Boateng, esperienza e personalità al servizio del gruppo, come Badelj. Ora si aspetta l’investimento più corposo

36



FIORENTINA 06-08-2019 PRESENTAZIONE DI KEVIN PRINCE BOATENG E DANIELE PRADE. GALASSI SILVANO/SILPRESS

Nella sua presentazione il ghanese ha mostrato tutta la sua personalità. Lui e Badelj l’asse di esperienza per il gruppo viola. Ora ci si aspetta l’investimento più oneroso in entrata: finora spesi pochi soldi…

A piccoli passi la nuova Fiorentina sta prendendo forma. Dopo la presentazione a sorpresa di lunedì di Milan Badelj, ieri ai microfoni della stampa si è concesso Kevin Prince Boateng. Esperienza, forza fisica, duttilità e soprattutto personalità. “Una cosa che non mi manca è la personalità”, ha dichiarato il neo giocatore viola. Una dote dimostrata anche nello scegliere senza troppe titubanze la maglia numero 10.

Quella maglia che sembra ormai afflitta da una maledizione in casa viola. Dopo Mutu, nessuno è riuscito ad onorarla a pieno. Qualcuno ha fatto meglio, come Aquilani. L’ex Roma però ha avuto un rendimento altalenante, dato dai troppi infortuni, e soprattutto non era un fantasista ma un palleggiatore. Qualcuno ha illuso, come Bernardeschi. Federico quella maglia se l’era meritata per doti tecniche, ma si è fatto dimenticare in fretta a Firenze, tutti sappiamo perché.

Tanti, troppi, hanno toppato. Nell’ultimo decennio si possono citare vari Santiago Silva, Olivera, Eysseric e infine Marko Pjaca, forse il flop più clamoroso che ancora brucia nell’animo dei tifosi. Ora la maglia che fu dei De Sisti, Baggio, Rui Costa e Antognoni cadrà su Kevin Prince Boateng. Responsabilità non da poco, ma la personalità c’è e la carriera importante alle spalle pure.

I dubbi, casomai, riguardano la condizione fisica del ghanese. Se i problemi di natura comportamentale sembrano ormai alle spalle, il peso dell’età che avanza e gli ultimi sei mesi passati in panchina a Barcellona lasciano qualche incognita sul futuro rendimento di Boateng.

Come dichiarato dallo stesso giocatore, l’idea di Montella è schierarlo principalmente in attacco, da centravanti oppure da seconda punta (in caso di cambio modulo). Sembra essere la soluzione migliore guardando al tipo di giocatore che è diventato l’ex Milan, non più in grado di strappare con la palla al piede ma molto potente e con piedi buoni.

L’esperienza che avanza. Dopo Badelj, Boateng. E oggi alle ore 13 si presenta Lirola, finora unico vero e proprio colpo del mercato della Fiorentina, anche guardando in prospettiva. Non sarà l’ultimo, perché le parole di Pradè lasciano pochi dubbi: “Della squadra della scorsa stagione, in campo nella nuova Fiorentina ci saranno 2-3 giocatori”.

Il gioco dei nomi viene naturale: i tre che paiono certi del posto sono Milenkovic, Pezzella e Chiesa. Tra coloro che sono sopravvissuti allo stravolgimento di questa estate, dunque, occhio al mercato di Biraghi (che in caso di partenza andrà necessariamente rimpiazzato) e Benassi (al momento la sua cessione appare comunque improbabile, ma non è un titolare inamovibile nelle idee di Montella). Oltre a Simeone, che già oggi parte molto indietro nelle gerarchie.

La prima data importante è domani, 8 agosto, data di chiusura del calciomercato inglese che influirà su molte delle operazioni in bilico di tutto il resto d’Europa. La Fiorentina conta di vedere abbassati i prezzi di alcuni calciatori che sta puntando. Ecco perché la prossima settimana potrebbe riservare altre sorprese in entrata. Si parla dei nomi ormai noti di Demme e Berge per il centrocampo, col sogno Tonali sempre sullo sfondo. Per quanto riguarda l’esterno d’attacco, l’idea Politano, magari da inserire nell’operazione Biraghi, resta in piedi in vista dei saldi di fine mercato. La Fiorentina tornerà a fare un tentativo nelle prossime settimane. Ma attenzione a nomi che ancora non sono usciti, soprattutto nella zona degli esterni.

Insomma, occorrerà avere ancora pazienza. Per adesso, ad eccezione di Lirola, la Fiorentina ha chiuso due giocatori di sicura affidabilità e di grande esperienza, che non hanno bisogno di adattarsi al calcio italiano (nel caso di Badelj nemmeno all’ambiente fiorentino). Ad oggi, però, la Fiorentina non ha nemmeno speso tutto il tesoretto accumulato con le cessioni di Veretout, HugoNorgaard e Laurini. Anzi, se la Fiorentina inserirà l’obbligo di riscatto per Lirola (circa 13 milioni più eventuali bonus) nel bilancio del prossimo anno, i viola attualmente avrebbero speso circa 3 milioni di euro.

Dunque si aspetta ancora il grande investimento. Si vedrà se verrà compiuto a centrocampo oppure sugli esterni. Nel frattempo, la Fiorentina inizia a prendere le fattezze di una vera squadra. Una squadra che ha una voglia matta di stupire e di riscattarsi, dopo le bruttezze dell’ultimo campionato.

36
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
LUK66
Ospite
LUK66

SQUADRA COSTRUITA PER UNA SALVEZZA TRANQUILLA 8 12 POSTO., IN CAMPIONATO E SEMIFINALI COPPA ITALIA.
POI SETUTTO FILA LISCIO QUALCOSA DI MEGLIO.
POI TRA QUALCHE ANNO POSSIAMO PENSARE UN PO PIU IN GRANDE.
COSA NE PENSATE.
.

SenzaLilleri
Ospite
SenzaLilleri

Mercato penoso, servono 7/8 giocatori VERI.
Io voglio vincere,
Vedo che voi no.

Andrea
Ospite
Andrea

Ti piace vincere facile?
Tifa Juve.

SenzaLilleri
Ospite
SenzaLilleri

Vedo che a te piace retrocedere

Viterboviola
Tifoso
Viterboviola

Io spero che Boateng sia una bomba a orologeria. Ma temo anche che sia un flop. Con tutti i casini che ha passato la Fiorentina, c’era proprio bisogno di una ulteriore scommessa?

deno
Ospite
deno

…con il cambio di Proprietà è rinato l’entusiasmo dovuto dalla curiosità di vedere -al di là delle parole- quale sia la reale dimensione di quella attuale…dovendoci sempre ricordare, noi tifosi, che trattasi di Fiorentina non Real Madrid….A me, per il momento, sembra già un buon risultato….

Ramo Spezzato
Ospite
Ramo Spezzato

Il sedicesimo posto dell’anno scorso potrebbe diventare anche diciannovesimo, rimango molto perplesso

Vitellozzo da Frittole
Ospite
Vitellozzo da Frittole

Le checche isteriche supercritiche aspettino la fine delavori mercato a sputare veleno sulla nuova proprietà altrimenti rischiano una figuraccia. Sono in arrivo due vere BOMBE!
SEMPRE SOLO FORZA VIOLA

Gianluca
Ospite
Gianluca

Bomba valero? Ma smettila

Andrea
Ospite
Andrea

Ma smettetela voi di seguire la fiorentina che state davvero esagerando. Disfattisti infelici.

Sverre
Ospite
Sverre

A very nice article! I hope we bring in players with speed and flair. We need to look further that europe, Maybe argentina/brazil for skilled players 😀

Lé sperto
Ospite
Lé sperto

Credo che Politano venga per fare il Cuadrado e siccome Montella avrebbe preferito un giocatore diverso da Gomez, uno alla Boateng o Bergessio per capirci, il vero colpo potrebbe essere un esterno di gamba che porti i gol che faccia da specchio a Chiesa a sfruttare i galleggiamenti tra le linee di Boateng, il profilo giusto sarebbe il coreano del Tottenham, per il nostro target quel Diego Rossi dei LA

Gianluca
Ospite
Gianluca

Politano è tolto dal mercato con comunicato ufficiale (non come chiesa con le intervjste)… Rossi non giocherebbe in serie b in Italia… Un esterno om gamba costa 40/50 mln e 4_5 di ingaggio… Rilassati

Lé sperto
Ospite
Lé sperto

Ho detto “quello che servirebbe”.. Poi I fatti a chi ha la competenza, io non sono Pradé.. Ma sembra che lo sia tu

Analizzatore
Member
analizzatore

I SOLO 3 ACQUISTI FATTI HANNO UN SENSO SE CE NE SARANNO ALMENO ALTRI 4 ACQUISTI IMPORTANTI. SERVE UN CENTRALE AL POSTO DI MILENKOVIC CHE VA MESSO IN PANCA, UN REGISTA DA 20 MILIONI, UN ESTERNO ALTO COME MANDZUKIC E UN CENTRAVANTI DA 20 GOL…. POI QUALCHE PANCHINARO. ILLUDERSI CHE SIMEONE CHIESA E VLAHOVIC POSSANO DA SOLI ESSERE L ATTACCO DELLA FIORENTINA E’ UNA CAVOLATA. LO SCORSO ANNO HO VISTO IL RENDIMENTO DEI TRE: 1) CHIESA NON SEGNERA’ MAI PIU DI 6 /7 GOL PERCHE’ NON HA IL FIUTO DEL GOL MA ALTRE CARATTERISTICHE. 2) SIMEONE E’ UNA PUNTA DA… Leggi altro »

Porsenna
Ospite
Porsenna

Intanto tu scrivessi in minuscolo sarebbe meglio e meglio ancora se non scrivessi proprio.

RG7
Ospite
RG7

Signori per prendere tonali secondo me bastano 20mln +ceccherini e il prestito secco di uno fra Zurkosky e castrovilli, credete che non accetterebbero!?Per Berge un po’ la stessa cosa…bastava non cedere giocatori in prestito tipo zekenini o hagi(titolo definitivo) questi erano profili che al Genk potevano interessare anche in prestito così da far abbassare il prezzo del cartellino…Proviamo ad offrire Cristoforo e Eysseric +15mln…insomma sarebbe un centrocampo all’altezza delle grandi e la spesa non sarebbe poi così eccessiva!!!

Articolo precedenteLa giornata viola: il riassunto
Articolo successivoQuotidiani: la prima pagina di Qs, Stadio, Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport
CONDIVIDI