Borja-Gonzalo-Badelj: tre volti di una Fiorentina in cerca di riscatto

24



Il Capitano, il vice e il fulcro del centrocampo. Di solito, tre anime, insieme al cannoniere, di una squadra. L’intelaiatura principale di un mosaico, di una cornice, di un sistema di gioco. Nella Fiorentina questi ruoli sono ricoperti da Gonzalo, da Borja Valero e da Badelj. Tre dei giocatori copertina della cavalcata in testa alla classifica dello scorso anno, di un calcio esteticamente importante di una difesa che subiva gol, ma con il contagocce.
Oggi, con situazioni e condizioni profondamente mutate, i tre sono l’emblema di una Fiorentina opaca, psicologicamente incerta e chiusa nelle sue paure, come testimoniato dalla sconfitta pesante di Roma.

Gonzalo, il capitano, è stato surclassato da Dzeko, con l’immagine del fallo da cui scaturisce il secondo gol di Fazio che ancora rimane negli occhi dei tifosi.
Borja Valero ha provato a cucire tra centrocampo e attacco, nei primi venticinque minuti in cui i viola sono stati in palla, ma poi si è perso strada facendo, molto spesso richiamato a compiti difensivi che non poteva, o non riusciva a svolgere, come nell’occasione ciccata malamente da Peres.
Badelj, il fulcro del centrocampo, ha vissuto una serata di ombra, impalpabile perché mai messo nelle condizioni di costruire e troppo spesso chiamato a coprire. Imbavagliato dalle incursioni di Nainggolan e dalla coppia Strootman-De Rossi.

Ed ecco che, dopo una prestazione del genere, la sfida di domani sera rappresenta un’occasione di riscatto, un banco di prova per respingere critiche e malumori che ciascuno dei tre, vista la propria situazione e gli scenari futuri, si porta dietro.
Gonzalo è precario, con un contratto a tempo determinato prossimo alla scadenza, Badelj è uno che a Firenze si trova bene ma che non perde mai (attraverso i propri agenti) l’occasione per cercare nuovi orizzonti, mentre Borja rappresenta, nell’immaginario di tutti i tifosi, l’icona con cui intraprendere un nuovo percorso, un nuovo ciclo.

Badelj e Gonzalo sono la sfera del presente, fatto di una gara con l’Udinese che evoca piacevoli ricordi: Entrambi sono andati a segno infatti nella vittoria del Dicembre 2015. Quando il cielo era sereno e erano vere anche le utopie.
Borja Valero è  l’anello di congiunzione più stretto tra passato, immediato e futuro. Una bandiera per i più sentimentali, un totem da cui ripartire in un momento di difficoltà. Con la speranza di vederlo tornare a inchinarsi sotto la Fiesole.

Commenta la notizia

avatar
Ordina per:   ultimi | più vecchi | più votati
Ramon Diaz
Ospite
Member
Allora secondo me il futuro (l’unica cosa che i della valle per ora non ci hanno tolto) potrebbe essere così: Sportiello (tutto da verificare), widimer (ma non si comprerà mai), Astori, Tonelli (oppure un italiano giovane e forte), maxi oliveira (in realtà maxi che potrebbe crescere va bene in panca, si deve comprare un titolare anche qui), Vecino, (qui ci vuole uno grosso, che dia fisico e grinta a questa squadra di ballerine, non saprei chi, uno tipo dunga, uno cattivo), borja (cap.), Chiesa, Saponara (Berna), Petagna (Baba). Quindi squadra da rifondare, con innesti giovani, ma forti, in particolare i due terzini (fliudificanti veri), il centrale di difesa, uno vero, il centrale grosso di centrocampo, il modello dovrebbe essere Krikoviack del Siviglia, la punta. Via Tomovic, De Maio, Gonzalo, Badely, Ilicic e il grande Nikola, che verrà usato per far cassa. Allenatore Sarri, oppure Cesare Prandelli oh oh oh oh….
VIOLA
Ospite
Member

BADELJ GIOCATORE GIA’ DI SUO NIENTE DI ECCEZIONALE SI AGGIUNGA CHE NON VUOLE PIU’ STARE A FIRENZE
GONZALO NON HA RINNOVATO
BORJA VALERO TANTO AMORE PER FIRENZE E LO RINGRAZIAMO CON ENORME AFFETTO INSIEME A TUTTA LA SUA BELLA FAMIGLIA, MA CALCISTICAMENTE MI SEMBRA IN FORTE INVOLUZIONE
IL RESTO DELLA SQUADRA E COMPASTA IN ALCUNI SETTORI DA MODESTI CALCIATORI
SPERANZE PER IL FUTURO CON QUESTA DIRIGENZA E PROPRIETA’, MODESTISSIME

Ilcontedilautreamont
Tifoso
Member
Se un tifoso vuole ricercare la verità calcistica, uscendo faticosamente dalla botte dell’ignoranza e degli stucchevoli luoghi comuni e girovagando quasi come un Diogene con una lanterna in mano, dai filmati, dalle informazioni e dai commenti degli specialisti può solo riconoscere che Borja Valero è stato un gran giocatore, ma ora per evidenti limiti fisici e di età, non è più in grado di essere incisivo come una volta. Badelj è un discorso a parte: è sempre stato discontinuo e ora probabilmente anche più del solito, visto che si fa distrarre dalla concreta possibilità di uno svincolamento con tutto quel che ne consegue in termini economici assai vantaggiosi per lui e per il suo procuratore. Ben diversa è la posizione del chitarrista Gonzolo, difensore che è sempre stato un mediocre, già rassegnato all’età di 28 anni a tornarsene al San Lorenzo con la coda tra le gambe e che solo… Leggi altro »
Potini
Ospite
Member

Non so Conte: sei sicuro che la causa della fase calante di Borja sia da imputare solamente all’età e non anche ai compiti richiestigli da Sousa?

Ilcontedilautreamont
Tifoso
Member

Sicuramente ci sono anche altri motivi, ma non sono sicuro che dietro ci sia la mano lunga dell’allenatore. Ti ricordi di quando Borja fu squalificato per 4 giornate? Ti ricordi che quando ritornò in campo non era più lui? E all’epoca c’era Montella! E anche l’anno successivo andava a corrente alternata. Se giocava troppo correva il rischio di fondere il motore; se giocava poco necessitava un po’ di tempo per carburare. La carrozzeria rimane ottima ma questo è il comportamento del motore quando è vecchio!

Gian Aldo Traversi
Ospite
Member

Sono più i …. che attaccano Borja, peraltro correttamente, di quelli che fanno altrettanto il mio amico Gonzolo. Il super sfigato che è la causa più disastrosa della nostra avvilente debâcle! Perché, …, vi comportate in modo così comicamente da zombi?

Rocco54
Ospite
Member
Dopo il TRIONFO con la Juve i commenti sui nostri – singoli – giocatori erano di un altro genere. Ricordo anche i titoloni, gli articoloni sulla bontà dei tre centrocampisti, e bravo quello e bravo quell’altro anzi di più … dopo Roma TUTTI sono diventati dei brodi. A Roma si è visto un campionario di come NON SI DEVE GIOCARE. Si è vista una formazione “già rinunciataria”, perché ostinarsi a mettere il Tata e il Baba vuol dire partire da 9 contro 11. Non hai più Zarate, Tello, che non piace quasi a nessuno, ovviamente, e ci sono anch’io nel numero, aveva fatto 2 gol pochi giorni prima quindi aveva la carica giusta della serie “ora o mai più” per dimostrare il suo valore. Conclusione: panchina e dentro il “turista” del Senegal e poi il “ciondolone” (Ilicic). La Fiorentina attuale si basa su Chiesa Berna e Kalinic, dietro il più… Leggi altro »
Mastrolindo
Ospite
Member

Sono già EX ( speriamo)

Gavetta
Ospite
Member

chiunque metta in discussione Borja sa di calcio come il papa sa di sadomaso. Ha i piedi fatati, è un mediano nato per il fraseggio, andatevi a vedere Valero nel centrocampo a 5 del primo Montella. Ora lo fanno correre come un cretino in tutte le zone del campo con compagni di 7 anni più giovani piantati su 2 zolle x 90 minuti, da non credere.

Rosh
Ospite
Member

perfettamente d’accordo con claudio1

Gian Aldo Traversi
Ospite
Member

Se uno ha De Maio che con Dzeko può fare a sportellate nei takle e nella corsa e gli preferisce Gonzolo (rigorosamente con la “o”) è uno che va spedito subito alla Juve. Dove ha il posto assicurato: come aiuto capo magazziniere.

luca
Ospite
Member

Ma cosa vuoi che si riscattino!?”!!!?? Oramai sono 3 giocatori bolliti come diceva Montella (l’unica cosa giusta da lui detta), senza fiato dopo 25 minuti di gioco, forse l’unico Badelj il quale però è confuso dal suo procuratore e non utilizzato al meglio dall’allenatore attuale! Vendere, vendere e comprare tre italiani!

luca
Ospite
Member

sono 3 buoni giocatori, niente più, la cosa buffa è che gonzalo ha fatto forse più gol di badel e borca messi assieme!!!!…

Marione
Ospite
Member

Uno già con la testa altrove, in scadenza, l’altro che vuole andare al Bilan per vincere la cempions!!!!!!!!!!!!!!!!!! e il terzo, che abbiamo amato e stimato, non è più giocatore da primi posti in classifica. Medagline (tre) e a casina

Paolo-Carrara
Ospite
Member

Leggendo quanto sopra, soprattutto l’assetto di centrocampo di domenica:
De Rossi-Strootman e Najngollan contro i nostri tre Borja, Badelj e Vecino
ti dice già perchè e come abbiamo perso. Tre cani rabbiosi che mordevano le caviglie e tre ragazzetti (per non dire signorine) che trotterellavano in campo….
rispecchiando in pieno l’animo del nostro Sousa che alla fine poi si cimentava
nell’intervista SKY affermando che Babacar aveva giocato la sua migliore
partita !!!!!
Sarà difficile, molto difficile per me cancellare il ricordo di quella serata, forse
per i nostri tre la buriana è già passata, anzi non l’hanno mai vista, ma Sabato sera penso dovranno metterci un pò più di attenzione, a cominciare da Sousa,
altrimenti per loro penso che pioverà.

Www.casaccaviola.com
Ospite
Member

Forza ragazzi una partita storta non può cancellare quanto di buonoèstato fatto in questi ultimi anni !!! Avanti Viola!!!…….

Piero
Ospite
Member

A proposito : domani festival delle caz….Fiorentina-Udinese = 1-3

Piero
Ospite
Member

Borja-Gonzalo-Badelj: Tre volti di 3 abbondantemente scoppiati come un pallone aerostatico 🙂 .Buoni per il brodo.A casa subito.

emiliofirenze
Ospite
Member

Tre da spedire subito in panchina, o meglio in tribuna.

PolemicoViola
Ospite
Member
Se si cerca un riscatto con questi tre, possiamo lasciar perdere tranquillamente. Gente che certamente merita rispetto per quanto fatto in passato, questo senza dubbio, soprattutto Borja e Gonzalo; ma di fatto sono giocatori che non servono. Per diversi motivi, ognuno il suo, non riescono più a giocare ai livelli di qualche anno fa ed è assurdo e controproducente chiamarli a risolvere quest’annata che ormai è saldamente avviata verso una mesta mezza classifica. Gonzalo, a parte l’età non più verde, è in rotta con la proprietà e questo influisce visibilmente sulle sue prestazioni. Borja semplicemente non è più quello di un tempo, un po’ anche lui per ragioni anagrafiche e un po’ perché ha tirato la carretta come un matto negli ultimi anni, e il calo di prestazione rientra nell’ordine delle cose, senza bisogno di far drammi o cercare colpe inesistenti. Badelj è da tempo che si accaserebbe volentieri altrove,… Leggi altro »
The Count of Tuscany
Ospite
Member

Basta basta basta con gonzalo e Valero. Non posso credere che la tifoseria sia così poco competente da voler ripartire da questi due .
Peggio di Tafazzi, ma la gente li vede giocare? Vengono umiliati ogni partita

Aliush
Ospite
Member

È semplice rassegnazione. Loro sono bolliti ma le alternative sono anche peggio.

SATANELLO VIOLA
Ospite
Member

ICCHE’………………………….. HO SENTITO CHE IL NOSTRO AMATO SOUSA VUOLE FARE GIOCARE TOMOVIC………………………. CONTRO L’UDINESE……………. MA FRANCAMENTE MI SEMBRA CHE GLI MANCHI QUALCHE ROTELLA NI CAPO……………. AL PORTOGHESE……..SI…………CERTO RIGIOCHERA’ IL TRIO LESCANO…. ILICIC,TOMOVIC E TELLO………………………………………………………. SPERIAMO BENE…………….. FORZA VIOLA…………….. MAH……….

claudio1
Ospite
Member

Borca Valero e’ un ex calciatore. Fisicamente non esiste piu. Surclassato. Pensare di continuare con lui e’ un offesa all intelligenza di chi ha scritto questo articolo

wpDiscuz
Articolo precedenteI convocati di Delneri per la trasferta di Firenze
Articolo successivoAll. Southampton: “Stiamo aspettando la firma di Caceres “
CONDIVIDI