Il blog di Ludwigzaller: Crisi

1315



Ludwigzaller commenta il ritorno sulla panchina viola di Vincenzo Montella, e quello che può significare per la Fiorentina in questa stagione e nella prossima

Nei concitati momenti della crisi il ricorso al padre nobile o al generale che si ritiene in grado di salvare la patria è un classico. Il razionale, coraggioso in senso calcistico, e creativo Vincenzo Montella si è materializzato come possibile salvatore della patria nell’attuale crisi della Fiorentina. La mediocrità o l’immaturità di alcuni possibili sostituti, da Bigica a Reja, l’impossibilità di mettere in panchina Di Francesco, la certezza della popolarità di Montella hanno congiurato a far emergere la sua candidatura, quando si decideva, tra telefonate intercontinentali, la sorte di Pioli.

Da amante dell’ordine interiore ed esteriore, della perfezione, come dell’audacia, non credo ci sarebbe stata scelta migliore. Di certi limiti del carattere, se poi esistono, francamente non mi curo. I suoi tre anni fiorentini sono stati un’avventura calcistica e filosofica che ho seguito con passione. Montella è stato il primo a importare in Italia con successo i principi del calcio di Guardiola, ha convinto subito, divertito e dato spettacolo. Innovazioni come la mancanza del centravanti di ruolo (“il centravanti è lo spazio”), i difensori che partecipavano al gioco, il 4-3-3, la preparazione muscolare sostituita dagli esercizi con la palla, gli schemi di Gianni Vio su palla inattiva, erano, per l’Italia, novità assolute, accolte spesso con sufficienza e scetticismo. Si parlò della Fiorentina di allora come della squadra che praticava il miglior calcio d’Europa. Non traggano in inganno certi esoneri: al Milan è stato fatto fuori dopo poche giornate, per l’incompetenza dei dirigenti, al Siviglia è arrivato ai quarti di Champions eliminando Mourinho.

Accettando l’offerta Montella si è preso dei rischi. La rosa non è stata decisa da lui e per certi aspetti non gli si addice. La mancanza di un giocatore come Pizarro salta agli occhi. Montella ha fondato la sua fortuna fiorentina su questo straordinario centrocampista cileno dal fisico ticcio, che occupava il centro del campo, alimentando la manovra di attacco con aperture illuminanti e opponendosi, con le buone o con le cattive (i falli tattici programmati), alle altrui ripartenze. L’immaturo Norgaard e il muscoloso Dabo, non fanno, credo, al caso suo, e Diakhate è stato improvvidamente ceduto. Più in generale Montella costruisce pazientemente un sistema di gioco per le sue squadre, ma il tutto avviene nell’arco di circa due mesi. Montella si dovrà inventare qualcosa, vedremo cosa, ma gli aggiustamenti in corso d’opera sono una sua qualità indiscutibile, sarà un piacere seguire i suoi esperimenti.

Montella può offrire sul campo di Bergamo garanzie ben maggiori di Pioli. Le partite contro l’Atalanta hanno avuto finora un forte contenuto tattico. Gasperini le ha dominate umiliando Pioli e mettendo a nudo spietatamente certe nostre incertezze. Con Montella avrà vita più difficile. Montella a Bergamo schiererà una Fiorentina votata a imporre il proprio gioco e non a subirlo, mai chiusa nella propria area, che manovrerà e terrà a lungo la palla, sfruttando al meglio un eccezionale tridente.

L’anno prossimo, con una formazione tagliata su misura, potrà fare ancor meglio, restituendoci quel piacere di veder giocare a pallone che manca da tempo.

di Ludwigzaller

1315
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Belvaromana57
Ospite
Belvaromana57

L’ipotesi di stampa di un 4231 per Bergamo non è campata in aria. Questa rosa, con il solo Norgaard mediano di ruolo e gli altri tutti mezze ali, non è stata costruita per avere un terminale basso di centrocampo unico

BerardoViola
Tifoso
Noble Member
BerardoViola

Naturale che un campione del mondo che sull’agonismo e sulla fisicità ha costruito la sua carriera di calciatore poi ne faccia anche la base del suo modo di allenare e concepire il calcio. Quando Berlusconi gli chiese di allenare il Milan umilmente rispose che non era pronto e fece la sua gavetta, a Creta, a Pisa. Quando finalmente decise per il sì disse quello che la dirigenza diceva da tempo, il Milan era poco allenato. Coincideva con il suo credo di calcio con il credo societario del momento. L’intelligenza del tipo si rivela oggi, quando fa le stesse osservazioni al… Leggi altro »

Gigliato
Tifoso
Gigliato

Ripensavo agli obbiettivi dichiarati da Pioli a Gennaio. Parlava di 60 punti e 10 vittorie se ben ricordo …. questo sua esposizione circa gli obbiettivi, poi non raggiunti e non raggiungibili, può aver influito su quel che poi è accaduto sia in seno allo spogliatoio che alla società .. e forse anche in cuor suo.

pizzulaficu
Ospite
pizzulaficu

Bertolacci me piace un sacco, Un cognome poetico, da liriche e odi. Sai le rime, ‘lli mortacci !

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Corvino ha fatto una campagna acquisti al risparmio, d’accordo. Ma come ha preso Gerson a zero, poteva, sempre a zero, prendere un regista, in prestito o perchè svincolato. Se non l’ha fatto è perchè Pioli non ha insistito per averlo. Non vedo altre spiegazioni. D’altronde nella visione tattica di Pioli il regista sarebbe stato un intralcio.

Belvaromana57
Ospite
Belvaromana57

Possibile Lud. È una ipotesi. Quello che è certo è che Mister uno di noi preferiva che i giocatori rincorressero la palla piuttosto che farla girare

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

Perche in ogni ambito dell’esistenza distruggere è più facile che costruire.
Ha pesato rosa, età media e capacità personali finendo per scegliere questa, fallimentare, filosofia di gioco, credendo che un giovane cresca meglio nella bambagia, al riparo da problemi e responsabilità (calcistici, si intende). Ecco perché è plausibile che i nostri giocatori gli vogliano bene, ma è lo stesso motivo per cui rimane un gestore e un insegnante mediocre: con i buffetti sulla guancia tiri su un cretino, non un uomo

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

Condivido poco questa visione , il più è nelle premesse e comunque si intervanga in alcuni casi viene su un tonto ed in altri una persona in gamba . Ad alcuni i buffetti fanno un gran danno ad altri un gran bene ,alcuni vanno inquadrati mentre altri inquadrati sono nati , e soprattutto dovremmo dimenticare tutti le ” regole generali “, gli esseri umani siamo realtà singole che più singole non si può. Anche nelle cose serie , eh , figurati nel calcio . Ora devo dire ” a mio parere ” o è superfluo??!😰

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

Gatto leggiamo ancora oggi feuilletons sullo straordinario apporto di Pioli nel dopo Astori, gente che voleva smettere di giocare, panico, si narra che qualcuno abbia anche tentato di imbarcarsi su un cargo battente bandiera liberiana. Non metto in dubbio la portata dell’evento, ma non ne concepisco la gravità (nel senso di pesantezza) morale a esso legata. Tutti noi abbiamo perso e perdiamo persone care, amici e colleghi, non ci tiriamo un colpo in testa per questo. La gestione umana del gruppo forse ha preservato gli atleti dallo shock prolungato ma a lungo andare per me ha creato un “calcare” di… Leggi altro »

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

La perdita di un collega di vita quotidiana è intrinsecamente un trauma che proprio in quanto trauma va elaborato ed è una cosa che richiede tempo , quindi è possibile , anzi probabile , che per un po’ un uomo come Pioli grigio ma composto e corretto sia stato un collante ed al tempo stesso uno scudo . Alla lunga tutto ciò va superato perché , appunto , elaborato ,altrimenti diventa nel complesso ed in automatico un alibi o , se preferisci , una tessera intera rete e questo è esattamente quello che è successo alla squadra, con risultati sotto… Leggi altro »

Paolotto
Tifoso
Famed Member
Paolotto

Mah, sai come la penso: Corvino, Pjaça e Gerson non li ha scelti. Glieli hanno dati, corredati da precise istruzioni per l’uso, passate a Pioli il quale, finché ha potuto, le ha diligentemente rispettare essendo un serio aziendalista.

Belvaromana57
Ospite
Belvaromana57

Alla fine Paolotto l’eccesso di aziendalismo lo ha affossato in classifica, con quella serie di pareggi ottenuti giocando dieci contro undici. D’altro canto, è proprio il fatto di essersi attenuto alle consegne che lo ha indotto a ritenere di meritare il prolungamento di contratto

2z2t
Ospite
2z2t

La storia delle precenti squadre che ha allenato ha visto la presenza di registi, Brozovic all’inter e Biglia alla Lazio. Negare questo è negare dati storici. Badelj è sempre stato utilizzato da Pioli, che l’ha riconosciuto come fondamentale in campo e in spogliatoio. Cose dette e ridette all’infinito. è lecito e direi ragionevole pensare che se Badelj avesse deciso di rinnovare, Pioli lo avrebbe continuato ad utilizzare. La lettura più verosimile che do io di questa faccenda è che Pioli, assieme a Corvino, hanno riconosciuto in Veretout un centrocampista universale, un elemento in grado di fare tutti i ruoli del… Leggi altro »

Gigliato
Tifoso
Gigliato

Rispondo a Deyna.
Ma quindi il Milan che voleva andare in champions cacciò Montella 7° per finire con Gattuso 6° e questo sarebbe un affare per la società milanese e un giudizio d’incapacità di Montella e di bravura di Gattuso?

Deyna
Tifoso
Deyna

Non vorrei passare per fan di Gattuso perché non lo sono affatto, ma non mi piacciono le esagerazioni. Intanto Gattuso ha migliorato la posizione di Montella l’anno scorso, e col 6° posto in Europa ci è andato, col 7° non ci vai [e visto l’andazzo montelliano in quel periodo, sarebbe probabilmente andato a peggiorare]. Quest’anno poi Gattuso si sta dimostrando un tecnico in crescita, non proprio il cavernicolo di cui si favoleggia. Io preferisco avere Montella come concezione di calcio, ma i fatti dicono che tra i due quantomeno non c’è questo abisso, quanto a risultati…

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Scusa Deyna, ma perchè il piazzamento di Montella alla fine della scorsa stagione doveva essere il settimo posto? Quello di cui parli è il piazzamento nel momento dell’esonero.

Deyna
Tifoso
Deyna

Perché gli hanno rinforzato la squadra secondo i suoi desiderata – Bonucci, Biglia e Kalinic rispettivamente centrale che imposta, regista e nueve di movimento – e lui aveva peggiorato il rendimento del milan, sia come posizione in classifica, sia come tenuta atletica, con gioco stabile sul brutto. Di certo non c’è nulla, ma dopo 14 partite e un anno deludente alle spalle l’esonero ci stava tutto. A nulla gli è valso l’indecoroso e un po’ vile scaricabarile sul preparatore atletico.

Pizzulaficu
Member
pizzulaficu

Fu una questione Etno-Antropologica, mi disse qualcuno.

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Non solo Montella è stato cacciato dopo poche giornate, ma lo hanno anche accusato di aver sbagliato la preparazione, laddove Montella applica da sempre, in fatto di preparazione, il protocollo di Guardiola, su cui fece persino la tesi a Coverciano.

Deyna
Tifoso
Deyna

Montella può applicare qualsiasi protocollo, ammesso che nel calcio esistano e siano applicabili universalmente senza tenere conto dei singoli giocatori, ma quel milan in campo stentava anche atleticamente, le partite le ho viste. Poi bisognerebbe mettersi d’accordo su questi benedetti minicicli: quando Montella fa male nelle prime 14 gare di campionato diventano “poche giornate”, quando fa bene a fine stagione 2012/13 per un simile arco temporale di partite diventa un dato significativo…

Ludwig
Tifoso
Ludwig

La differenza sta nel fare certi risultati alla fine o all’inizio. I protocolli ci sono e sono ben noti.

Deyna
Tifoso
Deyna

I protocolli ci sono, ma l’applicazione in preparazione atletica varia grandemente a seconda degli atleti che hai a disposizione, e sicuramente Guardiola stesso ne terrà conto a seconda che alleni Xavi e Iniesta, o i potenti arnesi che ha avuto al Bayern e al City…Senza contare che ci si può anche sbagliare, sta di fatto che il milan [vidi diverse partite] pareva non reggersi sulle gambe, soprattutto nei secondi tempi.

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Pur sconfitto nel derby per 3-2 il Milan aveva giocato bene soprattutto nel secondo tempo, dunque la condizione non era pessima, Deyna. Fra l’altro quella partita era sul 2-2 fino al 90′.

Elukas
Ospite
Elukas

Quando si perde la nozione temporale, un anno e mezzo diventano poche giornate.

Gigliato
Tifoso
Gigliato

L’anno precedente con qualificazione e vittoria in supercoppa mi pare si possa dire che avesse fatto il suo.

Gigliato
Tifoso
Gigliato

Fossero stati bolliti la cosa si sarebbe vista anche con Gattuso .. non averlo visto può apparire come ammutinamento e data la posizione del Mirabelli ….

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

Qualcosa di vero dovra pur esserci peró Ludwig, se Marra è stato licenziato ed ora, con Savoia, il preparatore di fiducia di Montella è diventato il belga Mario Innaurato.
I metodi presi in vitro non sono attendibili, va valutato tutto empiricamente

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Come è stato chiarito dallo stesso Marra, furono gli stessi Mirabelli e Fassone a pretendere il licenziamento di Marra che Montella dovette accettare in quanto “o andavo via io o licenziavano entrambi” (Marra).

Lucido
Ospite
Lucido

Montella è storicamente uno che mette pochissima attenzione alla preparazione e all’aspetto fisico. Mi ricordo a tal guisa le parole di uno stupito Borja Valero che al primo anno di Fiorentina disse che non gli pareva vero dal primo giorno si allenasse già con la palla e non molto sulla parte atletica, che si vede lui soffre. Magari Montella si è ricreduto chissà, ma il Milan di Montella ha fatto abbastanza schifo, al contrario Gattuso, pur non esprimendo certo un bel gioco, lo ha reso quadrato e difficile da battere.

Elukas
Ospite
Elukas

Si può dire che hai scelto bene e sai rispettare il nick. In tutte le professioni, uno può avere preferenze per certe tesi, o simpatie per chi le propone. Ma poi arriva sempre il momento dei bilanci e c’è poco da discutere. Questi dicono che Montella a Genova per pochissimo non va in B con una squadra rilevata sesta, al Milan l’hanno silurato dopo un anno e mezzo, a Siviglia dopo sei mesi. Poi uno può scrivere anche che è stato sfortunato, incompreso, che le dirigenze capivano niente e gli hanno fatto la guerra comprando chi lui non voleva, ma… Leggi altro »

Pizzulaficu
Member
pizzulaficu

E ai topi morti chi ci pensa ?

Gigliato
Tifoso
Gigliato

Ci pensa il buon signore.

pizzulaficu
Ospite
pizzulaficu

Ah ! Ecco.

Ludwig
Tifoso
Ludwig

La derattizzazione.

AntoineRouge
Ospite
AntoineRouge

Io. Ed è l’unica vera tragedia.

Paolotto
Tifoso
Famed Member
Paolotto

Il Gatto, che così non deve far fatica a rincorrerli.

pizzulaficu
Ospite
pizzulaficu

Foho fohino nessuno c’è vicino.
Ma per te PAOLOTTO ne ho una degna del tuo spirito indomito.
Come si pulisce il fucile o anche la pistola.

Paolotto
Tifoso
Famed Member
Paolotto

Si sta parlando di Bertolacci del Milan, a fine contratto. Montella lo conosce: 15 presenze in campionato nel 2016-2017, per complessivi 750 minuti. Anche per una lunga serie di infortuni. L’età (1991) sarebbe giusta: occorre un po’ di esperienza. Ma dopo un momento gloria, con una supervalutazione di mercato, è subito uscito di scena e quest’anno nel Milan non ha mai giocato.
Sarà una nuova scommessa a parametro zero?

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Paolo il nostro budget ci impone di tentare il recupero di giocatori di talento e dalla incerta carriera, un Bertolacci nazionale non ce lo potremmo permettere. E poi Vincenzo sa quello che fa.

Deyna
Tifoso
Deyna

Cesare, Vincenzo…Quando cominci a chiamare per nome gli allenatori della Fiorentina, è amore. Fa eccezione il solo Sinisa, ma solo perché ha un cognome scomodo da maneggiare per iscritto, ahaha

Gigliato
Tifoso
Gigliato

Dal punto di vista della salute non sembrerebbe messo malissimo … vero che è sparito dai radar ma considerata la scadenza del contratto è possibile che abbia scelto di non rinnovare e quindi messo fuori ….. mi pare poi che al Milan abbiano gusto a tener fuori quel tipo di calciatore vedi anche Montolivo. https://www.transfermarkt.it/andrea-bertolacci/verletzungen/spieler/99227

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Pizarro aveva avuto lista libera dalla Roma, per colpa di Zeman, che i suoi errori li fa.

Bomber
Ospite
Bomber

Se queste sono le premesse, siamo messi male

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

Perdonami : con premesse diverse tu penseresti che siamo messi bene ? Ti vedi spettatore di una svolta o vedi tutti noi davanti ad una inversione di tendenza della Proprietà? Se la vedi così ti invidio , senza aggressività ma ti invidio .

Bomber
Ospite
Bomber

Gatto….da ormai tanti anni vedo un declino che fa tristezza….ma ogni anno tirano fuori dal cilindro qualcosa per illuderci che potrebbero tornare….ma ad ogni modo è sempre e solo un illusione….mentre Bertolacci è proprio la realtà che è un mezzo giocatore, l’enneisimo!!

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

Già , evidentemente la mia e la tua televisione trasmettono le stesse partite .

Deyna
Tifoso
Deyna

Mezzettone quando era all’apice della carriera, figuriamoci adesso da invecchiato e con problemi fisici…Se davvero Montella lo chiede, comincio già a dubitare della sua crescita durante il periodo di fermo.

Maffe
Tifoso
maffe

Montella ha avuto Bertolacci già a Roma nelle giovanili

Francesco, Pietrasanta
Ospite
Francesco, Pietrasanta

Il difetto di Corvino, anche dal punto di vista del motivo per cui è stato ( che è quello di comprate, valorizzare e rivedere con guadagno) è che anche se ogni tanto azzecca un giovane buono, questi non trova la situazione ideale per esprimersi. Non ha la capacità di creare un insieme di giocatori che si integrino bene, perciò i giocatori non riescono ad esprimersi per il loro valore. Milenkovic terzino gioca male, Veretout davanti alla difesa idem, Benassi, Edimilson e Gerson hanno delle capacità ma tutti insieme non compongono un centrocampo funzionale. Si tratterebbe di riuscire a creare una… Leggi altro »

Ludwig
Tifoso
Ludwig

Pioli ci ha messo del suo, ne sono convinto, l’idea di giocare senza regista gli va attribuita.

Paolotto
Tifoso
Famed Member
Paolotto

Di fronte a certi eventi, subito dopo il fatto in sé mi colpisce la necessità istintiva di trovare un nemico.
I pompieri che arrivano tardi.
Perché non mandano i Canadair?
Gli islamici esultano.
I cristiani accorrono e intonano canti di preghiera – e anche su questo si storce la boccuccia.
E poi l’inevitabile, interessantissima e originale polemica sull’esistenza di Dio. Sempre presente, non ci abbandona mai e mai ci si domanda perché,
Nel mondo di oggi il primo sentimento è l’indignazione contro qualcuno. Serve per farci sentire migliori e superiori. In assenza d’altro.
Ringrazio Scardanelli.

2z2t
Ospite
2z2t

All’ Ansa hanno giustificato il non intervento di Canadair perchè il lancio di bombe d’acqua dall’alto, in un contesto del genere, avrebbe potuto causare ulteriori danni.

Paolotto
Tifoso
Famed Member
Paolotto

Certo, i tecnici dicono che i Canadair servono per gli incendi boschivi, sui fabbricati in fiamme quelle bombe d’acqua sono catastrofiche. Ma lo dicevo per mettere in evidenza la tendenza che abbiamo un po’ tutti, quando accade qualcosa, di puntare il dito accusatore sull’incompetente di turno. Invece spesso gli incompetenti siamo noi.
La società oggi ha della rabbia a scaricare, ed ogni occasione è buona. E’ un malessere incontrollabile e pericoloso.

Ilgatto
Tifoso
ilgatto

Ma perché non mettono te come Ministro della Sanità al posto di quella bella sagoma che c’è?!! Prima che arrivino le precisazioni : la prima Sanità da curare dovrebbe essere della mente e questa tua è ricerca di un miglioramento globale delle nostre menti , che sono variamente malate , su larga scala .

2z2t
Ospite
2z2t

In effetti, avevo letto troppo velocemente, altrimenti avrei capito il tuo punto sin da subito. E sono d’accordo sulla rabbia da scaricare, ma azzarderei che è sempre stato così. La differenza è che oggi è visibile in modo esponenziale rispetto a ieri, per via di questa rete, benedetta e maledetta, che ci avvolge e aggroviglia (quasi) tutti quanti. Mentre ieri rimaneva di più tra le mura di casa, del circolo, del bar e forse anche del confessionale per qualcuno.

Articolo precedenteNuova contestazione tifosi. Molti striscioni affissi a Firenze: “Della Valle Vattene” (FOTO)
Articolo successivoDa Pioli a Montella ma il sostegno dei tifosi a tecnico e squadra non mancherà
CONDIVIDI