Castro, che giornata quella di ieri! L’allenamento, la notizia ed i festeggiamenti

1



La giornata di ieri Castrovilli la ricorderà a lungo. L’allenamento, la notizia ricevuta dalla Fiorentina ed i festeggiamenti a cena

ll suo telefono è squillato attorno all’ora di pranzo, appena la Fiorentina ha terminato l’allenamento: «Sei convocato in Nazionale A, complimenti» gli ha fatto sapere la società viola, che era stata avvertita poco prima via mail dalla Federazione. E dire che lì per lì Gaetano Castrovilli, il protagonista di questa storia a lieto fine, è rimasto di stucco. Si aspettava la chiamata del Ct (con cui ha avuto frequenti contatti in questi mesi) ma certo non così, ancora con le scarpe piene di mota e la testa proiettata alla Sardegna, scrive stamani La Nazione.

Da allora è iniziato a salire l’entusiasmo e telefonate e messaggi si sono moltiplicati a dismisura: i primi ad essere contattati sono stati i genitori, in particolare mamma Michela, che ha sparso la notizia per tutta Minervino Murge. Poi è toccato alla fidanzata Rachele, con la quale poi Castrovilli ha scelto di festeggiare la prima convocazione a cena assieme all’amico Davide. Una serata speciale quella del numero 8, che da oggi lavorerà sapendo di avere la possibilità di esordire con l’azzurro più importante. Sarà per questo che in serata il centrocampista ha preferito non eccedere nei festeggiamenti, scegliendo di tenersi leggero con un filetto al pepe verde in uno dei suoi ristoranti preferiti, l’Osteria del Porcellino. Prima di sognare contro Bosnia e Armenia, in fondo, c’è il Cagliari da battere.

1
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Asti_Viola
Tifoso
Asti_Viola

Sono contento per lui e per il fatto che finalmente veniamo considerati, ma se torna rotto, o stanco, o se domenica a Cagliari ha già la testa alla Nazionale, mi girano… La Fiorentina prima di tutto.

Articolo precedenteCastrovilli, scalata iniziata già dal primo allenamento a Moena. Montella…
Articolo successivoMontella ha deciso: tocca a Vlahovic. Torna il 3-5-2, occhio anche a Caceres
CONDIVIDI