C’erano una volta i calci piazzati targati Gianni Vio..Adesso segnano solo gli altri..

    0



    Ilicic Fiorentina Esbjerg punizioneSe lo smalto non è quello dei giorni migliori, il gioco della Fiorentina diventa prevedibile perchè il giro palla è faticoso e il gioco sulle fasce si esaurisce sul nascere. Anche perchè pesano gli infortuni e la condizione fisica sta avendo una flessione inevitabile, probabilmente, ma altrettanto preoccupante. Non che il Milan abbia fatto una partita scintillante, fatta di ritmo e sovrapposizioni. Anzi. Ha sfruttato due calci piazzati al meglio e portato via una vittoria scaccia crisi (o salva Seedorf) al «Franchi».

    Ecco, qui sta il punto. La scorsa stagione i calci da fermo erano il pane quotidiano della Fiorentina che sfruttava al massimo — gol e azioni pericolose — le situazioni che nascevano da angoli e punizioni. Invece, quest’anno, i viola sono irriconoscibili sotto questo aspetto e non riescono a ritrovarsi. E’ stata questa la differenza tra la Fiorentina, la Juventus di Europa League e il Milan del campionato. Con ogni probabilità gli avversari hanno studiato le contromosse agli schemi disegnati da Gianni Vio — il mago dei calci piazzati —, ma serve ritrovare quell’aspetto del gioco.

    Commenta la notizia

    avatar
      Subscribe  
    Notifica di
    Articolo precedenteSOS Alessandro Matri. Anche col Milan errori clamorosi davanti alla porta
    Articolo successivoMoviola: ci poteva stare un rigore su Balotelli. Ok il gol di Mexes e il fallo di Roncaglia
    CONDIVIDI