Borsa viola in rialzo: valori raddoppiati, da Milenkovic a Chiesa e Simeone

11



Nel giro di un anno la rosa della Fiorentina ha raddoppiato il proprio valore. Tanti giovani che stanno crescendo in maniera esponenziale.

Una rosa dal valore praticamente raddoppiato. A un anno esatto dall’inizio del nuovo ciclo targato Stefano Pioli quello della Fiorentina è uno spogliatoio che ha visto in poco tempo una crescita a dir poco esponenziale. Così scrive La Nazione. Se infatti nello scorso ottobre il parco giocatori viola aveva un valore complessivo di 127,2 milioni di euro (i dati sono forniti dal sito specializzato Transfermarkt.it), a distanza di dodici mesi la cifra è salita fino a 241,9 milioni: un incremento del 90% figlio non soltanto dell’ultimo mercato estivo ma in particolar modo dell’esplosione di alcuni talenti già presenti in rosa nell’ultimo campionato.

GIOIELLI. Due nomi spiccano su tutti, quelli di Federico Chiesa e Nikola Milenkovic. L’esterno, cresciuto nel vivaio viola e inserito in prima squadra a zero, ha oggi un costo di almeno 50 milioni (lo scorso anno ne valeva appena 10) mentre il serbo, pagato 5,1 milioni dal Partizan, adesso ha un prezzo di partenza di 25 (ma di recente la Fiorentina ha rifiutato un’offerta di addirittura 60 milioni dal Manchester United).

GLI ALTRI. Biraghi e Pezzella sono arrivati a Firenze da semi-sconosciuti e in breve tempo sono approdati nelle rispettive Nazionali (diventandone poi titolari): il terzino, pagato 2,5 milioni dal Pescara, ha visto triplicato il proprio valore (adesso costa almeno 7,5 milioni) mentre l’aumento del prezzo dell’argentino è stato di circa 4 milioni. Veretout è stato pagato 7 milioni all’Aston Villa, ora ne vale 23; Simeone ha un costo di partenza di almeno 25 milioni (fu preso dal Genoa per 15 più 3 di bonus).

OFFERTE. In ogni caso, le valutazioni che evidenziano la crescita della rosa viola (in chiave finanziaria) possono risultare molto differenti dalle possibili offerte che arriveranno alla Fiorentina. Già con Chiesa, Simeone e Milenkovic sono state ampiamente superate le valutazioni-base con proposte fuori mercato.

11
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
amedeoviola
Ospite
amedeoviola

forse simeone non e’ da fiorentina e con un offerta da 30 milioni lo darei e anche biraghi con un offerta da 20 lo darei intanto abbiamo hancko cosi non ci indboliamo ma se iniziamo a vendere pezzella milenkovic chiesa e veretout e’ la fine

Anton
Ospite
Anton

Bello sapere che abbiamo giocatori che hanno un mercato importante. Peccato che non resteranno a Firenze e vinceremo, non dico lo scudetto non lo immagino nemmeno, il premio Bilancio positivo e Plus valenza. Tutti orgogliosi, abbiamo il miglior tifo laureato in studi finanziari.

Patcom
Tifoso
patcom

Chissa come brillano gli occhi ai ciabattini, come li vedessi

luca
Ospite
luca

Io avrei venduto il difensore a 60 milioni visto l’abbondanza nel ruolo di terzino dx e la riserva Ceccherini come centrale ed avrei comprato un centravanti forte da 20 goal l’anno (delegando l’acerbo Simeone alla panchina) e Caprari (visto che Pjaca non è ancora pronto e chissà se si riprenderà da esser riscattato) bravo tecnicamente (tira bene anche le punizioni), così non andiamo da nessuna parte, troppo pochi 3 titi in porta per partita in casa ed uno quando siamo in trasferta per vincere le partite!

Nicola Bibbiena
Ospite
Nicola Bibbiena

Io non farei polemica su questo articolo.
Al limite, visto che non possiamo oggettivamente competere con le grandi superpotenze economiche del calcio, mi augurerei una gestione tipo Napoli; quindi, vendere si, ma a prezzi decisi da noi e al solo scopo di reinvestire e migliorare la squadra.
Non è il singolo che fa la differenza ma il gruppo.
Non vinceremo mai lo scudetto, ma qualche coppa schifo schifo non mi farebbe.

Pio Canti Senefreghetti
Ospite
Pio Canti Senefreghetti

Andiamo avanti cosi giabcimpensano da oli acerare plusvalenze e basta ,tralasciando ormai da diversi anni se non da sempre il fattore tecnico con questi articoli li invogliamo ancora di più……….ma tanto cosa importa ,abbiamo vinto tanto in questi ultimi 16 anni !!!! Pnsiamo allo scudetto dellaplusvslenza quello interessa tutti ; ma poi il conteggio dei soldi spesi per portare tutta quella ribongia con fatica rispedita via e con ancora delle rimanenze ,non lo fa mai nessuno ??? .

Ettore Ceriani
Ospite
Ettore Ceriani

QUESTO E’ IL CLASSICO ARTICOLO CHE DA TIFOSO (DAL 1955) NON VORREI MAI LEGGERE PERCHE’ CREANO SCONCERTO.
CAPISCO L’IMPORTANZA DEL BILANCIO, MA DI QUESTO PARLATENE A FINE STAGIONE E NON DURANTE IL CAMPIONATO.

Gigi
Ospite
Gigi

Ormai da diversi anni non vado più allo stadio.
Sono tanti i motivi
La calata dei furbacchioni marchigiani, i giocatori stranieri, i passaggetti laterali e all’indietro, la Rubentus che deve vincere per forza , gli arbitri, lo stadio fatiscente .
Penserete che sia un tifoso infelice. Niente di più sbagliato.
Da casa ogni santo giorno, calcolatrice alla mano, riepilogo le plusvalenze e godo come un piccione all’idea di quanti soldi si mettono in tasca gli approfittatori della imbecillità altrui.
Trofei, vittorie varie…… ma chissenefrega !!!!
In conclusione, anche senza andare più allo stadio, un vero tifoso da sempre della Fiorentina come me è FELICE E APPAGATO

Screnjab
Ospite
Screnjab

Bravo Gigi, hai trovato la tua strada, sono felice per te

Gigi
Ospite
Gigi

Grazie

claude
Ospite
claude

ma allora pioli non e’ proprio scarso.biraghi vale molto di piu’. non ci sono terzini sx in giro ed e’ un nazionale

Articolo precedenteMartedì la ripresa, occhi su Mirallas: ha recuperato, potrebbe partire titolare con il Cagliari
Articolo successivoL’Inter guarda in casa Fiorentina: nel mirino Veretout, oltre a Chiesa e Biraghi
CONDIVIDI