Calcio in lutto, è morto Nenè: con la Fiorentina Primavera un Viareggio, uno Scudetto e una Coppa Italia

    0



    NenèAddio Nenè: è scomparso oggi a 74 anni il centrocampista del Cagliari dello scudetto del 1970, tanto amato dai tifosi per le sue scorribande sulla fascia destra e per i cross che mettevano in azione Gigi Riva. Viveva in Sardegna, la sua seconda patria dopo il Brasile. Era malato da tempo ed è morto in una struttura sanitaria a Capoterra.
    Claudio Olinto de Carvalho, detto Nenè, aveva iniziato a giocare nel Santos di Pelè. Ed era approdato alla Juventus nel 1963/’64. Undici gol in 28 partite, personale record in A; poi il passaggio al Cagliari per un’avventura conclusa solo nel 1975/’76, dopo il secondo posto del ’69 e lo scudetto del ’70. Fu sempre titolare inamovibile negli anni migliori del club rossoblù. Alla fine, 311 presenze e 23 gol in A con il Cagliari. Per un totale, compreso il periodo Juve, di 339 presenze e 34 reti.
    Quando appese le scarpe al chiodo, andò a dare una mano a Riva che aveva appena aperto una scuola calcio. Furono i primi passi della carriera da tecnico che passò per la Primavera della Fiorentina (dal 1978 al 1981 vincendo un torneo di Viareggio nel 1979, una campionato e una Coppa Italia nel 1980) prima dell’approdo in C, con i grandi, tra Paganese e Sant’Elena. Ma la sua passione era allenare i più giovani: tutti lo ricordano per la sua simpatia e la sua gentilezza. A distanza di anni riconosceva e salutava per strada i bambini che aveva allenato subito dopo aver lasciato i campi di calcio. Aveva continuato con le giovanili di Cagliari e Juventus sino al ritorno in Sardegna.

    Ai familiari e agli amici di Claudio Olinto de Carvalho, detto Nenè le più sentite condoglianze di Fiorentina.it

    Commenta la notizia

    avatar
      Subscribe  
    Notifica di
    Articolo precedenteFocus FI.IT sulla Fiorentina, sul comunicato della Fiesole, sui Della Valle con Rialti, Calamai e Guetta
    Articolo successivoIl mercato della Fiorentina: spesi 14,35 milioni, incassati 31,95 milioni per un saldo di +17,6 milioni
    CONDIVIDI