Qui Cagliari, le probabili scelte di Maran in vista della Fiorentina

1



Diversi dubbi per il tecnico rossoblù in vista della difficile trasferta in casa della Fiorentina

Come riportato da Calciocasteddu.it, il Cagliari è atteso dalla difficile trasferta sul campo della Fiorentina, ma anche dalla controprova di quanto mostrato nella vittoriosa gara della Sardegna Arena contro il Bologna. Vediamo qual è la situazione attuale, reparto per reparto, e quali potrebbero essere le possibili scelte del mister Maran.

DIFESA. Con la certezza di Cragno tra i pali e il possibile ritorno del croato Srna dopo l’infortunio subito contro i felsinei, per completare il resto del reparto arretrato Maran dovrà valutare attentamente. Klavan è ancora out, e la scelta dei due centrali titolari sarà quasi certamente una corsa a tre, ovvero CeppitelliPisacane e Romagna, con Andreolli pronto in caso di forfait dei primi tre. Per quanto riguarda invece l’out di sinistraPadoin al momento è inamovibile: Lykogiannis è ancora fermo per infortunio, e per quanto riguarda Pajac non ci dovrebbero essere cambiamenti di valutazione da parte del mister: ora come ora non è in lizza per un posto da titolare.  Non dovrebbero avere un seguito, almeno dal primo minuto di gara, gli esperimenti del mister sulla difesa a tre.

CENTROCAMPO. Punti fermi, ma anche intercambiabili. Il centrocampo rossoblù vede ormai stabile il posto in cabina di regia di Bradaric e dell’azzurro Barella, con Ionita e Castro pronti a scambiarsi di posizione. La prestazione dell’argentino contro il Bologna ha dato nuova linfa alla fase offensiva, regalando così a Maran nuove soluzioni tattiche.

ATTACCO. Pavoletti è il perno, Joao Pedro dovrebbe essere la sua nuova spalla. Quanto visto contro il Bologna dovrebbe ripetersi anche a Firenze, se non altro per cercare conferme di uno schieramento che ha dato dei buoni risultati. A Farias e Sau saranno date ulteriori chance, ma difficilmente, almeno per la prossima gara, potranno cambiare le gerarchie viste in campo contro la squadra di Pippo Inzaghi.