Benvenuti a Fort Marassi Genoa: in casa solo 4 gol presi

di Francesco Gambaro-Gazzetta dello Sport

4



Fiorentina in campo a Marassi

Se «Fort Marassi» è ancora imbattuto, lo si deve in gran parte a una difesa bunker, la meno battuta tra le mura amiche insieme a quella della Fiorentina. La retroguardia rossoblù in casa finora ha subìto soltanto quattro gol: uno dal Cagliari, uno dal Pescara, uno dall’Udinese e uno dalla Juventus. Nessuno da Napoli e Milan. Il segreto? A Marassi il Genoa si trasforma e sfodera le prestazioni migliori. Non a caso 13 punti su 20 sono stati conquistati al Luigi Ferraris.

I tre «caballeros» La difesa rischia pochissimo anche grazie all’apporto di un centrocampo molto muscolare, ma molto dipende dal valore dei singoli: Izzo è in rampa di lancio per la Nazionale, Burdisso sta vivendo una seconda giovinezza e Munoz – quando non è frenato da problemi fisici – è un muro insuperabile. A stupire più di tutti è capitan Burdisso che sta disputando la stagione migliore da quando è arrivato al Genoa. Ieri ne ha parlato anche Juric: «È strano a dirlo, ma io lo vedo in crescita anche dal punto di vista tattico. È un giocatore che continua a imparare, ha una mente fantastica, a 35 anni è aperto a tutto. Spero che continui così».

Se Burdisso è il totem della difesa, Izzo e Munoz sono i suoi validi scudieri. L’ex avellinese ormai è una pedina insostituibile nello scacchiere rossoblù. Grazie alle sue doti nell’anticipo, spesso è il primo a far ripartire l’azione ed è anche il più efficace nel recuperare palla. Non a caso è secondo nella classifica di serie A per numero di palloni recuperati. E poi c’è Munoz, un destro impiegato a sinistra. Nelle gerarchie di Juric ha scalzato Orban e Gentiletti, due mancini naturali. Rispetto agli altri anni, l’ex rosanero sta giocando con più continuità, senza tutti quegli infortuni che finora ne hanno frenato la carriera. Contro la Fiorentina, però, non è detto che parta titolare: «L’anno scorso ha avuto un po’ di problemi. Sto valutando se è in grado di giocare 4 partite allo stesso livello. – sottolinea Juric – È in competizione con Orban».

Il tecnico croato teme molto la Fiorentina: «È in un momento splendido, ha una rosa impressionante, come gioco vale il Napoli. Fuori casa ti fanno male. Non è facile affrontarli. Sousa ha lavorato benissimo sugli errori che la squadra commetteva». La formazione rossoblù potrebbe presentare qualche novità rispetto alla partita di San Siro contro l’Inter, dove è stata sconfitta per 2-0. Juric pensa anche alla gara contro il Palermo di domenica. Così potrebbe risparmiare Rigoni (diffidato) e Veloso, ammonito nei 27 minuti giocati contro la Fiorentina prima della sospensione e dunque a rischio espulsione per secondo giallo. In difesa giocheranno Izzo, Burdisso e Munoz (favorito su Orban); a centrocampo Lazovic, Cofie, Rincon e Laxalt; in attacco Edenilson e Ninkovic alle spalle di Simeone.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Biobba2015
Ospite
Biobba2015

A me basta anche uno a zero. Importante è vincere. Le dichiarazioni lasciano il tempo che trovano. Forza viola.

Anguilla-comacchio
Ospite
Anguilla-comacchio

Salve e auguri viola. Tempo fa in una intervista a Perin lo stesso commentando la situazione loro di classifica dichiaro’ che alla stessa dovevano essere aggiunti i 3 punti della partita con la viola. Non ho parole di come godrei di fargli rimangiare il tutto. Dai forza viola c’e’ la possiamo fare. SFV

lolland
Ospite
lolland

E 4 ne prenderanno stasera! Forza Fiorentina!

cav974
Ospite
cav974

0-1 e tutti a casa Fiorentina unico amore

Articolo precedenteLa corsa di Fede, il fiuto del Cholito. A Marassi la sfida dei figli d’arte
Articolo successivoIn trasferta già 16 reti, la Fiorentina è garibaldina
CONDIVIDI