Bigica: “Vittoria di platino, ottima partita. Un 2018 bellissimo, ma poteva essere indimenticabile”

1



L’allenatore della Primavera della Fiorentina commenta la vittoria in rimonta 2-1 contro il Genoa, e il 2018 dei viola.

Parla così Emiliano Bigica, tecnico della Primavera viola, dopo il 2-1 in rimonta contro il Genoa: “La squadra ha fatto un’ottima partita, dove ha voluto fortemente il risultato. Siamo andati sotto in modo immeritato, abbiamo però avuto la forza di crederci e continuare per la nostra strada. I cambi mi hanno dato una marcia in più, mi fa piacere. Non so se il pari tra Atalanta e Torino ci aveva messo implicitamente un po’ di pressione. Una vittoria che vale non oro, ma platino. Continuiamo sulla nostra strada con determinazione, riscattandoci del risultato rocambolesco di Torino con la Juve. Dove comunque avevamo fatto la nostra prestazione. È la prima partita in una settimana dove possiamo capire chi siamo. Cerchiamo di recuperare per poi, mercoledì, contro la Spal provare a passare il turno (in coppa Italia, ndr)”.

DISCORSO ALL’INTERVALLO. “Penso che sia stato comunque un primo tempo importante, non siamo riusciti ad essere cattivi negli ultimi 20 metri. Ho chiesto ai ragazzi di muovere più velocemente la palla, per trovare gli spazi. E di avere approccio forte, come nel primo tempo”.

GRAICIAR. “Veniva da qualche infortunio, è venuto con noi per fare minutaggio e trovare condizione. L’ho cambiato al 75′ perché non aveva la partita intera, ma viene sempre con umiltà e con il sorriso sulle labbra. Questo mi fa piacere, tutti i ragazzi quando sono venuti qui hanno capito che devono sfruttare la Primavera per ritrovare condizione se la prima squadra dovesse aver bisogno”.

RIGORE? “Beloko voleva l’ammonizione per chi ha fatto fallo, invece è stato ammonito lui e sarà squalificato. Ma l’adrenalina in partita può portare anche ad atteggiamenti che non piacciono. Ma non mi sento di dirgli nulla, lui è istintivo e focoso e può capitare. Non ci sarà a Palermo, ma ci saranno altri”.

BILANCIO 2018. “Un 2018 bellissimo, poteva essere splendido e indimenticabile. Due finali a marzo e a giugno, un 3° posto in questo momento con una squadra totalmente nuova. Un’annata totalmente positiva, cerchiamo di chiuderla al meglio”.

1
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Marco
Ospite
Marco

Rendici l’anno ancora più indimenticabile e dimettiti. Squadra con un gioco improponibile.

Articolo precedenteBallottaggio in difesa: Ceccherini potrebbe giocare terzino contro l’Empoli
Articolo successivoSimeone, un gol per uscire dal tunnel: voglia di conferma
CONDIVIDI