Capezzi: “Giocare al Franchi sarà emozionante, siamo pronti”

    0



    Capezzi Joaquin esultanza vs PanduriiIl capitano della Fiorentina Primavera, Leonardo Capezzi, ha parlato a RadioBlu della sfida di domani contro la Lazio, valida per il ritorno della finale di Coppa Italia: “La squadra sta bene, lo si è visto anche sabato a Roma. Stiamo bene, siamo in crescita dal punto di vista fisico. Ci proveremo senz’altro fino alla fine. Il risultato d’andata? Noi giocheremo spensierati, non abbiamo niente da perdere. Dobbiamo stare attenti a non prendere gol, dobbiamo fare la nostra partita, abbiamo due tempi per fare due gol, se ne segnamo uno poi tutto può succedere. La Lazio è una grande squadra, ma ci crediamo. La Lazio? Squadra molto fisica, esperta, che ha grande qualità davanti, a centrocampo è molto fisica. La loro miglior qualità è il contropiede, con fisico e tecnica. Bisogna stare attenti a concedere poco. A squadra schierata invece non sa giocare molto bene. Il Franchi? Giocare lì sarà un’emozione particolare, sarà la prima volta per tutti. Sarà un’esperienza che porteremo senz’altro dentro tutti quanti. L’esordio di Europa League? Forse il ricordo più bello della mia vita, entrai e la partita cambiò, perdevamo 1-0 con il Pandurii e poi vincemmo 2-1. Le convocazioni e gli allenamenti con Montella? Sicuramente per me sono molto importanti, perché ci sono ritmi diversi, grandi giocatori. Montella a noi giovani dice di stare tranquilli, di fare quello che sappiamo, non ci mette pressione, ci consente di allenarci tranquillamente. Matos? Ha fatto tutta la trafila a Firenze, poi è arrivato in prima squadra. È un esempio da guardare, così come Bernardeschi, che quest’anno sta facendo benissimo a Crotone. Sono due modelli a cui guardare. La prima squadra? Da centrocampista sto a contatto con Pizarro e Borja Valero, e vedendoli da vicino si capisce che sono a quei livelli perché si allenano sempre al massimo ogni giorno. L’atmosfera in prima squadra è sempre positiva. La prossima stagione in prestito? Ora penso a far bene qui con la Primavera, poi in estate vedremo. Certo è che dopo la Primavera sia importante andarsi a confrontare con i grandi. Macia? Qualcosa è cambiato con il suo arrivo, sia Montella che i giocatori della prima squadra vengono a volte a vederci. È cambiato il rapporto tra Primavera e prima squadra. Domani sera il tifo ci darà sicuramente un qualcosa in più. Un fioretto per domani sera? Darei qualsiasi cosa per alzare quella coppa. Appello per domani? Mi raccomando, domani sera tutti al Franchi: ci sarà una grande partita. Noi daremo il massimo, cercheremo di farvi divertire… e speriamo di poter alzare la coppa”.