Chiarugi: “Alla Juve il mio gol più importante. Brividi aver vinto lo scudetto a Torino”

6



Luciano Chiarugi è intervenuto a Radio Blu: “Il mio gol alla Juve? Sicuramente il più importante della mia carriera, mi mette sempre i brividi ricordare di aver vinto lo scudetto proprio in casa dei bianconeri. La Fiorentina di oggi? Ha tutte le carte in regola per far bene, negli ultimi anni ha sempre messo in difficoltà i bianconeri. Domenica, con Borja in campo, la Fiorentina potrà dire la sua. Pensiamo a vincere per agganciare il gruppone delle prime. Vivere un Fiorentina-Juventus da calciatore? E’ una partita vissuta da tutta la città, non ha la stessa valenza dei tanti derby regionali. Per tanti anni battere la Juve voleva dire salvare la stagione”.

6
Commenta la notizia

avatar
  Subscribe  
ultimi più vecchi più votati
Notifica di
gianni usa
Ospite
gianni usa

Caro Lucianino,ne e’ passato del tempo da quando venivi a Coverciano con il povero Adriano e mi pare Paolino Giusti che era un portiere.Abbiamo passato sei o sette anni della nostra giovinezza insieme,poi tu hai cominciato a volare.Io c’ero a Torino e la mia gioia fu immensa per la Fiore ma soprattutto per te.Salutoni dall’America.

vecchio criticone
Ospite
vecchio criticone

Caro Luciano, io ero un bambino e, insieme ai miei genitori, venni alla partita contro il Barcellona che festeggiò la conquista dello scudetto. Tu e altri giocatori, prima di entrare nello stadio, eravate al bar Marisa a prendere il caffè. Io volevo chiedervi un autografo e vi porsi il mio abbonamento, che era di quelli a librettino con la pagina posteriore non stampata. Me lo autografaste tu, Amarildo, Merlo, Pirovano e Ferrante. Amarildo mi mise una mano fra i riccioli e mi chiese se mi piaceva giocare a pallone. Conservo ancora quell’abbonamento. Spiegalo tu a questi giovani che calciatori e… Leggi altro »

Miky
Ospite
Miky

Ma chetati era l’eta’ della pietra

Rocco54
Ospite
Rocco54

sei il tipico esempio di caccolino da tastiera.
tornasse l’età della pietra, magari!!!

violaceo
Ospite
violaceo

Caro luciano,mi hai fatto vivere uno dei momenti più belli della vita,ero a Torino con il mio babbo,toccammo il cielo con un dito,il viaggio di ritorno fu indimenticabile, si piangeva di gioia e si rideva come matti,cin la nostra 850 ci si mise quasi 5 ore,ma a noi sembrarono 5 minuti.Che ricordi!!!
Grazie.

pratociri
Ospite
pratociri

Allora eravamo attaccati al transistor per ascoltare i secondi tempi delle partite di tutto il calcio minuto per minuto.
Sandro Ciotti da Torino: “IL CIELO D’ITALIA STA TINGENDOSI DI VIOLA”
Frase indimenticabile.
Grazie anche a te Luciano e Auguri

Articolo precedenteFiorentina-Borussia M., dal 16 gennaio via alla prelazione biglietti
Articolo successivoVerso la Juve: Astori non ancora in gruppo, probabile centrocampo a tre
CONDIVIDI