.
Giá ce l’hanno messa tra le le chiappe, se la movono anche diventa un bel problema….

Articolo precedenteCarlos Sanchez migliore in campo nel pari tra Colombia e Venezuela
Articolo successivoSaponara verso il recupero in vista della sfida con l’Hellas Verona
CONDIVIDI