Bia a FI.IT: “Gattuso e Iachini simili, ma le problematiche di Firenze e Napoli sono diverse”

1



Le dichiarazioni in esclusiva dell’ex difensore azzurro in vista del match di questa sera al San Paolo

Questa sera la Fiorentina di Iachini proverà a conquistare il terzo risultato utile in campionato, il quarto di fila considerando la Coppa Italia. La squadra viola ha beneficiato del cambio di allenatore in queste prime sfide e di fronte si troverà il Napoli che non sta rispettando le aspettative di inizio stagione. Gli azzurri arrivano dal successo in Coppa Italia contro il Perugia, ma i risultati ottenuti da Gattuso sin qui non convincono totalmente. A poche ore dal fischio d’inizio, Fiorentina.it ha contattato in esclusiva Giovanni Bia, ex difensore del Napoli e attualmente agente Fifa:

Come valuta l’arrivo di Iachini sulla panchina viola?
Sicuramente l’impatto di Iachini è stato buono. È un allenatore con grandissimo carisma e credo che fosse quello che servisse in questo momento. Mi sembra che la Fiorentina abbia intrapreso la strada giusta”.

Iachini e Gattuso allenatori simili ma con risultati diversi?
Sono due allenatori che hanno le stesse caratteristiche di quando giocavano in campo. Le situazioni che hanno trovato però al momento dei loro arrivi sulle rispettive panchine è stato diverso: la Fiorentina era malata marginalmente, mentre il Napoli aveva delle problematiche interne e situazioni abbastanza pesanti. Quella degli azzurri non è una questione solo di allenatore. Sono situazioni completamente diverse e molto più pesanti, a Napoli c’è un arbitrato in corso tra giocatori e società. Erano molti anni che non capitava”.

Quanto crede che influiranno le assenze nella difesa del Napoli?
“Sugli infortuni non ci si può far niente, sono inconvenienti che fanno parte del gioco del calcio. Il Napoli ha una rosa molto ampia e credo che chi subentrerà al posto di questi ragazzi farà il suo dovere in campo”.

Cosa pensa del ritorno di Cutrone in Serie A?
Dopo il gol in Coppa Italia speriamo che si ripeta per i tifosi della Fiorentina. Cutrone è un giocatore interessante che forse deve ancora dimostrare a pieno il proprio valore. L’esperienza in Inghilterra non è andata benissimo ed è tornato subito in Italia. Brava la Fiorentina che ha fatto un colpo importante in un reparto che necessitava di forze fresche”.

Cosa aspettarsi dal mercato viola?
“Daniele l’ho sentito poco in questi giorni, ma leggendo i giornali credo che stiano cercando un difensore centrale e un centrocampista muscolare. Credo che siano effettivamente questi i profili da cercare”.

Il Napoli invece ha tesserato Lobotka e Demme: cosa pensa di questi due acquisti?
Ho visto il Napoli in Coppa Italia e Demme mi è sembrato un giocatore completamente diverso da Diawara o da un regista vero e proprio. È un giocatore che ricorda più Gattuso, un recuperatore di palloni. Lobotka mi sembra più tecnico. Sono due giocatori che vanno a rinforzare un reparto che necessitava di muscoli, poi dipende sempre da come vuoi impostare le squadre. Ad inizio stagione probabilmente era stata costruita una squadra che prediligeva il palleggio”. 

Tra i suoi assistiti c’è anche Mattia Trovato, attualmente in prestito al Cosenza: qual è la sua situazione?
Stiamo cercando un’alternativa valida in Serie B. Se riusciamo a trovare una squadra in grado di garantirgli un minutaggio superiore a quello che sta ottenendo al Cosenza, sicuramente sarà presa in grande considerazione. Assolutamente non scenderà in Lega Pro. Ci sono quattro o cinque squadre interessate in Serie B, ma devono avvenire ancora degli incastri e bisogna capire poi le loro scelte. Restiamo fiduciosi per quello che può accadere”.

1
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Giovanni
Ospite
Giovanni

O che dici anche te? Come pia’ hai bevuto … La Fiorentina era “malata marginalmente”? Se ti pare poco fare 2 punti in 8 giornate fai te

Articolo precedenteGravina: “Anastasi leggenda del calcio italiano. Per sempre nei cuori di tutti”
Articolo successivoPres. ACCVC: “Sindaco di Bergamo al Franchi, un invito in casa di altri…”
CONDIVIDI