Buso: “Ho visto un Baba più cattivo. Bernardeschi? Lo conosco bene…”

1



L’ex viola Renato Buso ha parlato oggi a Stop&Gol, in onda su Radio Fiesole: “Credo che il Napoli possa risentire a livello psicologico del mancato sorpasso alla Roma per il secondo posto. La Fiorentina deve approfittarne, e soprattutto deve saper aspettare e ripartire in contropiede. È chiaro che è molto complicato giocarsela a viso aperto: la Fiorentina deve essere attendista, poi gol lo può fare, perché il Napoli gol lo prende. Sousa? È sempre andato avanti per la sua strada. Sabato deve adattarsi, perché il Napoli è più forte e lo dice la classifica. Un bravo allenatore si vede anche da come si adatta alla partita. L’atteggiamento in panchina di Sousa? Lo abbiamo visto tutti, non aveva neanche la febbre sabato… Lui e la società sono separati in casa, si aspetta solo il momento di ripartire. Pioli? È il profilo giusto, ha entusiasmo e aveva persino risollevato l’Inter fino ad un certo punto. È molto bravo”.

Babacar? Ho visto un Baba più cattivo, mi è piaciuto molto. Ha la voglia giusta adesso, io mi affiderei a lui il prossimo anno. Se va via Kalinic magari arriverà qualcun altro, lui dovrà conquistarsi la maglia da titolare. Quest’anno ha fatto bene, ha realizzato gol importanti. Andare a trovare un altro giocatore con quelle caratteristiche credo possa costare molto e non è detto che possa fare meglio. Da chi ripartire? Dai giovani italiani, da Bernardeschi e gli altri. Questi giocatori vanno integrati con altri elementi. Bisognerà assemblare bene la squadra per raggiungere obiettivi importanti. Bernardeschi? I soldi che possono arrivare dall’estero lo possono anche far traballare, è l’unica cosa che può portarlo via dalla Fiorentina. Per il resto lo conosco bene, resterebbe a Firenze a vita”.