Castrovilli, scalata iniziata già dal primo allenamento a Moena. Montella…

Angelo Giorgetti - La Nazione

6



La scalata verso la Nazionale è iniziata a Moena, fin dal primo allenamento. Bravo Montella ad aiutarlo a crescere in ogni partita

Già il primo giorno a Moena, potendolo valutare sul campo prima con curiosità e poi con vero e proprio interesse, Montella aveva avuto il dubbio che il ragazzo avesse numeri in evoluzione. Bastava probabilmente aiutarlo a estrarli. Alla fine del secondo allenamento, Montella telefonò a Pradè: «Daniele ascoltami, togli subito Castrovilli dal mercato». Era il 7 luglio e la scalata alla Nazionale di Castrovilli – con la decisiva collaborazione dell’allenatore viola – cominciò dal Trentino proprio mentre la Fiorentina stava cercando di portare a Firenze Rodrigo De Paul, per il quale l’Udinese chiedeva – e ha continuato a chiedere fino all’ultimo giorno di mercato – 35 milioni in contanti, scrive stamani La Nazione.

Come a volte succede nel calcio, l’esplosione di un giocatore è dipesa anche dal mancato successo di una trattativa, perché molto più ridotti sarebbero stati gli spazi per mostrare le proprie capacità. Certo che poi Castrovilli ci ha messo del suo, trasformando in oro fin da subito la fiducia dell’allenatore e riuscendo a non sbagliare nessuna delle 11 partite giocate finora in campionato; ma come sarebbe andata se da Udine fosse arrivato un centrocampista da 35 milioni, fra l’altro apprezzatissimo da Montella e Pradè? Di sicuro Castrovilli – protagonista lo scorso anno in B con la Cremonese con 4 gol e 4 assist – è riuscito a capitalizzare ogni occasione.

Nessun calo di concentrazione, né partite condizionate dallo stress determinato dalle prime notizie di un interessamento di Mancini per la Nazionale. Il salto di qualità decisivo è arrivato con le due reti di testa contro Sassuolo e Parma, colpi fino a quel momento inespressi all’interno di un repertorio tecnico in continua evoluzione. I meriti di Castrovilli vanno in vetrina e nessuno – proprio nessuno – gli ha regalato un’opportunità che una partita dopo l’altra è diventata una vera e proprio certezza. (…)

6
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Andrea61
Ospite
Andrea61

Dateci anche De Paul e avremmo avuto un centrocampo invidiabile in tutta la serie A con Pulgar , De Paul e Castrovilli finalmente ( Montella permettendo ) si sarebbe visto in panchina il bradipo di Badelj

Gabri78
Tifoso
gabri78

Come sarebbe andata in realtà nessuno può dirlo, magari oggi avremo avuto un centrocampo con Pulgar regista e De Paul e Castrovilli mezzali, senza Badelj a pesticciare per il campo

Gino lo Spazzino
Ospite
Gino lo Spazzino

Chi può dirlo? Magari invece avremmo avuto Pulgar a pesticciare per il campo. Visto che nel ruolo di regista puro non mi sembra quel gran campione e ha sì un buon lancio, ma probabilmente minore visione di gioco di Badelj.

Sinapsilondon
Tifoso
Sinapsilondon

Al 90% si perde domani e bideone ci fa come minimo una pera

prontissimi ad andare giù duro contro montella mi raccomando tifoseria cazzuta
mi raccomando pronti con le critiche

questa osservazione è rivolta non solo alla tifoseria ma anche e soprattutto agli addetti ai lavori espertissimi allenatori da poltrona

LUNGA VITA A VINCENZO A FIRENZE ALLA FERGUSON

FORZA VIOLA SEMPRE

GRANDE GAETANO

Renato
Ospite
Renato

Lo chiami bideone, credendoti simpatico, ma poi dici che “ che ci fa minimo una pera”. Un po’ di coerenza di pensiero e soprattutto un po’ di educazione non ti farebbero male

Maurizio milano
Ospite
Maurizio milano

Questa volta non è riuscita a tirarci il pacco
Grazie udinese
FORZA GRANDE VIOLA

Articolo precedenteIl programma della giornata: Montella parla alle 10.00, poi allenamento. Gioca la Primavera
Articolo successivoCastro, che giornata quella di ieri! L’allenamento, la notizia ed i festeggiamenti
CONDIVIDI