Biraghi-Laurini, il Crotone e quella doppia retrocessione da dimenticare

da La Repubblica

1



Più che un tuffo nella storia, stavolta si tratta di un passo. Breve. Perché questo pomeriggio due giocatori viola affronteranno quel che è stato il loro incubo della passata stagione. Ovvero il Crotone di Davide Nicola. Formazione data per spacciata dopo poche giornate e poi protagonista di una rimonta ai limiti dell’immaginabile culminata con la salvezza e la retrocessione di Empoli e Pescara. Chissà se ci avranno pensato Laurini e Biraghi, due calciatori che hanno vissuto la retrocessione (Laurini con l’Empoli e Biraghi col Pescara) per poi approdare a Firenze.

E pensare che Laurini, l’anno scorso, non ha mai affrontato i calabresi: out per squalifica all’andata e fuori per infortunio al ritorno. Anche Biraghi, all’andata, non giocò contro il Crotone ma era in campo al ritorno. Conti aperti, insomma. I due calciatori, arrivati alla fine del calciomercato, hanno convinto Pioli. Laurini ha scalzato Bruno Gaspar sulla destra, Biraghi ha fatto la stessa cosa con Maxi Olivera sulla sinistra. Silenziosamente, senza proclami, si sono presi la maglia da titolare. Ormai la retrocessione è solo un ricordo.