Carnasciali: “Pioli è sensibile, pochi giorni prima della tragedia di Astori mi disse…”

4



Così l’ex viola Daniele Carnasciali su Radio Bruno: “Pioli è sensibile, il suo carattere può aiutare a superare questo momento. La Fiorentina ha subito un colpo tremendo, il calcio però va avanti e anche i giocatori lo faranno in memoria dell’amico. Pochi giorni prima della tragedia ero a cena con Pioli, mi disse che era contento del rinnovo di Davide in arrivo perché era la prima volta che aveva trovato un vero capitano”.

4
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Dall'Eremo di Camaldoli
Ospite
Dall'Eremo di Camaldoli

Ricordo amaramente le critiche furiose e fuori di luogo apparse su questo sito quando il compianto Davide giocava una partita al di sotto delle possibilità. Oggi purtroppo tanti si pentono di aver contestato il ragazzo. Ormai è troppo tardi per aver capito la sua statura morale perchè Lui non è più tra noi. A Firenze siamo bravi a ricoprire di……. i nostri giocatori, ad infamarli, a chiederne la cessione ” a portarli in macchina con le spese a carico nostro ” salvo poi doversi ricredere quando gli stessi non ci sono più. Basta chiacchiere e vigliaccate.

Gaesill
Ospite
Gaesill

Sì, un VERO CAPITANO. E come spesso accade, non l’abbiamo forse apprezzato così tanto quando era con noi.

Ponzio
Tifoso
ponzio

Hai scritto una cosa profondamente vera e profondamente dolorosa. Hai fatto bene ad infrangere il velo di autoassoluzione che noi tifosi siamo molto bravi a stendere sempre a posteriori.

Violino
Ospite
Violino

Finiti i tempi delle lacrime ora bisogna convenire che abbiamo perso forse il calciatore più importante, quello su cui la squadra si appoggiava, quello che garantiva impegno e professionalità per tutti. Oltre tutto era pure italiano e quindi con un senso di appartenenza che gli stranieri non possono avere. Ora la vedo ancora più dura per la mia viola.

Articolo precedenteFabbricini: “Ct? L’idea è di un tecnico di club ma ancora non ho parlato con nessuno”
Articolo successivoLa giornata viola, il riassunto
CONDIVIDI