Cene, colloqui, social: la vera rivoluzione è il ‘metodo’ Pioli

di Matteo Magrini - La Repubblica

37



Una vera e propria rivoluzione. Silenziosa, ma netta. Mentre tutti discutevano di quella (al contrario, palese) che stava cambiando il volto della Fiorentina sul mercato, nello spogliatoio, e sul campo, un uomo e il suo gruppo di collaboratori lavorava a fari spenti. Quell’uomo, ovviamente, è Stefano Pioli. Uno che, senza far rumore, ha ribaltato il mondo viola. Come? Prima di tutto ricreando attorno e dentro alla squadra un clima di entusiasmo. Pioli fin dal primo momento ha dimostrato convinzione e senso di appartenenza. Pubblicamente, e non solo. Uno spirito che i tifosi hanno colto al volo. Non a caso si sono schierati al fianco di tecnico e squadra.

Un altro aspetto fondamentale del “Metodo” è la cura del gruppo. #Insiemesiamopiùforti è l’hashtag che in questi giorni accompagna tutti i post dei giocatori viola sui vari social network. Da Chiesa che rilancia la foto del suo abbraccio con Pioli a Simeone che posta quello collettivo dopo il gol dello 0-1 sul Verona. Un aspetto, questo, che Pioli ha coltivato fin da subito. Spesso è lo stesso allenatore, per fare un esempio, ad organizzare le cene di squadra. È successo sulle Dolomiti e l’appuntamento (quasi una volta alla settimana) viene regolarmente rispettato anche a Firenze. E poi ancora. I colloqui individuali. Pioli ama confrontarsi faccia a faccia. Non solo discorsi davanti a tutti insomma, ma anche lunghi confronti a quattrocchi. Un esempio? Badelj. Era convinto di andarsene e invece, grazie al lavoro “ai fianchi” del tecnico, ha deciso di restare. Oppure Benassi. Pioli lo ha chiamato prima ancora che firmasse (idem Thereau), gli ha spiegato cosa aveva in mente, e dopo le prime difficoltà (durante la sosta) ci ha parlato tantissimo. Sarà un caso, ma a Verona l’ex Torino ha dato le prime, grandi, risposte.

Capitolo allenamenti. Sono diversi quasi ogni giorno, e sono caratterizzati da sfide. Ogni esercitazione porta con se premi o penitenze. Un modo per rendere divertenti anche i momenti teoricamente più noiosi o faticosi. Senza trascurare la cura dei dettagli. E la serietà. Anche lunedì, alla ripresa dopo il trionfo di Verona, Pioli ha spostato immediatamente l’attenzione sugli aspetti che non lo avevano convinto. La fase difensiva, per dire, secondo lui va ancora migliorata. E parecchio. C’è, infine, una parolina “magica”: condivisione. Al centro sportivo c’è un’aria nuova. Fresca. Dal bunker creato da Sousa all’apertura quasi totale. Staff, dirigenti, ma non solo. Anche magazzinieri o “addetti ai campini”. Con Pioli non esistono barriere e, presto, si aprirà anche qualche allenamento ai tifosi. Perché lui lo sa. #Insiemesiamopiùforti.

37
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
Luca M
Ospite
Luca M

Si fa così : si trova l’aspetto negativo quando si vince e quello positivo quando si perde . Equilibrio e convinzione nel volersi migliorare sempre .

lapino da rifredi
Ospite
lapino da rifredi

Cicci Col Bologna poche seghe…tre punti e tutti contenti, altrimenti it’s only fuffa!!

Ale da Pisa
Ospite
Ale da Pisa

Calma, calma. Qui abbiamo vinto una partita, cerchiamo di non esaltarci troppo adesso perche’ contro il bologna ci sono in ballo gli stessi 3 punti.
Qualora dovessimo perdere cosa? Sarebbe di nuovo tutto da buttare?
Io lo dico dal 31 agosto, questo sara’ un anno molto difficile data la rifondazione e la giovane eta’ della squadra. Per cominciare a dare giudizi aspetterei la 10′ giornata.
Qualcosa di buono credo di averlo intravisto in queste 3 giornate, io sono fiducioso.

Ale’ Viola

LEMAC
Ospite
LEMAC

Io sarei molto cauto nell’esprimere spiriti trionfalistici. Qui si sono perse malamente due partite e vogliamo dire che la colpa era tutta di Tomovic e quindi estirpato il male è tornato di colpo il sereno? Tomovic ha avuto le sue colpe ma tutta la squadra ha girato male. Dopodichè hanno giocato discretamente a Verona e vinto una partita facile con una squadra che nn si salverà, ma da qui a dire che ora son tutte rose e fiori freschi ce ne passa. Lasciamo che sia il tempo a dire come stanno le cose, se poi davvero la squadra ha preso… Leggi altro »

Francesco
Ospite
Francesco

Facciamo 40 punti il prima possibile! Tutto il resto è’ guadagnato.

Biotto
Tifoso
Alessio

Ma solo io non vedo l’ora che sia sabato per vedere questa nuova Fiorentina ancora in campo? Sarò anche un inguaribile ottimista ma io respiro un’aria nuova che mi piace molto….se vu smettessi di stare sempre a criticare ve ne accorgereste anche voi….ma a voi che ve ne frega, il calcio ormai per molti finisce quando chiude il calciomercato icchè tu vuoi sperare?!

ausono
Ospite
ausono

Condivido, infatti piangiamo tutto l’anno e quella volta che possiamo gioire, seppure per una volta, tanti continuano a piangere per il timore di perdere la prossima. Il calcio si vive alla giornata, noi non siamo la Juve che vince sempre (in Italia)..

Divertito
Ospite
Divertito

Dovessimo non vincere con il Bologna il metodo Pioli me lo saluti…..Io sono ottimista….Con il Bologna non perdiamo…. pero’ non credo sia partita che determini alcun livello… Almeno superiore… Dovessimo perdere….

Alessio
Ospite
Alessio

Tutto questo perché abbiamo vinto una partita contro una squadra che retrocederá e farà 20 punti?ci ha proprio ridotti male questa proprietà.

treics
Ospite
treics

Non è la vittoria. Se ti limiti al risultato vuol dire che hai i paraocchi. Questa squadra è tutt’altra cosa rispetto a quella di Sousa. E’ più scarsa, e forse ne potrà perdere parecchie, ma in campo si vede la voglia di giocare, i tentativi di andare verso la porta, una visione di gioco, un attaccamento, e cosa più importante, come si dice nella mia zona, la cazzimma. Tutto questo non è legato ai risultati. Vincere è bello ed alza il morale, ma a Firenze, in passato, abbiamo amato squadre che facevano schifo ma che davano il 110%. A quel… Leggi altro »

etabeta
Ospite
etabeta

D’accordo più o meno con la maggioranza. È bastato che i fratelli facessero chiarezza per ritrovare la voglia di Viola. Magari non se ne andranno, ma hanno detto che la società è in vendita e coerentemente hanno fatto cassa. Poi hanno ricostruito con una parte degli utili ed ancora nessuno può dire che squadra abbiamo, ma a tutti è tornata la voglia di starle accanto che si lotti per l’Europa o per la salvezza. Pioli sta facendo bene mi sembra, e i giocatori cominciano a comunicare con la città. Ma ci voleva tanto? Se anche non cedessero come preferirei almeno… Leggi altro »

max
Ospite
max

Maaa… ! Andiamoci piano e’ ragazzi…! Altrimenti rischiamo un’altra delusione… Infondo abbiamo vinto solo una partita con una neopromossa…..A Firenze siamo dei maestri a passare dalle stelle alle stalle ……

Marcello
Ospite
Marcello

Spesso con le neo promosse perdevano e prendevamo goal dai debuttanti.
Questa volta è andata meglio: godiamocela!

Articolo precedenteFiorentina-Bologna, attesi al Franchi 25 mila spettatori
Articolo successivoDs Malaga: “Per Cecchini abbiamo battuto la concorrenza di Inter e Fiorentina”
CONDIVIDI