Caos Milan, club verso Elliot: Mr. Li non rimborsa i 32 milioni di euro

Pasotto, Gozzini - La Gazzetta dello Sport

45



Mr. Li non ha versato i 32 milioni di euro che doveva al fondo Elliot. Ecco gli scenari che si aprono per il club rossonero.

L’ultima volta che erano circolate parole ufficiali di Li Yonghong (non è una ricerca difficile, in quindici mesi il conteggio complessivo non arriva alle dita di due mani), il presidente rossonero aveva dato la carica in vista della finale di Coppa Italia: «Ho grandi aspettative». Ecco la parola chiave: aspettative, le stesse che in questi giorni – anzi, in questi mesi – tifosi e addetti ai lavori hanno avuto nei suoi confronti. Ieri per esempio erano altissime, però non c’è stato seguito perché Mr. Li, nonostante giovedì fossero filtrate abbondanti rassicurazioni in merito, non ha rimborsato i 32 milioni a Elliott. Ovvero il denaro che il fondo di Paul Singer aveva versato come aumento di capitale lunedì della scorsa settimana al posto di Li. Ebbene, la deadline per il rimborso era ieri e il bonifico non è arrivato: ciò significa che Yonghong ha rotto uno dei covenant (paletti) contrattuali ed Elliott può iniziare le operazioni per sostituirsi all’azionista di maggioranza e rilevare il Milan nel giro di una settimana al massimo, scrive La Gazzetta dello Sport.

SCELTA Possiamo quindi dire che tecnicamente il club rossonero ha cominciato la trafila per il passaggio di mano, se è vero che Elliott ha già allestito il pool legale che si occuperà di fare le prime mosse. L’iter entrerà nel vivo da lunedì, poiché la giornata di ieri è trascorsa soprattutto nell’attesa di un riscontro finanziario che alla fine non è arrivato. Attenzione però ad eventuali colpi di scena, che in questa vicenda di certo non sono mancati. C’è un altro elemento che filtra e che rischierebbe di nuovo di sparigliare le carte: Mr. Li infatti lunedì potrebbe presentarsi da Elliott con un acquirente. Ovvero con qualcuno disposto a rilevare la quota di maggioranza del club, mettendo ovviamente sul piatto sia i 32 milioni dell’aumento di capitale, sia i circa 380 del debito complessivo rossonero con Elliott. A quel punto il fondo di Singer avrebbe la possibilità di scegliere se proseguire l’iter per subentrare a Li, oppure accettare l’offerta, rientrare del prestito (comprensivo di interessi ovviamente) e uscire definitivamente di scena, lasciando il Milan nelle mani del nuovo proprietario. I nomi potenziali sono quasi tutti noti: ci sono tre piste americane che portano a Rocco Commisso – il più vicino a chiudere nell’ultimo mese, e in stand by negli ultimissimi giorni –, alla famiglia Ricketts e a Stephen Ross; e c’è una pista non americana (asiatica o russa, secondo le indiscrezioni), con un nuovo Mister X che nell’ultimo periodo avrebbe guadagnato parecchio terreno.

DOCUMENTI Stiamo chiaramente parlando di un’ipotesi, ma se si concretizzasse davvero come potrebbe reagire Elliott? Difficile a dirsi. Potrebbe accontentarsi di rientrare dell’investimento, abbondantemente maggiorato degli interessi (oltre 80 milioni), e defilarsi. Oppure andare avanti con la procedura, rilevare il Milan, estromettere Li e rivendere successivamente il club cercando un business migliore. Di certo, tornando alla giornata di ieri, sebbene dal quartier generale del fondo americano siano stati come sempre super abbottonati, una cosa è stata fatta capire con chiarezza: la scadenza era questa e i 32 milioni non sono arrivati. Non solo: non sarebbero arrivati nemmeno documenti che potessero attestare e comprovare il bonifico. E viene fatto notare come, da qualunque lato la si guardi, il covenant sia stato rotto. Allo stesso tempo, però, trapela anche un certo stupore: evidentemente il fatto che Li rimborsasse era considerato lo scenario più plausibile.

A LONDRA Tecnicamente, se la procedura andrà avanti senza se e senza ma, il Milan potrebbe essere di Elliott già per mercoledì. Possono infatti bastare 48 ore per completare i punti cardine della trafila. Da quanto filtra il fondo non avrebbe l’intenzione di rivendere subito il club, e nemmeno di procedere immediatamente a drastici cambi di management, sebbene su questo aspetto non ci siano certezze. Ma qui ci stiamo spingendo già troppo oltre. Il presente dice che ieri Fassone era segnalato a Londra assieme a David Han, infilati in una riunione dietro l’altra: con Elliott o per occuparsi della cessione? O magari entrambi?

TUTELE C’è infine un’ultima strada che potrebbe tentare Mr. Li per evitare di cedere tutto a Elliott: aprire un contenzioso, un’azione legale aggrappandosi a qualche clausola, che magari gli farebbe guadagnare ancora un po’ di giorni. Un’ipotesi in realtà con pochi margini di riuscita, in base alle leggi lussemburghesi e alle tutele contrattuali con cui Elliott si era garantito in sede di accordo. Ma la partita a poker di Yonghong potrebbe non essere finita, sebbene il presidente rossonero abbia superato i limiti temporali che lo hanno messo nuovamente nella posizione di inadempiente. Una cosa sembra certa: se lunedì Yonghong si presentasse davanti a Elliott soltanto con i 32 milioni, molto difficilmente convincerebbe il fondo a dargli altro tempo.

45
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Ponzio
Tifoso
ponzio

solo 2 lettere: C 2. E’ una vergogna la squadra milan usata per riciclare danaro e per fare acquisti con soldi virtuali, il tutto per falsare un campionato e andare in CL per intascare denaro per poi ripianare il debito. Così è facile fare i campioni. La FIGC ma anche l’UEFA dovrebbero vergognarsi, altro che un anno di sospensione dall’EU, qui dovrebbero iniziare dalla promozione e portare i libri i tribunale.

nochIch
Ospite
nochIch

Tranquilli, Mr Li manda un bel fax dalla Colombia…

Bobo
Tifoso
Bobo

Il riciclo di papi ha funzionato alla grande! vaia, vaia….

Odio i beoti
Ospite
Odio i beoti

ANAGRAMMA.

Cristiano Ronaldo =
Io sto con i ladroni

Ricorbolo
Ospite
Ricorbolo

Eccellente!

Unus
Ospite
Unus

Tle maglie mille lile

www.casaccaviola.com
Ospite
www.casaccaviola.com

Questo Li , di sicuro si chiamerà Piero ed abita a prato … …. AAcompro vecchie maglie fiorentina e vecchie sciarpe contattami ad [email protected]

fra diavolo
Ospite
fra diavolo

INTENDEVO 400 MILIONI .

ruiunico10
Ospite
ruiunico10

che schifo . per mesi anche i giornalisti hanno continuato a prendere in giro i tifosi del milan , ad esempio pochi giorni fa continuavano a dare notizie di mercato legate al milan come se potessero comprare qualche BIG . Sono due anni che il milan è morto , morto e sepolto , servirà un nuovo proprietario che certo non è il fondo elliot . chissà se e quando lo troveranno , questo dovrebbe far riflettere tanti fiorentini che continuano a parlare a vanvera , immaginate che se non riescono a vendere una società come il milan come possa essere… Leggi altro »

Ponzio
Tifoso
ponzio

i giornalisti solo della gazza che sono prezzolati dal milan stesso parlavano di ghiotta ipotesi di acquisto da parte di magnati americani che avrebbero garantito al milan una faraonica campagna acquisti, una certa presenza in EL e soprattutto una fortissima e stabile presenza ai vertici dell’EU che conta: buffoni!

fra diavolo
Ospite
fra diavolo

E quindi il cinese uscirebbe rinettendoci 400 mila euro,giusto giusto i lilleri che dovevano lasciare i tropici per tornare nell’operosa Arcore.Per mia opinione anche quelli del fondo americano sono nel giro studiato come si deve,ci fosse una procura sveglia con qualche contatto giusto in Cina il castello cadrebbe di botto,giornalisti giornalai e compagnia cantante si bevono e cercano di farci bere di tutto per loro il possibile nuovo mister x potrebbe essere il Padreterno riapparso in terra per comprare il Milan con i soldi dello IOR.

Massimo
Ospite
Massimo

Ma che Società di merda, sembra, quasi, la nostra!

Ponzio
Tifoso
ponzio

sei davvero patetico

ClaudiodaSasso
Tifoso
claudiodasasso

La cosa che più infastidisce (per usare un eufemismo), è il fatto che che nonostante la situazione in cui si trovano, hanno presentato ricorso al tas. La non volontà di prendere atto di una situazione che I dirigenti non potevano non sapere. Avere il buonsenso e sopratutto l’educazione per farsi da parte e chiedere scusa sarebbe da signori. Comportarsi così è da arroganti e strafottenti. Come a dire che loro hanno il diritto di fare quello che che vogliono. Fossi il tas, a sentenza di esclusione, farei seguire una sanzione doppia a quella già comminata

Pierino
Ospite
Pierino

E come al solito Figc, Covisoc, Lega calcio, ecc…di fronte a una squadra “blasonata” chiudono non uno ma tutt’e due gli occhi di fronte a bilanci irregolari…

Bobo
Tifoso
Bobo

Se è per questo, ha molto infastidito anche aver ricorso al tribunale per la vicenda Salah quando la società sapeva che ne sarebbe uscita sconfitta, soltanto per dare un’immagine di consapevolezza (farlocca) delle proprie ragioni ai suoi tifosi.

ClaudiodaSasso
Tifoso
claudiodasasso

Non è la stessa cosa. Qui si tratta di una società di calcio che ha acquistato giocatori per oltre 200 milioni a pagherò per arrivare a falsare una classifica, visto che quelle spese non se le poteva permettere, quindi i giocatori che ha acquistato per arrivare in quel posto di classifica, non avrebbero dovuto nemmeno essere lì. La vicenda Salah ha invece fatto vedere quanto la società viola fosse incompetente in quel campo, ma l’egiziano ha giocato per mezzo campionato legittimamente nella Fiorentina. Nel Milan questo non lo possono dire

Articolo precedenteFiorentina partita da Campo di Marte alla volta di Moena (FOTO-VIDEO)
Articolo successivoFiorentina avanti nella corsa a Pasalic. Pjaca quando la Croazia avrà finito il Mondiale
CONDIVIDI