Bernardeschi torni a fare le giocate e le prestazioni che ci hanno fatto innamorare

0



La possibilità è stata lanciata nella giornata di ieri: la Fiorentina starebbe pensando di allungare ulteriormente, blindandolo con una clausola rescissoria da capogiro, il contratto a Federico Bernardeschi. Ovvio che gli sarebbe ritoccato anche l’ingaggio. Sintomo di quanto la società creda in questo giocatore cresciuto nelle giovanili viola. Non scordiamoci che proprio l’estate scorsa arrivò il prolungamento fino al 2019. Il tutto mentre il talento di Carrara non sta attraversando il suo momento migliore. Tutt’altro. Il numero dieci è esploso nel girone di andata, quando Paulo Sousa l’ha impiegato sulla fascia destra. Grazie alla sua fisicità e la resistenza alla corsa, l’idea ha funzionato. Vedendo le prestazioni che offriva in campo, le attenzioni dei più grandi club europei non si sono fatte attendere. Così come i paragoni ingombranti e, forse, del tutto esagerati per un ragazzo di ventuno anni.

Il calcio italiano con i suoi allenatori, da sempre attenti e molto tattici, hanno imparato a conoscerlo e quindi a limitarlo nella sua efficacia. Esaurita la sorpresa iniziale, il calciatore non è riuscito a migliorare su alcuni aspetti decisivi per chi gioca in serie A e per chi vuole essere decisivo. Ad esempio, essendo un mancino, i difensori lo mandano sempre sul piede meno forte e lì, Bernardeschi deve migliorare. Parecchio. La voglia e il sacrificio di sicuro non gli mancano, altrimenti ad un ragazzo nato e cresciuto come punta non gli riesce adattarsi così bene a fare tutta la fascia per novanta minuti. Tutto questo l’ha portato anche a esordire nella Nazionale di Antonio Conte e a giocarsi un posto per l’Europeo in Francia di questa estate. Negli ultimi mesi, il calo fisico c’è stato. Come c’è stato per tutta la squadra. Dai giocatori come Bernardeschi ci si aspetta sempre la giocata risolutiva. Il colpo di genio. Non fosse altro per il numero di maglia che indossa.

La fase di appannamento, come detto, c’è stata ma il tecnico portoghese gli darà una nuova opportunità nella gara delle gare di domani sera contro la Juventus. Partita attesa e carica d’importanza visto gli ultimi risultati di squadra. Firenze e la Fiorentina si aspetta che torni ai suoi livelli e confermi quanto di buono ha fatto vedere nella prima parte di stagione. Dando un’ulteriore, decisiva spinta a sancire in maniera ancora più forte il legame tra la maglia viola e Bernardeschi.