Castrovilli, caccia alla prima gioia contro il Brescia. Due anni fa un assist, domani test ‘da big’ (VIDEO)

0



La sosta ha portato il rinnovo e la consapevolezza di essere presente e futuro della Fiorentina. Test ‘da big’ al Rigamonti per Gaetano.

“Vorrei diventare un simbolo della Fiorentina. E ripercorrere la carriera di Antognoni sarebbe fantastico”. Non sarà banale il ritorno in campo di Gaetano Castrovilli, per la prima volta con il nuovo contratto in tasca da ‘giocatore vero’. Presente e futuro della Fiorentina, uno step richiesto da giovane speranza a trascinatore. Nel tempo, chiaramente. Ma il classe ’97 pugliese si sta già imponendo a grandi livelli, arrivando a stupire tutti nelle sue prime sette partite di Serie A. E scalzando un ex titolare come Benassi: mica poco.

CONFERMA. Ora anche per Castrovilli alle porte ci sono cinque partite in cui confermarsi. Non è sempre automatico per i giovani mantenere le aspettative, specie quando i riflettori di tutti (e anche degli avversari) sono puntati addosso. “Gaetano è il nostro futuro, calciatore giovane, di personalità, forte. Deve rimanere umile, serio, professionale”, ha sottolineato Pradè. Quindi testa subito al campo, e a Brescia: l’ultima trasferta portò a Castrovilli il primo gol in Serie A, a San Siro. Una bella soddisfazione, che spera magari di ripetere domani. Soprattutto, con i tre punti in tasca.

PRECEDENTI. Che poi, il Brescia, è una squadra che Castrovilli conosce bene. Sicuramente meglio di tutti gli altri interpreti viola, visto che (oltre ad un incrocio con il Bari nel 2014, finito 1-1) l’ha sfidata per tre volte in Serie B negli ultimi anni. Non trovando, tra l’altro, molte gioie. Con la Cremonese, lo scorso anno, sconfitta per 3-2 al Rigamonti e pareggio 0-0 in casa, mentre due anni fa rimase in panchina nella prima sfida ma, al ritorno, fu protagonista in trasferta con un bell’assist per il momentaneo vantaggio (il match terminò però 1-1): un preciso cross da destra, perfetto per l’incursione di Piccolo. Uno degli otto assist (oltre a 5 gol) in due anni in cadetteria. Stagioni che lo hanno formato nel carattere, nel fisico e nell’interpretazione tattica. Di fronte domani si ritroverà di nuovo Tonali, Bisoli, Donnarumma e gli altri. Per centrare la prima gioia contro gli ex dominatori di Serie B.

(l’assist di Castrovilli a 0′ 16” del video)

Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
Notifica di
Articolo precedenteOggi la Primavera: Bigica con Rasmussen, ma senza Dutu e Duncan
Articolo successivoRibery a Brescia da star, nello stadio di Baggio, Guardiola e Hagi
CONDIVIDI