Bufera nel calcio belga: accuse di riciclaggio e corruzione

4



Il mondo del calcio in Belgio è sotto choc: indagini e perquisizioni ad una dozzina di società militanti nella Serie A belga

Indagini e perquisizioni, così il mondo del calcio belga si è svegliato questa mattina. Una bufera che ha scosso il sistema e che ha portato alla luce un’indagine che coinvolge una dozzina di squadre della Jupiler Pro League (la Serie A belga) tra cui Genk, Anderlecht, Bruges e Standard LiegiLa magistratura indaga su vari reati come il riciclaggio e la corruzione. Su richiesta del giudice istruttore 13 perquisizioni sono state effettuate anche all’estero.

La procura federale ha confermato il fermo dell’attuale allenatore del Bruges, Ivan Leko, di un ex dirigente dell’Anderlecht, Herman Van Holsbeeck e degli arbitri Bart Vertenten e Sabastian Delferioere. Intanto la KBVB, la federazione belga, ha commentato l’indagine in corso: “Un caso inquietante per l’immagine del calcio belga. Siamo in attesa dei risultati delle indagini e degli interrogatori”. A riportarlo è il sito gianlucadimarzio.com

4
Commenta la notizia

avatar
ultimi più vecchi più votati
Joeph Goodman
Ospite
Joeph Goodman

Tutto il mondo del calcio è uguale sotto tutte le latitudini. I vile danaro fa sempre piu’ gola a tutti. Arraffi tu?, arraffio io, arraffiamo tutti. Va in scena sempre lo stesso copione. Ma i soldi da dove provengono? Basterebbe non darli!

Sugosa Plusvalenza
Ospite
Sugosa Plusvalenza

Se succedeva prima il Belgio vinceva il mondiale

Roberto Como
Ospite
Roberto Como

Voglio che la giustizia belga si occupi anche del calcio italiano !!!!!!!

ZINZO (quello vero) ®
Ospite
ZINZO (quello vero) ®

10 punti di penalizzazione per la Fiorentina per responsabilità indiretta.
5 giornate di squalifica a Pioli per aver commentato «povca tvoia» alla lettura della notizia.
10 frustate a APPECOROS BILL indipendentemente da tutto, così perchè è comunque giusto.

Articolo precedenteAg. Piccini: “Sogna di tornare a vestire la maglia della Fiorentina”
Articolo successivoDragowski: “So di essere il secondo, sono cresciuto. La Fiorentina sa che non serve tenermi in panchina”
CONDIVIDI