Biraghi: “E’ sempre bello ricordare Davide. La Fiorentina? L’obiettivo è tornare in Europa”

3



Il difensore della Fiorentina e della nazionale italiana ha ricordato la sua esultanza dopo il gol vittoria alla Polonia e sul futuro della squadra viola ha sottolineato l’obiettivo da conquistare

Il gol alla Polonia e la dedica a Astori? È stato un bel momento per me e la nazionale e per Davide. È normale che alla convocazione ci creda sempre, lavoro anche per quello. Aspettiamo venerdì e vediamo. Se devo imparare a essere meno spregiudicato nella fase offensiva? Io non ho un pensiero del genere. Lavoro per migliorare tutti i giorni, è chiaro che devo migliorare la fase difensiva avendo soprattutto caratteristiche offensive“. Così il difensore della Fiorentina e dell’Italia Cristiano Biraghi ai microfoni de La Palla al Centro su Radio Rai.

Poi, sulla Fiorentina:Veniamo da alcune partite dove potevamo raccogliere di più. A Frosinone non dovremo commettere tutti quelli errori commessi per riuscire a portare a casa la vittoria. Noi vogliamo fare meglio dello scorso anno, vogliamo conquistare l’accesso alle coppe europee. Lavoriamo per questo e alla fine tireremo le somme. Sousa? Non lo conosco come persona. A Firenze ha fatto bene il primo anno poi per il resto non saprei cosa dire non conoscendolo. Pioli? E’ un allenatore che ci sta dando tanto e per una squadra giovane come la nostra è fondamentale”.

Infine, su Simeone:E’ per noi un attaccante fondamentale, gli manca solo il gol che presto tornerà. Torneremo alla vittoria? Ce lo auguriamo, noi lavoriamo per questo

 

3
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Lmaltaglati
Tifoso
luigi48

Ma quanto parli. Aspetta la fine del campionato, dammi retta, onde evitare figuracce!!!!

CLAUDIO1
Ospite
CLAUDIO1

COSI PARLO’ BIRAGHI TERZINO DI UNA SQUADRA ANONIMA DI MEZZA CLASSIFICA

Themauviola
Ospite
Themauviola

ma chetati e pensa a giocare meglio

Articolo precedenteSalica e la Firenze Marathon: “Che bello ricordare Davide Astori al 13° km in modo gioioso”
Articolo successivoAntognoni e la Firenze Marathon: “Il ricordo di Davide ha unito tutti”
CONDIVIDI