Cairo-Della Valle-Commisso: dai paragoni infelici al salto di qualità. Caccia al controsorpasso

21



Per la prima volta da qualche anno a questa parte mancherà la sfida nella sfida tra Cairo e Della Valle. Con Commisso la Fiorentina può effettuare il controsorpasso ai granata nelle gerarchie della Serie A

Dopo anni di sfide nella sfida, quella di domenica tra Torino e Fiorentina non sarà più la partita tra Cairo e Della Valle. Un confronto vissuto tra la scalata a RCS passando per La7, fuori dal mondo del pallone, ma  anche sul campo, con la realtà viola che negli ultimi anni era scivolata verso il basso e quei paragoni infelici tra due piazze ambiziose, simili ma diverse.

PARAGONI INFELICI Tante volte nel recente passato la vecchia proprietà viola, sempre molto attenta ai conti, aveva parlato di realtà simili di Fiorentina e Torino: “Noi per fortuna abbiamo bilanci sani, senza questi non si va da nessuna parte e in questi anni siamo riusciti a fare meglio di società del nostro livello come il Torino, la Samp, il Genoa”, disse Andrea Della Valle a Moena due estati fa. E più volte lo stesso concetto venne ribadito quando dall’ex Presidente quando da Mario Cognigni. Un paragone, quello, a dir poco infelice. Perché se è vero che il Torino è una società storica, è anche vero che è lontano dai vertici del calcio italiano da decenni. Ma questo è il passato.

Nel recente passato, appunto, Cairo ha provato ad invertire il trend scalando le gerarchie della Serie A per fare del suo Torino quella che era diventata la Fiorentina, alzando il monte ingaggi, tenendo calciatori forti o ambiti come Belotti rinunciando a svariati milioni, e tentando l’ingresso in Europa. Riuscito, per altro, solo due volte, di cui una terminata (quest’anno) ai preliminari. Nel frattempo, invece, la Fiorentina scivolava sempre più giù. Fino al cambio di proprietà avvenuto in estate.

PRESENTE E adesso la storia può cambiare. Nelle ambizioni sicuramente è già cambiata. Perché Rocco Commisso è stato chiaro. Nelle sue intenzioni c’è la precisa volontà di vincere e riportare in alto la Fiorentina. Non da subito, perché farlo in pochi mesi è impossibile. Ma mentre il Torino continua a scivolare, in prospettiva il trend è cambiato.

QUEL SALTO DI QUALITA’ Laddove Cairo, e lo dicono i fatti, è riuscito solo a metà, ovvero fare un salto di qualità per portare il suo Torino da lottare per salvarsi al lottare per l’Europa, Commisso vuol provare a riuscirci. E intanto il patron dei granata si ritrova a dover convivere con una contestazione costante, una classifica non certo entusiasmante, e mille problemi.

FUTURO A Firenze non è certo tutto rose e fiori. Anzi. Ma alla voce futuro è cambiato quasi tutto. Dal ritrovato appeal della piazza viola sul mercato internazionale, con arrivi come quelli di Caceres e Ribery, alle possibilità di trattenere Chiesa senza dover rinunciare a prescindere ai propri talenti come accadeva con la precedente proprietà. Dal centro sportivo più grande d’Italia che sorgerà a Bagno a Ripoli fino al nuovo stadio, sempre che le istituzioni non mettano troppo i bastoni tra le ruote a Commisso.

CONTROSORPASSO Il controsorpasso, insomma, è solo questione di tempo. E non tanto solo per domenica, con la Fiorentina che può superare in classifica proprio i granata in caso di vittoria, ma soprattutto in prospettiva. Perché guardare al futuro con fiducia era proprio ciò che a Firenze si era ormai perso.

21
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
L'Impero
Ospite
L'Impero

Quando si parla di paragoni fra patron e di radio monte carlo, vittorio cecchi gori è di diritto parte del discorso. Lui se li beve tutti, i duellanti. Ha vinto più di tutti quegli altri messi insieme. coppe italia, supercoppa….anche un campionato, ha vinto. Di B, però…sempre un campionato. E se non era x lui non si vinceva quello di C2. Grazie Vittorio!!!!!!!!

PIERO
Ospite
PIERO

E abbiamo anche fallito e spariti come società.Ma cosa vogliamo di più!

Cecco viola
Ospite
Cecco viola

Diamo il giusto tempo a Commisso e vedrete che anche Montella sparirà da Firenze….

Claudiopiombino
Tifoso
Claudiopiombino

lontani ricordi , mi tengo le cose buone ( non molte a dire il vero ) per il resto preferisco dimenticare….
Forza Viola

unus
Ospite
unus

noto nello gnigni una certa plusvalenza di doppiomento

gianni usa
Ospite
gianni usa

Se chi comandava era Andrea invece dell’arrogante Diego forse le cose sarebbero andate in un altro modo pero’ se anche con lui restavano Corvino ,Gnini ecc. niente sarebbe cambiato.

(Finalmente) Tifoso
Ospite
(Finalmente) Tifoso

Dai suvvia, evitate di infierire riportando le parole di quei marchigiani e del loro lacchè, suvvia. Era ovvio che Cairo li avrebbe superato. Peggio di loro c’era solo uno: Zamparini.

Aristotele
Tifoso
Simone

sarei curioso di vedere cosa scrivevi se lo stesso mercato fatto quest’anno l’avesse fatto Corvino ….

PIERO
Ospite
PIERO

Meno male sei tornato tifoso,sentivavamo la mancanza di appassionati di Fiorentina come te.

claude
Ospite
claude

FINCHE’ SONO RIMASTI IN VIOLA HO SEMPRE DIFESO. I DV …SOLO PERCHE’ VIOLA.ORA ADORO COMMISSO. FINIAMOLA DI FARE POLEMICHE IN CORSO D’OPRA. VALUTIAMO LA SOCIETA’ L’ALLENATORE E LA SQUADRA A FINE ANNO.FORZA VIOLA SEMPER

kawadent
Ospite
kawadent

hai ragione, tutto vero, ma gnigni…

VIA I DV
Ospite
VIA I DV

ragionamento da PRONO.
VIA I DV!!!

kawadent
Ospite
kawadent

nonostante sia archiviata, la faccia di gnigni mi da ancora fastidio

Ummipareilvero
Ospite
Ummipareilvero

Gnigni è sempre stato un campione per quanto riguarda le uscite infelici…non ricordo mai un’uscita felice, dai “clienti” agli “arcobaleni viola”….

Massimo
Ospite
Massimo

Gnignignignignignignigni era il peggio del peggio, peggio anche di Renzi, i ciabattini marchigiani erano i peggiori ciabattini del globo terracqueo, Perdella è il peggior “allenatore” dell’universo! Ma il tempo è tiranno!

Ummipareilvero
Ospite
Ummipareilvero

Ma te l’humusso te lo mangi o te lo fumi?

MontecatiniViola
Ospite
MontecatiniViola

Si, e pure Panerai ci metteva del suo

Ummipareilvero
Ospite
Ummipareilvero

Panerai ha spazzato drìuro quando ha capito che gli stava per finire la cuccagna…per il resto era solo un bonalabisteccaro…niente di più…

fagiano
Ospite
fagiano

PER VINCERE BISOGNA SPENDERE.

jacopo
Ospite
jacopo

per ragionare invece ci vuole il cervello..

Alessandro_Toscana
Tifoso
Alessandro_Toscana

Vedovalle incallito e gobbo!

Articolo precedenteCamolese: “Toro duro e compatto. Difficile da battere per tutti. Sfida delicata con la viola”
Articolo successivoCoppa Italia: il tabellone degli ottavi. Atalanta e poi Inter-Cagliari sulla strada dei viola
CONDIVIDI