Calcio Storico: vile aggressione nel dopo partita ad uno dei bianchi. Finale a rischio

    0



    calcio storico bianchi-azzurriUna partita bella, combattuta ed equilibrata, rovinata da due episodi che rischiano di minare il lavoro di un anno. E la passione di un’intera città. Al termine della prima semifinale di calcio storico, vinta per otto cacce a cinque dai Bianchi sui Verdi si è accesa una rissa all’interno del campo. Un centinaio di persone, da una parte e dell’altra, tifosi ed ex calcianti si sono presi prima a male parole e poi a spintoni e pugni. Attimi di tensione, sedati rapidamente grazie all’intervento delle forze dell’ordine. In realtà il peggio doveva però ancora arrivare. «Marino Vieri, il nostro capitano è stato vilmente aggredito da due dei Verdi mentre tornava verso il pullman, in via Malenchini – ha denunciato il presidente dei Bianchi, Marco Baldesi –. Si tratta di un dirigente di San Giovanni e di un ex calciante, che prima hanno colpito al volto il nostro capitano e poi, mentre questo era a terra, lo hanno preso a calci. E’ una vergogna, a questo punto dobbiamo capire se è il caso di andare avanti e di disputare la finale». 
    Sull’episodio Michele Pierguidi, presidente del calcio storico, è stato diretto. «Non so nulla di quanto è successo. Ma se è vero ciò che dice il presidente dei Bianchi siamo di fronte ad un episodio di ordine pubblico che, mi auguro, venga perseguito penalmente». Il giornalista Franco Marian ha poi denunciato di essere stato aggredito mentre riprendeva alcune scaramucce fra Verdi e Bianchi. 
    La cronaca dei cinquanta minuti di gioco racconta per fortuna di una partita combattuta ed emozionante. I Verdi arrivano alla conclusione due volte, al quarto e all’undicesimo minuto. Al quindicesimo minuto Santo Spirito passa in vantaggio grazie a Stefano Sebastiani, uno dei migliori in campo. Due minuti e arriva il pari grazie ad una bella azione di Niccolò Innocenti. Al ventiquattresimo nuovo vantaggio bianco con Giacomo Mattoni. Tre minuti e nuovo pareggio verde, ancora con Niccolò Innocenti, un calciante davvero completo. Due minuti e Raffaele D’Eligio ubriaca la difesa avversaria e fa tre a due. Ma San Giovanni non ci sta e dopo altri centoventi secondi è in parità. Caccia di Luca Bertarelli. Fabrizio Valleri mette al minuto trentatre le propria firma. I Verdi non mollano di un centimetro e si riportano ancora una volta in parità con Giovanni Prezioso, leader silenzioso di un gruppo giovane che ha talento. In due minuti Daniele Cataldi prima e Stefano Sebastiani poi regalano un doppio vantaggio ai Bianchi, con due azioni corali ben finalizzate. Mancano sei giri di lancetta al termine quando Prezioso segna una nuova caccia. Lo speaker annuncia il parziale: sei a cinque per Santo Spirito. Ora la palla pesa maledettamente e ogni errore può essere fatale. La maggiore esperienza dei Bianchi si fa sentire e grazie al loro fuoriclasse, Fabrizio Valleri, riescono nell’accelerata finale. C’è tempo anche per l’ultima caccia di Santo Spirito, targata Fabio Selvaggio. Termina 8 a 5 per il colore che rappresenta l’Oltrarno.